Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 22 settembre 2014

ALIMENTAZIONE E BENESSERE SECONDO NATURA


ALIMENTAZIONE E BENESSERE SECONDO NATURA

(Conferenza di Olmi-Quarrata, Pistoia, del 21 Settembre 2014)


L'EROISMO DEL VIVERE QUOTIDIANO

Vivere nel Terzo Millennio dopo Cristo sembrerebbe cosa facile e all'acqua di rose, con tutte le luci, le insegne, le musichette, i bar, i negozi normali, i negozi bio, le bancarelle, i fast food, i ristoranti, le gelaterie e i supermercati. Purtroppo non è affatto così, amici di Pistoia e dintorni che mi state qui ascoltando. La sopravvivenza e la resistenza umana sono messe oggi a durissima prova. Un modo di campare, quello nostro, sottoposto quotidianamente a insulti, perversioni e traumi emotivi fuori della norma per cui anche il semplice tran-tran esistenziale diventa un'avventura e una sfida, per non dire un atto di coraggio che sfiora a volte l'eroismo.

PIANI ABERRANTI ED ABOMINEVOLI DI UNA CRICCA PLANETARIA AL POTERE

Non è soltanto una questione di malignità e di scelleratezza di chi governa attualmente il mondo manovrandolo con perfidia ed iniquità da dietro le quinte, secondo progetti e piani aberranti, oscuri ed abominevoli, intesi più a devastare e distruggere che a costruire, più ad impoverire e bastonare le genti, piuttosto che arricchirle e rasserenarle. Tutto procede in linea logica con le demenziali e schizofreniche intenzioni dei servizi segreti e del gruppo Bilderberg, tese a ridurre, decimare e falcidiare la popolazione mondiale ricorrendo a criteri di vero e proprio sterminio.

TREDICI FAMIGLIE NOBILIARI, DESPOTI E DOMINATRICI DEL PIANETA

Niente catastrofismi e niente teorie complottistiche fantasiose, ma solo argomenti concreti e dimostrabili. Questa è gente che Prima Guerra Mondiale sapeva, per filo e per segno, quanto sarebbe poi accaduto nel Secondo Conflitto. Riprendendo alcuni spunti dalla mia tesina "Il mondo nel frullatore Bilderberg", le redini stanno nelle mani di un Nucleo Centrale composto dalle 13 Famiglie più ricche e mafiose del pianeta, comprendenti discendenze che portano i nomi di Rothschild, Rockefeller, Windsor e simili, coi reali di Inghilterra, Olanda, Belgio e Svezia in primo piano.

RETROGRADAZIONE AI PRINCIPI DELLA MAGNA CHARTA

Parliamo di nobiltà nera e di decision makers, di gente che tira le fila delle insipide marionette nazionali. E parliamo dei servi telecomandati che stanno ai governi, ai ministeri e nei parlamenti depotenziati e devitalizzati. Categorie che ridicolizzano e svuotano di ogni significato i concetti di libertà, di democrazia, di diritti dell'uomo, riportandoci indietro di secoli ai tempi del peggiore  schiavismo, ai tempi di quella Magna Charta Libertatum rilasciata ai baroni britannici da re Giovanni d'Inghilterra, o Giovanni Senza Terra, fratello di re Riccardo Cuor di Leone, il 15 giugno 1215.

PRIMO RICONOSCIMENTO SCRITTO SUI DIRITTI DEGLI UOMINI LIBERI

Magna Charta dove venivano riconosciuti i diritti dei feudatari, della Chiesa Anglicana, delle città inglesi e di tutti gli uomini liberi, nei confronti del sovrano d'Inghilterra. Magna Charta primo atto storico che poneva dei limiti al governo sovrano, riconoscendo dei diritti ai sudditi, e che fu scomunicata immediatamente da papa Innocenzo III, visto che era lui il vero Signore Feudale dell'Inghilterra e dell'Irlanda!

LOBBISTI, LECCAPIEDI E LUSTRASCARPE DEL POTERE

Intorno a questo nucleo esclusivo ed impenetrabile, ruota il circolo esterno, con circa 150 mediatori di potere appartenenti ai vari settori-chiave bancario, accademico, industriale, sindacale, mediatico e militare. Personaggi che gongolano nei party più esclusivi e sofisticati. Lobbisti e sotto-lobbisti tanto servizievoli, compiacenti e solleciti verso il Padronato Planetario, quanto voraci, avidi, famelici ed ingordi verso il danaro e i vantaggi sociali e politici che ne derivano.

PORTABORSE E MAGGIORDOMI

Gente che annusa il potere e si inebria di esso, sentendosi vanitosamente nei paraggi del Nuovo Olimpo Mondiale. Gente che in realtà funge il più delle volte da portaborse, da maggiordomo e da super-servitore dei Valvassori del Terzo Millennio. I dirigenti delle più famose corporations sono ovviamente presenti a ogni riunione del gruppo Bilderberg.

LA TRILATERALE E LE MULTINAZIONALI

Il Nucleo Centrale si serve essenzialmente di tre strumenti operativi che si chiamano Trilateral, CFR e RIIA, tutti collegati ai servizi segreti, alla CIA, alla FBI, a Stotland Yard, alle lobby opportunistiche e alla Massoneria. La Trilateral è stata fondata da David Rockefeller e Zbiegniew Brezinski, e si tratta di un vero cult del potere nascosto, includente Kissinger e discendenti. È sponsorizzata per vie traverse e con pizzi occulti dalle più note multinazionali tipo Monsanto, Bayer, Coca-Cola, Pepsi, McDonald’s, Panamerican, Lufthansa, Hewlett Packard, Fiat, Sony, Mitsubishi, Toyota, Mobil, Exxon, Duflos, IBM, Texas Instruments, ed altre ancora.

