Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

venerdì 27 febbraio 2015

NUOVO ADEPTO VEGAN-CRUDISTA CARICO DI ENTUSIASMO E DI DOMANDE


LETTERA

CONSIDERAMI COME NUOVA ACQUISIZIONE DEL TUO GRUPPO

Ciao Valdo, sono ancora qui a romperti, anche se mi rendo conto che tratti questioni ben più complesse e più degne di attenzione di quelle che ti pongo. Sono un recente acquisto del tuo gruppo, entusiasta dello stile di vita che sto recuperando grazie ai tuoi validi consigli. Giusto per farti un esempio, settimana scorsa, periodo di influenze, mi stavo per ammalare. Sentivo già i primi sintomi dell'influenza. Naso che colava, mal di gola, rinite, mal di testa.

NIENTE PIÙ RINAZINE E TACHIPIRINE VISTO CHE LE CURE NATURALI FUNZIONANO

In passato, ovvero fino ad un anno fa, sarei ricorso a tachipirine, rinazine e ad ogni genere di droga per risolvere la questione e troncare tali sintomi. Questa volta ho interpretato la malattia per quel che è, ossia come acidificazione e affaticamento di un corpo che, nonostante la mia buona volontà, ha subito degli insulti. Non ho preso nulla e ho cercato di mantenere un regime alimentare pulito, puntando su digestioni leggere e veloci ed evitando sovraccarichi proteici e zuccheri artificiali. Venerdì sera mi sentivo un inizio di febbre. Ho pensato: "Bene, il corpo sta buttando fuori". Sabato mattina stavo benone ed ho fatto anche dello sport.

DUBBI SULLE CREME DI FRUTTA SECCA

Venendo a noi, ti porrei una serie di domande utili, per un novizio come me, a farmi passare tranquillamente al nuovo regime alimentare. Spero anche di poter essere d'aiuto a chi si sta ponendo ancora delle domande in merito. Ho letto nelle tue tesine che sconsigli le creme di arachidi, di nocciole e di anacardi. Posso chiederti perchè? Anche se si tratta di frutta secca al 100%? A me piacciono molto. Col nuovo regime alimentare, basato per lo più su frutta, verdura, cereali e frutta secca mi sono asciugato. Il peso è uguale ma risulto più asciutto. Immagino di dover introitare anche una certa quantità di grassi buoni. Sbaglio? Oltre alla frutta secca, da dove li prendo?

MOZZARISELLA E TOFU

Cosa ne pensi dei formaggi vegetali? Ho trovato una simil-mozzarella. Si chiama mozzarisella perchè fatta col latte di riso. Che ne pensi? E il tofu? Ho provato a fare la crema di avena di cui parli tanto bene. Ho messo latte di riso (una tazza) e 3 cucchiai di farina d'avena a scaldare per 3 minuti. Ho aggiunto dopo dei semi di sesamo. Risultato, perdonami il francesismo, una schifezza! Ho sbagliato qualcosa? Devo insaporirla in altro modo?

CONSIGLI PER UNA CENA COMPLETA E VELOCE

Per lavoro sono fuori tutto il giorno. Arrivo la sera a casa alle 8.30. Capirai che se dovessi mettermi a preparare ricette ogni sera non ce la farei. Del resto i prodotti da supermarket son comodi proprio per questo. Cosa mi consigli di mangiare per una cena completa e veloce? E a colazione? Con la vecchia alimentazione mangiavo tortine con un caffè. Vorrei provare a farmi un frullato di yogurt di soia, frutta secca, avena e banana. Cosa ne pensi? Posso prepararlo la sera e metterlo in frigo, dato che poi la mattina sono di fretta?

CAMPIONI SPORTIVI E SOSTANZE ANABOLIZZANTI

Quando cito esempi di sportivi vegani, come Bill Pearl, la Navratilova, Dusan Dudas, mi dicono che non bisogna guardare a loro perché da buoni atleti si bombano, ovvero prendono sostanze anabolizzanti. Che ne pensi? Avrei ancora molte altre domande e col tempo, se non ti spiace, te le farò. Per ora mi accontento di queste, se me lo concedi. Sette domande soltanto, una al giorno. Grazie per il tuo enorme lavoro di apertura mentale.
Domenico

*****

RISPOSTA

NULLA HO CONTRO LA FRUTTA SECCA

Ciao Domenico. La frutta da guscio tutta, specie mandorle, pinoli e nocciole, ma anche anacardi, pistacchi e noci, trova il massimo appoggio da parte mia. Le creme un po' meno, per il fatto che vengono lavorate con tutte le conseguenze e le complicazioni del caso. Una manciata di frutta secca e metà avocado al giorno ti garantiscono l'apporto di grasso buono e di Omega 3 che vai cercando.

