Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona il box in alto "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

giovedì 30 ottobre 2014

ANTI-TIREOGLOBULINA ALTA E IPOTIROIDISMO HASHIMOTO


LETTERA

CURE NATURALI A DIFESA DELLA MIA TIROIDE

Gentile Valdo Vaccaro, cercando informazioni su internet circa cure naturali per difendere la mia tiroide dagli attacchi di anticorpi invadenti, sono capitata sul suo blog. Già leggere il titolo "Il mio combattivo approccio anti-Eutirox" mi ha incitata a continuare la mia lettura.

RIFIUTO SISTEMATICO DELL'EUTIROX E RICORSO A TRATTAMENTI OMEOPATICI

Sono sei anni che convivo con la mia tiroidite, vivendo a fasi alterne tutti i problemi e sintomi correlati. Da tre anni seguo una cura omeopatica, l'unica cura seguita finora, dopo aver fronteggiato e mandato letteralmente a quel paese tutti i medici. Medici che hanno tentato in tutti i modi di propinarmi la famosa pillolina magica Eutirox, l'unica in grado, secondo il loro parere, di curare questo tipo di patologia. Ho sempre rifiutato e cercato soluzioni più logiche e sensate, affidandomi alle cure omeopatiche del dr Jerome Louis Malzac. 

SITUAZIONE PRIMA E DOPO LE CURE

Brevemente le spiego la mia situazione prima della cura omeopatica: Tsh, Ft3 e Ft4 nella norma,
Anticorpi anti-tireoglobulina 9000, Anticorpi anti-tireoperossidasi intorno ai 4000. Inizio ad assumere il selenio e gli anti-tireoglobulina scendono intorno ai 5000. Con la cura omeopatica l'ultimo valore scende a 3800 circa, e l'anti-tireoperossidasi sta a meno di 1000.

VALORI NELLA NORMA MA SBALZO ENORME DELLA ANTI-TIREOGLOBULINA

Prima dell'estate scorsa, ho effettuato un test genetico sul Dna, rivelatore di un forte stress ossidativo ambientale, predisposizione al diabete, alla celiachia, al lattosio. Ieri ho ritirato le ultime analisi generali. I valori Adh, Anticorpi anti-microsoma lkm, Cortisolo plasmatico, Renina diretta, Ortostatismo, Androstenedione, Piastrine, Azotemia, Uricemia, Sodio-potassio-calcio-magnesio,
Tireoglobulina, Acth, Esame emocromocitometrico e morfologico, Tsh, Ft3, Ft4 risultano tutti nella norma. Fuori controllo invece l'Anti-tireoglobulina a 12455 e l'Anti-tireoperossidasi a 841. Non capisco questo sbalzo abnorme della anti-tireoglobulina.

EVOLUZIONE IN POSITIVO DELLA MIA ALIMENTAZIONE

Le comunico che da tempo ho eliminato dalla mia dieta glutine, carne, zucchero bianco e di canna, mentre sto cercando di eliminare i latticini. La mia alimentazione comprende legumi, cereali solo agglutinati, frutta, verdura, frutta secca, noci e mandorle principalmente. Faccio tutto in casa, per i dolci uso miele o fruttosio. Sto prendendo l'abitudine di prepararmi centrifugati di verdura e frutta e la mattina a digiuno un bicchierone di acqua, mezzo limone e un cucchiaino raso di bicarbonato.

NIENTE ATTIVITÀ FISICA CAUSATRICE DI RITARDI NEL CICLO

Premetto che non faccio attività fisica, perchè ogni stimolo o cambiamento mi blocca per mesi il ciclo. Il ritardo mi fa sballare completamente tutto l'organismo, e tutti gli sforzi fatti con l'alimentazione e il resto, vanno persi. Quindi evito.

CURE A BASE DI INTERLEUCHINA E DI MUIRA

Da un mese assumo la Muira puama che, anche se presa inizialmente per rimediare ad un calo di libido, in seguito ho scoperto essere un ottimo rimedio contro la stanchezza e fatica cronica che questo tipo di problema mi comporta. Come cure, in questo momento assumo solo Interleukin 11-4 ch (omeopatico) e Muira Puama (2 cp).