CFR E RIIA, UFFICI STRATEGICI DEGLI USA E DEL BRITANNICO COMMONWEALTH

La CFR, o Commission of Foreign Relationship, ha origini più antiche, essendo nata nel 1921. Riunisce i personaggi che hanno in mano le vicende americane. La RIIA, o Royal Institute of International Affairs, con sede a Londra, è un po' la controparte inglese del CFR.

NIENTE CASUALITÀ E NIENTE LOGICHE DI MERCATO, MA SOLO SITUAZIONI PRECONFEZIONATE

Quello che avviene al mondo non può e non deve avvenire a caso, o per sbaglio, o per banali logiche di mercato. Tutto deve succedere per pianificazione e su precise direttive anticipate, studiate, elaborate e soppesate a tavolino, e testate abbondantemente su camere di simulazione, simili a quelle che preparano i piloti dei nuovi aerei. Guerre, crisi, inflazioni e deflazioni, spread, speculazioni bancarie, eventi climatici, epidemie, sviluppi e contrazioni, tutto nelle loro sapienti mani. Tutto previsto, manipolato e preconfezionato.

DIRITTO DI PROPRIETÀ VOLATILIZZATO DA PRATICHE STALINIANE

Non è soltanto un problema di stress sociale, politico ed economico, di guerre e di violenze, di immigrazioni indotte e forzate, di disoccupazione giovanile, di industrie che boccheggiano e chiudono i battenti, di stati persecutori che trattano i propri cittadini a calci nel sedere e a stangate vergognose sui beni immobili, sui rifiuti e sull'aria che si respira. Esprori forzati del diritto di proprietà e di possesso della propria abitazione. Non più padroni della nostra casa, ma tutti inquilini del Comune e dello Stato. Pratiche staliniane più che tasse.

QUANTO SUCCEDE INTORNO A NOI VIENE INEVITABILMENTE SOMATIZZATO

Mi si dirà cosa c'entri tutto questo con l'argomento odierno che verte sul benessere e sulla alimentazione secondo natura. A chi mi fa queste obiezioni rispondo dicendo che non ci alimentiamo di solo pane e di sole verdure, ma anche di sostanze extra-nutrizionali, di fatti di cronaca, di situazioni familiari e sociali. Non puoi vedere assassini quotidiani in diretta, macellazioni impietose di dittatori caduti in disgrazia come Saddam Hussein e Gheddafi, decapitazioni impunite di giornalisti e di vittime innocenti cadute nelle grinfie dei più sanguinari sicari, senza che il tuo stomaco somatizzi tali crimini e trovi insopportabile e indigesto anche il miglior cibo disponibile.

CIVILTÀ CONSUMISTICA ED INSOSTENIBILE

C'è anche dell'altro. Viviamo purtroppo in un mondo cinico ed ostile, in un mondo che fa di tutto e di più per ammalarci e per tenerci in continuazione sul filo del rasoio, proponendoci ed imponendoci una civiltà consumistica, sciupona, sofisticata ed insostenibile. Non si possono costringere alla disoccupazione milioni di giovani e spingerli nel contempo a spendere e spandere in telefonini, computer, hi-fi, auto, vestiti griffati e altre cose simili.

CHEROSENE SPORCO AL POSTO DI BENZINA SUPER

Circolano nei circuiti ufficiali ed anche su internet dati fasulli e informazioni diseducative, devianti e disorientanti. Non per questo mancano delle ricerche serie. Si è dimostrato a più riprese nella stessa America che le diete alto-grasse, alto-proteiche, a basso contenuto di carboidrati vivi e di fibre vegetali, equivalgono a caricare il serbatoio della nostra auto con del cherosene sporco ed oleoso che ci mette fuori uso il motore.

ESISTE UNA GENEROSA GAMMA DI CIBI PER SOPRAVVIVERE AL MEGLIO

È chiaro a questo punto che una dieta libera da proteine macellate e da grassi animali di contorno, basata invece su quanto la natura generosamente ci offre in termini di frutta acquosa ed agrodolce, in termini di frutta da guscio, di verdura, tuberi, legumi, semini e cereali, diventa chiave di sopravvivenza per noi come individui e come specie umana.

RENDERE MINIMO IL SACRIFICIO E LO SFRUTTAMENTO NEI RIGUARDI DI MADRE NATURA

La minimizzazione del sacrificio e dello sfruttamento operato ai danni di Madre Natura e delle sue creature, è una scelta conveniente, etica e dovuta. Col semplice atto di dire basta ai macelli e alla alimentazione intrisa di sangue, il nostro corpo non solo diventa più sano, ma l'intero pianeta ne gioisce, diventando luogo gentile ed accogliente per tutti i suoi abitanti. L'incremento salutistico rappresenta un premio ed un riconoscimento per chi si nutre con una dieta saggia, sobria ed innocente. Il tuo stesso organismo sarà dunque il primo a ringraziarti per il buon senso e l'equilibrio dimostrato, mentre le creature risparmiate ti saranno grate per la tua compassione nei loro confronti.