SUGGERIMENTI PER LA CENA E LA COLAZIONE

Dal momento che hai poco tempo per preparare dei cibi, ricorri pure ai prodotti comodi e gradevoli che trovi al supermarket, selezionando quelli che ti offrono più garanzie di qualità. Per la cena ti suggerisco un bel primo piatto di radicchio, accompagnato da dei crauti o da delle olive, più fetta di avocado e del pane integrale. Il secondo piatto sarà a base di gnocchi di patate non irradiate che avrai acquistato presso un negozio di qualità, oppure si tratterà di minestra di verdure cotta 15 minuti, con patate, carote, cavolo, porro e cipolla, oppure di un piatto di pasta al pomodoro o all'aglio-olio-peperoncino. L'idea di preparare la sera dei cibi per la mattina dopo è sicuramente valida. Meglio un buon frullato a base di yogurt alla soia, più banana e avena, che una crema di avena improvvisata male ed in fretta.

LA LONGEVITÀ SPORTIVA È PROVA DI TRASPARENZA

Quanto infine ai campioni che si dopano, non si può fare di ogni erba un fascio. È vero che la voglia di prevalere, di primeggiare e di vincere porta molti atleti vegani e non-vegani a usare sostanze proibite, abitudine mai abbastanza condannata. Ma è pure vero che chi raggiunge longevità sportiva, come nel caso della Navratilova, dimostra coi fatti onestà e trasparenza sportiva, visto che l'uso di droghe abbrevia e compromette la salute di chi fa competizione sportiva.

Valdo Vaccaro

COME SCONFIGGERE I BRUCIORI E L'IMPACCIO GASTRICO


LETTERA

FORTI BRUCIORI ALLO STOMACO

Buongiorno dr Vaccaro, Innanzitutto voglio congratularmi con Lei per il suo preziosissimo lavoro che sta facendo. È da poco che ho scoperto il suo blog e sono rimasta molto entusiasta per i suoi insegnamenti e come li dà. Ho 32 anni e sono alta 152 cm e di solito peso 44-45 kg. È da 6 mesi che ho iniziato a soffrire di bruciori forti allo stomaco persistenti. 

DIETA GRUPPI SANGUIGNI E ALTRE TERAPIE SENZA ESITO

Ho fatto una terapia dettata da un gastroenetrologo ma non ha funzionato. Per cui ho cominciato a curarmi da sola con l'alimentazione. Ho provato ad eliminare il glutine o meglio a ridurlo, insieme ai latticini, seguendo la dieta del dr Mozzi. Ho eliminato il caffè. Il bruciore è migliorato ma in cambio non riesco più a digerire nulla. Prima di conoscerLa la mia alimentazione era principalmente piena di frutta e verdura, poca pasta, riso, carne bianca, pesce, uova e patate, pochi legumi, semi oleosi, frutta secca, polenta, niente gnocchi e passati perché mi danno acidità. Ho dovuto ridurre molto i dolciumi, i prodotti da forno e prediligere piatti semplici. 

DIVERSI TENTATIVI MA STOMACO SEMPRE IN CRISI E PERDITA PONDERALE

Ora ho ridotto anche la carne, ma il mio stomaco non funziona. Sto perdendo peso e questo mi spaventa. Ho provato a curarmi con tutto. Centrifugati di patate e mele, aloe, omeopatia, cura del limone, tisane varie. Sto attenta ad abbinare i cibi, ho paura che mi faccia male qualsiasi cosa. Stasera per esempio ho mangiato poca insalata più carote grattuggiate con olio e limone, patate cotte con buccia, pane di segale e broccoli al vapore con olio. Il mio stomaco si è dilatato subito dopo cena, con senso di pesantezza e stanchezza. 

DUE BAMBINI PICCOLI DA ACCUDIRE

Ho due bambini piccoli, un lavoro notevole e quando non digerisco bene mi sento debole, nervosa e non riesco ad accudire i miei figli come vorrei. A volte per liberarmi dalle innumerevoli indigestioni cerco di liberarmi con il vomito. So che è sbagliato ma almeno così posso riprendere a mangiare invece di fare continui digiuni saltando i pasti. Per esempio la merenda del pomeriggio mi blocca quasi sempre la digestione in corso creando pesantezza e bruciore. Cerco la mattina di stare un po' all'aria aperta, mastico con cura e con calma. Inoltro soffro anche di colite, migliorata grazie ai lavaggi intestinali. 