COME PROTEGGERE LA MIA TIROIDE DA ANTICORPI ALTI

Quello che voglio cercare di fare è di eliminare pian piano anche l'Interleukin e la Muira che per ora mi fanno stare bene, e vorrei un consiglio per capire come proteggere comunque la mia tiroide dagli attacchi di anticorpi così alti, oltre quello che faccio già con l'alimentazione e quanto detto finora.
La ringrazio e resto in attesa di comunicazioni. Saluti.
Antonella 

*****

RISPOSTA

DEFINIZIONE DI IPOTIROIDISMO E DI TIROIDITE HASHIMOTO

Ciao Antonella. La tiroidite di Hashimoto è una malattia consistente nell'infiammazione della ghiandola tiroidea. L'ipotiroidismo è una disfunzione della ghiandola tiroide che non produce abbastanza ormoni tiroidei. Sintomi comuni dell'ipotiroidismo sono stanchezza, aumento di peso e depressione. Solitamente l’ipotiroidismo non è una condizione grave. Viene facilmente curata con dosaggi ormonali che sopperiscono alla carenza degli ormoni tiroidei.

NON È IL CASO DI PREOCCUPARSI

Anticorpi e l'anti-tireoglobulina alti sono fenomeni abbastanza comuni nelle donne, per cui non è cosa grave di cui preoccuparsi, soprattutto quando i valori Th3 e Th4 rimangono entro i valori normali, come nel tuo caso. Non occorre pertanto fare nulla, se non rilassarsi e vivere serenamente.

TENERE SOTTO CONTROLLO LA FUNZIONALITÀ TIROIDEA

Gli anticorpi elevati servono pure per fare la diagnosi, ma non vanno monitorati. La cosa importante è, invece, tenere sotto controllo la funzione tiroidea (Tsh, FT3, FT4 ), perché una tiroidite affaticata nel tempo, può portare nel tempo ad ipotiroidismo.

TESINE DA LEGGERE

- Ipotiroidismo, Hashimoto e scelte nutrizionali, del 25/5/11
- Tiroidite di Hashimoto e cellule di Hurthle, del 3/7/13
- Alla ricerca di conferme su casi Hashimoto, del 2/3/13
- Hashimoto, debolezza e depressione psichica, del 20/3/13
- Hashimoto, insonnia ipofisaria e testosterone, del 15/1/13

Valdo Vaccaro








PIÙ SPREMUTE E SUCCHI PER ABBASSARE L'ACIDO URICO


LETTERA

ACIDO URICO OLTRE I LIMITI

Buongiorno, mi permetto di disturbarla dopo aver letto un suo articolo del 27/11/2011. Il mio problema è un valore di acido urico a 8.4 e dunque sopra i limiti. Le chiedevo se il fatto di aver subito un intervento di asportazione di tutti i linfonodi all’inguine sinistro causa melanoma, può influire su questo disturbo. La ringrazio e la saluto.
Roberto

*****

RISPOSTA

OGNI INTERVENTO ED OGNI FARMACO AGGRAVANO LA SITUAZIONE

Ciao Roberto. Chiaro che ogni intervento chirurgico, ogni asportazione ed ogni cura farmacologica di contorno, comportano inevitabilmente acidificazione e addensamento del sangue. Nel caso dei linfonodi l'effetto è particolarmente pesante, in quanto si vanno a coinvolgere i delicati meccanismi immunitari.

INCREMENTARE SPREMUTE E CENTRIFUGATI

Si raccomanda pertanto uso intensivo di spremute e di succhi freschi e vivi, ossia di bevande alcalinizzanti, come eccezionale rimedio, estromettendo elementi acidificanti dalla propria dieta.
Leggere le mie tesine, incluso quella appena pubblicata dal titolo "Come salvarsi dalla creatinina alta e dalla dialisi".

Valdo Vaccaro