I RISULTATI PARLANO CHIARO

Una vasta quantità di prove e di test dimostra che una dieta prevalentemente e marcatamente vegan- crudista è in grado di 1) Capovolgere, ribaltare ed invertire la degenerazione corporale derivante da malattie croniche, 2) Ritardare il processo di invecchiamento, 3) Abbassare il livello di colesterolo, 4) Produrre il ripristino di un soddisfacente peso-forma, 5) Espellere e chelare dal corpo le nostre tossine, 6) Produrre pensiero più chiaro e profondo, 7) Diminuire la necessità eccessiva di sonno, 8) Incrementare l'energia e le calorie a nostra disposizione grazie al costante abbassamento dei costi energetici e alla riduzione degli sprechi, tipiche condizioni della dieta vegancrudista tendenziale, 9) Ottimizzare il bilancio acido-alcalino secondo le esigenze alcaline del sangue, della linfa, e della matrice extracellulare, e secondo le necessità acide dell'ambiente stomacale e di quello riproduttivo-vaginale, 10) Ripristinare un ottimale equilibrio sodio-potassio, 11) Rafforzare il potenziale micro-elettrico delle cellule, 12) Incrementare il metabolismo dell'ossigeno energizzando muscoli e cervello, 13) Massimizzare i vantaggi derivanti dalle onde vibrazioni e dalle radiazioni rosse e ricaricanti che ne derivano, 14) Facilitare il pesante lavoro quotidiano di organi basilari come il fegato, la milza e il sistema renale, 15) Rendere il sangue fluido e non più guasto e lipo-tossico, obiettivo primario e indispensabile per chiunque voglia fare dei veri passi avanti in termini di salute, 16) Fornire al nostro corpo tutte le vitamine naturali e tutti i minerali in forma organicata ed assimilabile.

FEGATO, CITOCROMI P450 E LINFOCITI TH HELPER O CD4

Organo fondamentale  della salute rimane il fegato, capace di disintossicare l'organismo grazie alle sue batterie di enzimi chiamati citocromi P450 e al glutatione, molecola proteica formata da glutammina, glicina e cisteina. Il glutatione, assieme alle vitamine C ed E e al beta-carotene precursore della vitamina A, svolge un importante ruolo antiossidante contro i radicali liberi, ma serve anche a neutralizzare sostanze estranee ed inquinanti. Esiste infatti un rapporto tra glutatione e sistema immunitario. Bassi livelli di glutatione comportano bassi livelli di linfociti CD4, o linfociti Th helper 1 e 2, registi del sistema immunitario.

USO SISTEMICO DELLE CRUCIFERE E SENSIBILE RIDUZIONE DEI TUMORI

Le crucifere, tipo cavoli, broccoli, verze, broccoletti, cavolfiori e crescione, nonché aglio, prezzemolo, liquirizia, salvia, rosmarino, curcuma, semi di soia e alghe giapponesi hanno la capacità di esaltare l'attività degli enzimi epatici e del glutatione, per cui si ha un consistente calo dei tumori, o meglio della tumorosità del corpo, ovvero della tendenza del corpo a produrre tumori. È solo uno degli esempi a nostra disposizione per farci capire quanto importante sia fidarsi della natura e non andare fuori dal seminato. Ovvio che il discorso vale assai di più, ed è accettabile assai di più, quando gli animali che ci offrono un servizio o un prodotto vengono rispettati ai massimi livelli e non privati della proprio vita.

TUTTO SOMMATO SIAMO DI MANICA LARGA

Non siamo estremisti e ancor meno fanatici. Un livello di crudo sul 60-70% è più che sufficiente per ottenere notevoli risultati mantenendo nel contempo i buoni piatti della tradizione mediante cotture limitate, protette ed intelligenti. L'incremento crudistico ad alti livelli ha senso e ragione d'essere per periodi brevi di tipo terapeutico. Il sistema della Health Science che proponiamo è comunque generoso e sostenibile, tanto che giustifichiamo l'assunzione di formaggi prodotti a crudo nelle malghe di montagna, nonché il consumo di uova da galline ruspanti, e persino quello di pesce azzurro tipo alici, aguglie e sardine, per chi si sente meglio mantenendo o inserendo tale cibo nel suo menu.

A VOLTE QUALCHE DANNO LO COMBINIAMO

Niente rammarichi o crisi di coscienza, visto che questo tipo di pesce vive in branchi con centinaia di migliaia di individui e con tendenza al cannibalismo, per cui prendendo un singolo pesce gli rubiamo qualche settimana di vita e niente di più. Sopruso sì ma sempre nell'ambito del sacrificio minimo e tollerabile che riguarda non solo le creature del mare, ma anche le piante, i cespugli e gli alberi, ugualmente sensibili alla violenza e alla sofferenza.

MACELLI, TONNARE E NAVI BALENIERE SONO UN'ALTRA COSA

Nulla di paragonabile all'orrore dei macelli. Nulla di paragonabile agli spietati abbattimenti di foche ed otarie. Nulla di paragonabile alla odiosa caccia ad elefanti e rinoceronti per toglier loro redditizie zanne d'avorio  Nulla di paragonabile all'arpionatura di balene e capodogli. Nulla di paragonabile ai tormenti delle tonnare e alla spietata caccia al tonno rosso del Mediterraneo da 300 kg, vendibile a 500 mila euro, ma giunto alla vigilia della scomparsa totale, come tante altre specie a rischio. Una semplice retrogradazione temporanea o definitiva al vegetarismo tendenziale secondo i gusti e le necessità di ciascuno, in tutta libertà di scelta.

CATTURA ENERGETICA A COSTO ZERO

Basilare in ogni caso è eliminare gli sprechi innanzitutto. Fare seguito a questo mediante cattura energetica facile a basso costo ovunque essa esista, massimizzando l'assorbimento solare, elettromagnetico e vibrazionale. Dovunque esistano emissioni positive, aure rosse ed infrarosse superiori ai 6500 Angstrom, le nostre batterie si ricaricano.

SOTTRARSI IL PIÙ POSSIBILE AI BUCHI NERI

Dovunque incappassimo nelle presenza di buchi neri, di gente che ti contrasta in famiglia e fuori non per avviare un dibattito costruttivo ma per il solo gusto di danneggiarti e di farti andare in tilt, è opportuno scansarle, onde evitare esaurimenti della nostra vitalità. L'esaurimento può essere di tipo biologico e magnetico, ma anche intellettuale e culturale. Vivere poi in un mondo violento, ad esempio, equivale stare ai margini di un buco nero.