VORREI MANGIARE DI PIÙ MA LA DIGESTIONE MI TRADISCE

Da piccola soffrivo molto di indigestioni. I miei problemi si ripercuotevano sullo stomaco. Purtroppo sono diventata anoressica e poi bulimica. Ho avuto dei figli e le cose sono migliorate parecchio. L'anno scorso mi sono fatta prescrivere addirittura una dieta ingrassante a base di patate pasta e pane, per cui pesavo 43,5 kg. Non ha funzionato. Sono arrivata a pesare di nuovo 39 kg e ho smesso. Mi aveva tolto i dolciumi, cioccolata e i condimenti, cosa che io uso molto. Li ho riconquistati tutti i chili, prima che iniziassero i problemi di stomaco. Ora sono a 40.7 kg. Vorrei mangiar di più, a volte lo faccio e poi sto male. Che fare?

CERCO DISPERATAMENTE IL RIPRISTINO DELLA NORMALITÀ

La prego, mi aiuti perché mi sembra di rivivere la mia magrezza malata di un tempo. Mi sento priva di energie e provo un disagio per il mio fisico così esile. Vorrei andare di nuovo in palestra per acquisire massa muscolare ma sono troppo debole. Ho provato a fare anche un digiuno di tre giorni con frutta e sono stata meglio per una settimana e poi è iniziato nuovamente il calvario. Ho prenotato una gastroscopia non sapendo più cosa fare. Attendo con speranza una Sua gentile risposta e aiuto. Grazie dr Valdo.
Lara

*****

RISPOSTA

L'IMPACCIO GASTRICO VA RISOLTO AL PIÙ PRESTO

Ciao Lara. Il ricorso alla dieta Gruppi Sanguigni non ti ha sicuramente apportato nulla di buono. È sicuramente urgente prendere provvedimenti e risolvere i tuoi problemi digestivi. Non solo perché vivere non l'indigestione è un tormento, ma anche perché soltanto digerendo bene si produce sangue pulito e si espelle progressivamente il sangue grasso che è causa delle peggiori patologie. L'impaccio gastrico e l'infiammazione delle mucose gastriche comportano bruciori, flatulenze, vomito, coliche, diarrea, dolori, alito cattivo. Un vivere male davvero.

ABBATTERE L'ANSIA E MANGIARE SOLO IN PRESENZA DI APPETITO

Abbattere l'ansia è il primo passo importante per calmare lo stomaco. Durante la notte un cataplasma di fango tensioattivo su stomaco e intestino toglie surriscaldamento all'apparato gastrointestinale. Anche un semplice cataplasma di più foglie di cavolo sovrapposte fa un buon lavoro. Se manca appetito non serve forzare il sistema e mettersi a mangiare. Meglio ricorrere al digiuno di almeno un giorno, bevendo acqua a piccoli sorsi, o mangiando diverse fette di papaia, frutto magnifico che sta arrivando dal Brasile sui nostri mercati. Ottimi gli infusi di salvia, assenzio, menta, camomilla, basilico, malva, rosa canina, ortica.

MATTINATA FRUTTARIANA CON PRANZO E CENA VERDURIANI

Non appena torna la fame ripartire con la frutta e con le insalate crude ben masticate. Verdure allo stato crudo come carote, finocchi, carciofi, cavoli, radicchio, valeriana, rape, ramolaccio, ravanelli, o anche cavolfiore e cavolino di Bruxelles cotti al vapore, formeranno il piatto d'esordio a pranzo e cena, accompagnate da olive, o crauti o peperoni. Il secondo piatto includerà minestrone di verdura cotto 15 minuti e non oltre, o peperonata, o gnocchi di patate, o fagiolini con aglio crudo o cipolla cruda, o polenta arrostita e funghi, o pasta alle cime di rapa e simili. La mattinata invece sarà riservata alle spremute di agrumi, al latte di mandorle, alla frutta o al centrifugato di 4 carote, 1 costa di sedano, 1 fetta di ananas o 1 mela.

TESINE DA LEGGERE

- Cura risolutiva dell'ulcera duodenale grazie al magnifico cavolo, del 24/2/15
- Problemi digestivi ed pepato-biliari trascurati da anni, del 25/12/14
- Incomparabili rimedi nomadi a gastriti, reflussi, nefriti ed epatiti, del 20/12/14
- La partita decisiva si gioca nell'intestino, dell'1/12/14
- Eccesso alimentare e stomaco a  pezzi, del 29/11/14
- Polipi, gastrite, dispepsia e formidabili rimedi naturali, del 20/8/14
- Digestione inappuntabile e senza problemi, del 10/7/14
- La salute umana parte dal colon, del 24/6/10

Valdo Vaccaro