L'IMPORTANZA DI VIVERE IN UN AMBIENTE SOCIALE ARMONIOSO

Vivere in una nazione come la nostra bella Italia dovrebbe in teoria caricarci di energia. Ma coi tempi che corrono avviene l'esatto contrario. Veniamo infatti perseguitati più che difesi dal nostro apparato statale. E questo si traduce in un vivere precario ed insostenibile. Risiedere in mezzo a gruppi di giovani disoccupati e privi di prospettive, o in mezzo a solerti raccoglitori di tasse e di imposte, comporta uno stress continuo capace di creare squilibri e devastazioni alla nostra esistenza. Dovere di ognuno è fare opera di contrasto al trend micidiale ed esplosivo in atto, apportando nuova vibrante cultura scientifica e non sprofondamenti nella melma, valori positivi e non paure, serenità e non irrequietezza, benessere e non malattia.

Valdo Vaccaro
















































































































BENESSERE PERSONALE E SINERGIA DEI SISTEMI VITALI


BENESSERE PERSONALE E SINERGIA DEI SISTEMI VITALI

(Conferenza AVA - Roma del 18 Settembre 2014, in Sala Dorotea)


IL MITO E IL MIRAGGIO DELLA SALUTE

Benessere, stare bene, sentirsi in perfetta forma psicofisica, obiettivi spesso sguscianti ed inafferrabili, non facili da conquistare e ancor meno da mantenere, se non ci dotiamo dei necessari strumenti di informazione scientifica e di consapevolezza. Siccome la gente tende ad ignorare e a sottovalutare l'importanza della salute e del benessere personale, e se ne accorge solo nei momenti critici, quando è in procinto di perderla o quando la ha già smarrita per strada, si ritrova a doverla rincorrere con l'ansia e l'angoscia di chi viene preso dalla paura, dalla fifa, dal panico, dal batticuore e dallo sbigottimento. A quel punto, lo star bene, l'armonia interna, la serenità e l'equilibrio corrono il rischio di diventare un mito ed un miraggio.

GLI INDOLENZIMENTI DEL CORPO, DELL'ANIMA E DELLA MENTE

Le ambizioni umane possono essere rivolte sì al successo professionale, sportivo ed artistico, alla ricchezza e alla fama, ma la priorità assoluta rimane quella di trovarsi al riparo dalle cattive sorprese, dall'angoscia, dai traumi, dagli indolenzimenti del corpo, dell'anima e della mente. Erofilo o Herophìlus (335-280 a.C) fu il primo anatomista della storia, e fondò con Erisistrato di Ceo (310-250 a.C) la grande Scuola Medica di Alessandria. Erofilo, al pari di Asclepiade (130-20 a.C) proveniva da Calcedonia-Bitinia (Impero Romano d'Oriente e oggi Turchia). Attribuì sempre notevole importanza alla dietetica e alla ginnastica, in perfetto allineamento col Mens Sana in Corpore Sano, chiave e simbolo della filosofia salubre e sportiva della Roma Imperiale.

QUANDO MANCA LA SALUTE È MEGLIO CHIUDERE BARACCA

"Quando manca la salute la saggezza non vale, l'arte non si può esercitare, la forza della mente e dello spirito latita, e la ricchezza non ha alcun valore". A volte basta una singola frase per qualificare una persona. Un medico anonimo egiziano dei suoi tempi si era già espresso con qualcosa di simile "Nessun titolo, nessuno scettro e nessuna ricchezza hanno il valore di una salute radiante". Non si è certi su chi abbia creato l'originaria ispirazione, e su chi abbia copiato da chi. Certo è che conoscenza e saggezza non mancavano davvero 3000 anni orsono, all'ombra delle Piramidi.

VIVISEZIONE ED ESPERIMENTI SUI CONDANNATI A MORTE

Anche se per Celso, Tertulliano, Celio Aureliano e per lo stesso Claudio Galeno, Erofilo era non solo un sezionatore di cadaveri, ma anche un praticante di vivisezione nei riguardi dei condannati a morte. In ogni caso, questa sua riflessione sulla salute lo pone ai vertici della medicina precristiana.

DA ERISISTRATO A WILLIAM HARVEY

Questi due medici di età alessandrina, ossia Erofilo ed Erisistrato, basarono i loro studi sulla dissezione dei corpi. Scoprirono in questo modo i nervi, distinguendoli dai tendini, e distinguendo fra nervi sensori e nervi motori, questo permise loro di indicare nel cervello la sede dell’intelligenza e il centro del corpo. Erasistrato distinse arterie e vene, ma era convinto che le vene contenessero sangue e le arterie pneuma. Non riuscì dunque a formulare una teoria della circolazione sanguigna valida e logica. Teoria che latitò in medicina fino agli studi di William Harvey (1578-1657), primo scienziato a descrivere accuratamente il sistema circolatorio e le proprietà del sangue pompato dal cuore in tutto il corpo.

FUNZIONAMENTO SINERGICO DEL CORPO UMANO

Fondamentale è capire che la salute non è mai parcellizzata o confinata a una determinata zona del corpo. Il nostro organismo non è stato concepito e costruito a compartimenti stagni funzionanti in modo autonomo e indipendente, ma è al contrario un tutt'uno. Un assemblaggio integrale operante mediante collegamenti, interconnessioni e sinergie tra cellule e cellule, tra ghiandole e ghiandole, tra organi e organi, tra sistemi e sistemi.

UN CORPO CHE È L'OPPOSTO DI QUANTO SI AUSPICA LA MEDICINA

Detto tra noi, il corpo inteso come unità funzionale fisico-mente-anima è esattamente l'opposto di come lo ritengono, lo interpretano e lo auspicano i medici convenzionali. Essi lo vorrebbero diviso a settori e a blocchi, anche per poter giustificare la loro irresistibile ed irrinunciabile tendenza specialistica. Essi lo vorrebbero disarticolato e privo di collegamenti. Lo vorrebbero non reattivo, non recidivante, non autoguarente, non soggetto alle leggi logiche e stringenti di Madre Natura. Ma, nemmeno farlo apposta, nessuna delle attese mediche viene soddisfatta. Esiste in altre parole una vera e propria incompatibilità tra corpo umano reale e medicina, in particolare tra medicina interventista-curomane sul sintomo, e il corpo umano.

DISOBBEDIENZA E RIBELLIONE ALLE CURE MEDICHE

Nessuna meraviglia che l'organismo sia refrattario, disobbediente e ribelle, e che non risponda in modo positivo alle cure mediche. Nessuna sorpresa che la medicina continui a fare buchi nell'acqua, inciampando nei propri tranelli, conseguendo risultati parziali, sterili e deludenti, franando sulle proprie incongruenze, apportando non salute come dovrebbe, ma promuovendo piuttosto malattie iatrogene o medico-causate a ripetizione.

LE CAUSE NON SI CERCANO NEL PUNTO CRITICO DEL SINTOMO

Naturopatia germanica e lezaetiana, ma soprattutto le medicine naturalistiche legate all'Igienismo dei John Tilden e degli Herbert Shelton, ridefinite oggi Health Science, hanno un approccio molto più efficace e rispettoso nei riguardi dei singoli sistemi corporali e delle loro complesse sinergie. Quando Padre Taddeo da Wiesent-Bavaria sostiene che "Nessuno al mondo muore di cardiopatia, ma tutti muoiono di sangue guasto, ossia di sangue grasso e ostruente", egli dimostra una volta di più la magnificenza, la saggezza e l'originalità del suo pensiero, andando a cercare le cause dello squilibrio non nel punto critico del sintomo ma nelle zone a monte.

IL DISAGIO EMOTIVO E LA PERDITA DI SICUREZZA

I pazienti non soffrono solo per la malattia, ma per quello che la malattia comporta, per il disagio emotivo, la perdita di sicurezza, di autosufficienza e di autostima, e tutti quegli aspetti che rendono una persona incapace o inadatta a relazionarsi con il proprio ambiente. La salute viene definita come condizione di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non soltanto come assenza di malattia o di infermità. L'essere umano è una entità complessa e multi-dimensionale che si esprime a livello fisico, emotivo, mentale, spirituale ed ambientale.

LA PERCEZIONE SENSORIALE DEI DIVERSI ASPETTI

L'aspetto fisico riguarda tonicità, forza fisica, coordinazione e capacità del nostro organismo biologico di funzionare senza dolore o tensione. L'aspetto emotivo si manifesta sotto forma di fiducia, di speranza e di pensiero positivo che ci portano a guardare al futuro con serenità e gratitudine. L'aspetto mentale presuppone una comprensione chiara degli avvenimenti di questo mondo e di se stessi. Presuppone un percepire il senso, lo scopo e il valore delle nostre esperienze quotidiane. L'aspetto spirituale coinvolge la nostra intuizione e la nostra volontà di soddisfare aspetti reconditi ed etici dettati dalla nostra coscienza, evitando di essere fissati egoisticamente al soddisfacimento del nostro ego.

LA SALUTE TRASCENDE LA MORTE, TRASPIRA E NON ESPIRA

Secondo Peter Roche De Coppens autore di "La salute globale", Elvetica Edizioni, la salute è al centro del nostro essere e non può essere aumentata o diminuita di grado. La salute è quella forza stabile e attiva che spinge il corpo verso la remissione spontanea degli squilibri.In altre parole, la salute nel nostro corpo non può ammalarsi. La salute nel corpo in realtà trascende la morte, come afferma James Jealous in "Around the Edges". Essa è disponibile nel nostro corpo al 100%, 24 ore su 24 dal concepimento alla morte, poi traspira, non espira.

MALATTIA COME DISARMONIA INTERNA

La malattia, sotto l'aspetto negativo, è essere estranei a se stessi. Essa implica la perdita di contatto con il proprio sentire profondo, con la propria coscienza. Equivale all'aver perduto la pace e la serenità, la concordia e l'affiatamento con te stesso. La malattia è una disarmonia, una interruzione di dialogo fra i diversi livelli dell'essere. Il sintomo segnala che siamo finiti fuori dall'equilibrio delle nostre forze interiori, ci avverte che qualcosa manca e latita, che qualcosa non va.

MALATTIA COME PROCESSO RIMEDIALE

La malattia, vista invece come processo guarente, non è un disturbo casuale e gratuito, privo di motivazioni serie e circostanziate. Non è un fatto idiopatico, esistente di per sé, come pretende la medicina, né tantomeno un fatto criptogenetico e misterioso e quindi sgradito e spaventevole, che ci coglie per strada. Ancor meno è uno sgorbio della Natura o una distrazione del Creatore che ci avrebbe dato uno strumento immunitario difettoso ed autolesionista. La malattia è anzi la strada per incamminarsi verso la salvezza. Quanto più consapevolmente comprendiamo il percorso, tanto meglio potremo raggiungere la meta. L'obiettivo di qualsiasi terapia intelligente, quindi, non è combattere la malattia, ma utilizzarla come bene prezioso, come strumento guarente. Se la malattia è un processo espulsivo e rimediale, non va assolutamente toccata e curata. Logica vuole che un rimedio non vada rimediato.

DIFFERENZA SOSTANZIALE TRA GUARIGIONE E CURA

Il processo guaritivo consiste nel ripristino dell'armonia, nel riallineamento e nell'integrazione delle energie dei vari livelli. Esiste una differenza importante tra guarigione e cura. La guarigione avviene con la comprensione e l'accettazione della propria situazione in un determinato momento. Cura significa invece far sparire il dolore e i sintomi della disfunzione senza identificare, né eliminare le cause che lo provocano. La guarigione tende all'unità e alla completezza. L'uomo è sano una volta che ha trovato il suo vero sé ed è diventato una cosa sola con tutto quello che è.

CONOSCI TE STESSO E CONOSCERAI L'UNIVERSO

Ognuno deve assumere la responsabilità di se stesso, della propria salute, delle malattie e della guarigione. Ognuno deve convincersi di possedere le risorse interne per identificare e guarire ogni debolezza nel corpo e nella psiche. Uno dei grandi pilastri della saggezza antica, l'essenza del pensiero greco, si trova nell'aforisma scolpito sul tempio di Delfi: ”Gnothi Seauton", ossia Conosci te stesso. Conosci te stesso e conoscerai l'universo, sostengono gli iniziati. Tutte le medicine necessarie alla nostra salute si trovano nel corpo umano. Occorre aspettare con fiducia che la natura faccia il suo corso e compia il suo dovere riequilibrante. La conoscenza di se stessi porta alla conoscenza delle leggi naturali, inclusa la legge per la quale il corpo non va mai contro se stesso, ed inclusa la legge sulla remissione spontanea delle anomalie.

MIGLIORIAMOCI SÌ MA SENZA STRAVOLGERE LE NOSTRE CARATTERISTICHE

Essere se stessi, evolversi migliorare senza mascherare o compromettere le nostre caratteristiche peculiari, questo si chiama ragionare. Realizzare coerentemente ciò che si è, conformarsi ai propri doni originali iscritti nelle essenze del Dna e conosciuti dai nostri Spiriti-guida e dai nostri Angeli Custodi, permette di inserirsi con slancio verso le giuste scelte e verso la vita. Se uno tenta di andare contro la propria autenticità, finisce per declinare mediocremente prima del tempo.

NEURONI E CELLULE GLIALI

I neuroni sono i componenti fondamentali del tessuto nervoso e formano circuiti complessi in grado di ricevere, elaborare, conservare e trasmettere l'informazione con grande rapidità anche a notevole distanza all'interno del corpo umano. Nel sistema nervoso centrale dell'uomo sono presenti approssimativamente 1012 neuroni coadiuvati da un numero da 10 a 50 volte superiore di cellule gliali. Possiamo solo immaginarci quale intreccio e quale accavallamento intenso e complesso di comunicazioni bio-elettriche avviene all'interno del nostro corpo!

FUNZIONI BASILARI DELLA GLIA

Ritenute a lungo mero supporto meccanico per i neuroni, le cellule della glia stanno invece rivelando un'enorme complessità di funzioni che includono 1) Guida della crescita dei neuroni, 2) Regolazione del flusso ematico regionale, 3) Regolazione funzioni immunitarie per il sistema nervoso, 4) Elaborazione e rilascio di fattori di crescita e di neurotrasmettitori. I neuroni rimangono tuttavia le uniche cellule in grado di operare in tempi molto brevi. Sono necessari per garantire la sopravvivenza e l'adattamento dell'organismo al continuo e rapido mutamento delle condizioni e degli stimoli ambientali. Le cellule gliali invece, pur partecipando alla comunicazione nervosa, non sono capaci di segnalazione elettrica.

SINAPSI, NEUROTRASMETTITORI E SISTEMA NERVOSO

Il trasferimento di informazioni tra le cellule nervose è operato dai neurotrasmettitori, il cui messaggio viene riconosciuto dalla cellula ricevente e tradotto in risposte biologiche in corrispondenza di una struttura specializzata detta sinapsi. Sinapsi significa congiunzione, connessione, punto di contatto. Tutte le attività nervose, dalle più semplici attività riflesse alle funzioni superiori, come apprendimento e memoria, dipendono dal trasferimento di informazioni tra cellule nervose e quindi dal numero di sinapsi e dall'efficienza di ciascuna sinapsi nel rilasciare il neurotrasmettitore. La trasmissione sinaptica riveste un ruolo chiave per comprendere il funzionamento del sistema nervoso.

SINAPSI ELETTRICHE E SINAPSI CHIMICHE

Numerose patologie neurologiche dipendono da alterazioni funzionali della trasmissione sinaptica, tanto che le sinapsi rappresentano il principale bersaglio dei farmaci attivi sul sistema nervoso. Si suddividono in sinapsi elettriche e sinapsi chimiche. Le sinapsi elettriche trasmettono l'eccitazione molto rapidamente ma l'informazione trasferita è esclusivamente eccitatoria e non modulabile.

CARATTERISTICHE GENERALI DELLE  CELLULE NERVOSE

Da un punto di vista citologico, i neuroni sono simili alle altre cellule del nostro organismo. Essi sono rivestiti da una membrana plasmatica e contengono organelli fondamentali, quali il nucleo, il reticolo endoplasmatico, i ribosomi, l'apparato di Golgi e i mitocondri. Nei neuroni però tutto è organizzato per svolgere al meglio un solo compito, quello della comunicazione nervosa, una forma molto specializzata di comunicazione intercellulare. Nella struttura polarizzata dei neuroni sono riconoscibili  1) Un compartimento di ricezione dei segnali costituito dai dendriti e parte del corpo cellulare (soma), 2) Un compartimento di integrazione costituito dal segmento iniziale dell'assone, 3) Un compartimento di trasferimento rapido del segnale elettrico (potenziale d'azione) costituito dall'assone, 4) Un compartimento di trasferimento delle informazioni ad altre cellule costituito dalle terminazioni presinaptiche.

Apparato del Golgi e centrioli
BARTOLOMEO CAMILLO GOLGI E L'APPARATO DEL GOLGI


L'apparato del Golgi prende nome dal microscopica italiano Camillo Golgi (1843-1906). È un complesso di membrane lisce raccolte a formare sacchi appiattiti tipo cisterne o sacculi addossati gli uni agli altri e spesso disposti concentricamente, racchiudendo porzioni di citoplasma ricche di vacuoli, organuli sub-cellulari formati da cavità che si trovano all'interno di un materiale a consistenza porosa. Le proteine sintetizzate per essere secrete, formate sui ribosomi alla superficie del reticolo endoplasmico, sono incanalate nei corpi di Golgi dove vengono accumulate e racchiuse in vescicole. Tali vescicole vengono poi trasportate sino al rivestimento cellulare esterno, quindi liberate al di fuori della cellula. Costituiscono un'entità morfologica distinta. Provvedono, infatti, alla sintesi di polisaccaridi e di porzioni saccaridiche di proteine coniugate.



SPINA DENDRITICA, ASSONI, CONO DI EMERGENZA E POTENZIALE DI MEMBRANA

I dendriti sono prolungamenti corti, contenenti un'impalcatura di microtubuli e neurofilamenti. Essi presentano in molti casi una specializzazione strutturale chiamata spina dendritica, che costituisce un sito privilegiato di comunicazione fra neuroni. La spina dendritica si interfaccia con un terminale nervoso (bottone terminale), che è l'estremità dell'assone di un altro neurone. L'assone è di solito un prolungamento più lungo dei dendriti (lungo fino a 1 m nel nervo sciatico). Esso inizia dal soma, con il Cono di Emergenza. In questa zona vi è una eccezionale concentrazione di canali sodici e voltaggio-dipendenti che servono a generare il potenziale d'azione del neurone.

GUAINA MIELINICA PROTETTIVA CON MIGLIORIA NELLA PROPAGAZIONE DEGLI IMPULSI ELETTRICI

Al cono di emergenza segue un lungo segmento cilindrico riempito di citoplasma, microtubuli, neurofilamenti e piccole vescicole in transito. In molti casi il segmento è avvolto da una guaina mielinica discontinua che lo isola dai tessuti circostanti migliorando notevolmente la propagazione degli impulsi elettrici. Tutto questo a differenza della maggior parte delle cellule dell'organismo, che mantengono una stabile differenza di potenziale tra l'interno e l'esterno della membrana stessa.

LUIGI GALVANI E FORZA NERVEA

Neuroni e cellule muscolari hanno acquisito la capacità di variare in maniera assai rapida il loro potenziale di membrana invertendone la polarità, generando un segnale elettrico di brevissima durata (2-3 msec) e in grado di propagarsi rapidamente lungo la membrana senza attenuarsi, detto potenziale d'azione. Luigi Galvani (1737-1798), fisiologo, fisico ed anatomista, nonché scopritore dell'elettricità biologica. chiamò questa proprietà Forza Nervea e ipotizzò che l'elettricità fosse presente nell'organismo in uno stato di squilibrio, con eccesso di cariche negative sulla faccia interna della membrana e di cariche positive sulla faccia esterna, generando una differenza di potenziale nota come Potenziale di Membrana.

INVERSIONE DI POLARITÀ, TESSUTI ECCITABILI E CANALI VOLTAGGIO-DIPENDENTI

Tuttavia, bisogna aspettare il Novecento per una completa descrizione delle basi ioniche dell'elettricità animale e delle modalità con cui il potenziale d'azione si genera e si propaga lungo i prolungamenti dei neuroni. Il potenziale di membrana si sposta da un valore di riposo negativo di circa −80 mV a un valore positivo di circa +40 mV, generato dal passaggio di una corrente entrante di ioni sodio attraverso canali ionici voltaggio-dipendenti presenti nella membrana neuronale. L'inversione di polarità della membrana ha una brevissima durata, sia per l'interrompersi della corrente di sodio, sia per la comparsa di una corrente uscente di ioni potassio che riporta il potenziale della membrana al valore di riposo. I canali attivi, rispondenti a una depolarizzazione del potenziale di membrana, rappresentano il tratto fenotipico fondamentale che distingue i tessuti eccitabili come i neuroni, dalle altre cellule non eccitabili come le cellule gliali. Fenotipo, per la cronaca, significa insieme dei caratteri fisico-genetici di un individuo.

MATERIALE COLLANTE CHIAMATO GLIA

La glia, o neuroglia, è la maggiore componente cellulare del sistema nervoso. Il nome deriva dalla sostanza amorfa o il cemento nervoso che circonda e sostiene i neuroni. Le cellule della glia, oltre a fornire sostegno ai neuroni, controllano l'ambiente interno del cervello, partecipano alla formazione di strutture specializzate come la barriera ematoencefalica e la guaina mielinica, assicurano l’isolamento delle cellule nervose e la loro protezione da agenti estranei o traumi. Il ruolo fondamentale della glia nello sviluppo e nel funzionamento del sistema nervoso è testimoniato dal suo coinvolgimento in molte importanti neuropatologie.

CEMENTO NASCOSTO STUDIATO DA RUDOLPH VIRCHOW

Le prime evidenze sperimentali a favore dell’esistenza di una sostanza avente funzione di tessuto connettivo nel sistema nervoso risalgono alla metà del 19° secolo, quando indagini microscopiche portarono Rudolph Virchow (1821-1902) a formulare l’ipotesi che le cellule nervose fossero circondate e sostenute da un cemento nervoso (Nervenkitte), per il quale venne coniato il termine di glia, dal greco clèa o colla. Secondo la descrizione di Virchow, questa sostanza si presentava amorfa, molle, finemente granulare e al suo interno era presente un gran numero di elementi cellulari con grandi nuclei. Questi elementi vennero caratterizzati in seguito da altri studiosi, tra i quali Otto Dieters e Camillo Golgi, come elementi cellulari stellati, con prolungamenti filiformi che entrano in contatto talvolta con elementi cellulari più propriamente nervosi, talvolta con altre cellule gliali o con i vasi sanguigni.

INNOCENZA DEI MICRORGANISMI E DISORDINI INTERNI ALLA CELLULA
  
Mentre Virchow in Germania sviluppava la nuova scienza chiamata chiamata allora patologia cellulare, in Francia Louis Pasteur operava nella batteriologia. Wirchow non condivise nessuna delle teorie pasteuriane. Ogni malattia dei tessuti è per lui causata da un disordine interno alla cellula e non dall'invasione di un organismo esterno. Sul tifo scrisse un penetrante report che criticava le misere condizioni sociali collegate allo sviluppo della malattia. Fu coerente avvocato della salute. I suoi scritti e i suoi insegnamenti sono colmi di raccomandazioni su come migliorare la salute mediante incremento delle condizioni economiche e sociali della gente.
MICROGLIA, MACROGLIA E CELLULE DI SCHWANN
Nel sistema nervoso dei vertebrati la glia viene classificata in macroglia, di origine neuroectodermica, e microglia, di origine mesodermica. La macroglia nel sistema nervoso centrale comprende astrociti, oligodendrociti e cellule ependimali. Queste ultime sono gli elementi cellulari che rivestono i ventricoli cerebrali e il canale centrale midollare, dove regolano la produzione, la circolazione e il riassorbimento del liquido cerebrospinale. Nel sistema nervoso periferico, la macroglia è rappresentata dalle cellule di Schwann, corrispettivi degli oligodendrociti del centrale e responsabili della formazione delle guaine mieliniche degli assoni periferici e dalle cellule satellite, che delimitano la superficie esterna dei neuroni nei gangli spinali. Tra i numerosi contributi scientifici di Virchow c'è lo sviluppo della teoria cellulare, la scoperta delle cellule di Schwann nel sistema nervoso, la scoperta e lo studio della pepsina, la scoperta della natura organica del lievito e l'invenzione del termine metabolismo.

FUNZIONAMENTO COORDINATO E LOGICO DEI VARI APPARATI

Per concludere, il nostro corpo opera non tramite iniziative individuali parziali o zonali di cellule e di organi, ma attraverso lavoro coordinato e sinergico di interi sistemi che stanno al suo interno.
Abbiamo appena visto in dettaglio il sistema nervoso centrale e periferico, capace di regolare tutte le nostre funzioni, di permetterci ogni interazione col mondo esterno, di svolgere funzioni superiori come parlare, pensare e ricordare.

SISTEMA IMMUNITARIO, SISTEMA ARTICOLARE E SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO

Il sistema immunitario rappresenta poi una rete integrata del nostro organismo. Dotato di capacità intrinseca di riconoscere cellule self e non-self e di proteggerci da qualsiasi forma di insulto chimico, traumatico o infettivo. L'apparato locomotore, includente il sistema articolare e il sistema muscolare-scheletrico, con il compito di permettere ogni movimento del nostro corpo nello spazio. L'apparato cardiocircolatorio è formato da una pompa cardiaca e da un mantice polmonare, con rete estesa di vasi chiusi. Ha il compito di fornire ossigeno e sostanze nutritive, rimuovendo nel contempo catabolismi e sostanze nocive. Il sistema circolatorio linfatico porta la linfa dalla periferia verso il centro, ed è pure in contatto intimo col sistema cellulare. Drena i liquidi in eccesso e permette il trasporto di diverse sostanze.

APPARATO DIGESTIVO, RESPIRATORIO, RENALE ED URINARIO

L'apparato digerente ha il compito di demolire ed assorbire le sostanze nutritive assunte, espellendo dal corpo i residui. L'apparato respiratorio ha il compito di effettuare gli scambi gassosi tra organismo e ambiente esterno, presiedendo al continuo ricambio di ossigeno O2 e anidride carbonica CO2. L'apparato renale ed urinario hanno il compito di regolare l'escrezione dei liquidi in eccesso e dei prodotti finali tossici degli svariati metabolismi, come il metabolismo dell'azoto. Producono e filtrano urina, nella quale vengono disciolte varie sostanze idrosolubili di cui il corpo non ha più bisogno.

APPARATO SESSUALE ED APPARATO BATTERICO

L'apparato genitale maschile o femminile, formato dagli organi atti alla copulazione e alla prosecuzione della specie. Il sistema endocrino, formato da svariate ghiandole che producono ormoni regolatori di numerose funzioni e fenomeni vitali del nostro intero organismo, tipo la calcemia, la crescita, la temperatura e l'omeostasi. L'apparato batterico, coi suoi 1000 trilioni di batteri che superano di 10 volte il numero totale di cellule, e che si comporta da vero alleato, divorando i detriti cellulari o virus endogeni, generati fisiologicamente ed in continuazione dalla moria e dal ricambio cellulare.

FRAGILITÀ, INCONCLUDENZA E STERILITÀ

Visto l'intreccio di funzioni sinergiche tra tutti questi sistemi appare chiara e lampante l'impossibilità e l'assurdità di impostare delle cure settoriali in caso di squilibri e di malattie. Eppure la medicina, seguita e copiata malauguratamente da omeopatia e da altre scuole interventiste sul sintomo, continua a giocare disinvoltamente questa carta perdente, quasi si divertisse masochisticamente nell'ottenere risultati disastrosi a ripetizione.

Valdo Vaccaro