Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona il box in alto "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

venerdì 29 giugno 2012

COLESTEROLO ALTO IN FASE DI MIGLIORAMENTO DIETA


LETTERA

          DALL'ONNIVORISMO INFANTILE AI DISTRIBUTORI AUTOMATICI E AI FAST FOOD

Buon giorno Dr Vaccaro! Sono Sara, e scrivo dalla Lombardia. La sto contattando in quanto ho molte perplessità riguardo ciò che i medici convenzionali continuano a propormi. Mi danno l'impressione di utilizzare canoni troppo standardizzati e poco aperti alle nuove scoperte. Le spiego in breve la mia storia. Sono nata 27 anni fa a Varese. Come la maggior parte dei bambini, la mia alimentazione si è basata su pasta, pane, pizza, carne, pesce e tutto cio' che un bimbo onnivoro mangia. Crescendo, la situazione non è migliorata in quanto ho scoperto tutti i vari fast-food e il cibo spazzatura in generale proprinato da varie diaboliche macchinette posizionate di fronte alle aule scolastiche.

NIENTE PIU' CIMITERO IN BOCCA
In conseguenza a tutto ciò, ovviamente, è inevitabile l'esistenza di alcuni chili di troppo. Niente di irreparabile, ma sempre molto fastidiosi. La svolta l'ho avuta un anno ed un mese fa, quando, seduta al tavolo di un ristorante giapponese a buffet, mi sono chiesta per quale motivo continuassi a mangiare ogni povera creatura ex-vivente. Da quel giorno, il 13/4/2011, ho eliminato completamente e senza rammarico o pentimento ogni pietanza a base di cadaverina di mare o di terra che fosse.

UN COERENTE PROCEDERE VERSO IL VEGANISMO

Ero comunque ai primi approcci con il mondo etichettato come vegetariano, per cui ho continuato a mangiare latticini e uova senza pormi problemi. Essendo pero' una persona a cui piace documentarsi su ogni cosa che la circonda, ho iniziato il viaggio verso la scoperta di una nuova e assai migliore alimentazione. Piano piano ho eliminato latticini e uova (le quali ora mi danno anche fastidio con sfoghi sul viso tipo foruncoli), arrivando ad una quasi completa dieta vegana, con qualche piccola e rara eccezione come il parmigiano spolverato sopra alle lasagne vegetariane che ogni tanto mi prepara mia mamma (lasagne integrali di farro senza uova).

LETTURA DI THE CHINA STUDY E DI ALIMENTAZIONE NATURALE

Non ho ancora cominciato una dieta crudista, ma ne sono molto attirata, quindi sto cominciando con piccoli passi. Nel corso del mio cammino ho scoperto molte cose, ho letto parecchio a riguardo e penso di avere una conoscenza di base abbastanza soddisfacente. Ho letto "The China Study" ed ora sto leggendo il suo libro "Alimentazione Naturale". Ottimi! Al di la' di quanto descritto, c'e' un pensiero che non riesco a sbrogliare! Da quando ho cominciato il nuovo stile di vita, ho effettuato 2 esami del sangue per tenere sotto controllo il ferro (che peraltro è presente in buon livello).

COME MAI IL COLESTEROLO ALTO?

In entrambi gli esami è stato evidenziato un colesterolo totale alto! Ora non ho sotto mano gli esiti ma il valore era approssimativamente intorno al 223! Ldl 123 e Hdl 56.
Come si spiega un colesterolo totale cosi alto considerando il tipo di alimentazione e il fatto che faccio regolarmente attività fisica (corsa)? Le preciso che i chiletti di troppo accumulati mangiando cibo spazzatura sono scomparsi. Assumevo la pillola anticoncezionale, e ne ho terminato l'assunzione un paio di mesi fa.

ATTENDO CHIARIMENTI SU QUESTO PICCOLO REBUS 

Il medico di base mi disse che era un valore a cui non fare troppo riferimento. Ora il medico di base è in pensione e il dottore nuovo mi ha detto che anche nei vegetali è presente il colesterolo. Io sono rimasta senza parole. Questa affermazione mi ha portato a scriverle questa e mail. Non ho urgenza di avere risposte, ma le sarei grata se con calma mi potesse dare una piccola spiegazione riguardo il colesterolo totale. Intanto porto avanti la lettura del suo libro e del suo blog. Magari la risposta la trovo da sola. Un caro saluto.
Sara

*****

RISPOSTA

IL TUO E' UN ESEMPIO DA SEGUIRE

Ciao Sara, complimenti per la chiarezza e per come stai mettendo rapidamente ordine alla tua vita. La tua testimonianza e' di quelle che creano referenza e che indicano la strada da percorrere. Se tu avessi letto le tante tesine scritte nel 2012, avresti notato i miei tanti missili contro le diagnosi e le misurazioni continue del sangue, soprattutto quelle condotte in fase di crisi eliminativa e di espulsione tossine.

AMMASSATORI O ELIMINATORI DI TOSSINE?

Chi migliora la dieta, e in particolare chi ricorre a digiuni e semidigiuni, ed anche chi si limita ad escludere dal suo menu il junk, i caffe', i latticini e le carni, puo' considerarsi persona a rischio eliminativo continuato. "Il mondo e' fatto a scale, chi le scende e chi le sale", si diceva ai nostri tempi. Anche nell'alimentazione succede la stessa cosa. C'e' gente che si intossica a getto continuo, senza magari nemmeno accorgersene, e c'e' invece chi pensa a mantenersi in equilibrio e manda via via, fuori del sistema-corpo, le sue tossine esorbitanti, una politica che sicuramente paga.

I TEMPI DI REAZIONE VARIANO FORTEMENTE

C'e' chi e' giovane e pimpante, con un sistema immunitario scattante e reattivo, e magari con uno stock tossico non esagerato. In questo caso la crisi eliminativa partira' anche subito e si risolvera' in pochi giorni. C'e' pero' della gente che di tossine e' stracarica, e che ha nel contempo un sistema immunitario debilitato e traballante. Ovvio che qui gli scarichi tossici in piu' avvengano per gradi, in modo prolungato e dispersivo, per settimane e mesi.

NELLE FASI ESPULSIVE MOLTI VALORI SUBISCONO OVVIE VARIAZIONI

Le tossine in fase espulsiva devono ripercorrere i canali linfatici e poi quelli sanguigni, prima di essere espulse per via renale, polmonare, cutanea ed intestinale. Se qualcuno si ritrova con placche di colesterolo in disfacimento, ecco allora che la rilevazione istantanea dei valori imbroglia tutti, perche' in quel momento nel sangue vengono rilevati sia i valori effettivi del colesterolo operativo, che quelli del colesterolo in fase espulsiva. Spero di averti chiarito il dilemma.

Valdo Vaccaro

LE MINE DEGLI ONCOLOGI, DEI FAMIGLIARI E DEGLI AMICI


LETTERA

PERCHE' RINUNCI ALLA CHEMIO? MA CI PENSI AI TUOI FIGLI?

Leggo il suo blog, alla ricerca di qualche sostegno, ma le mine girano e 
cercano di distruggere le protezioni delle convinzioni, che non sono 
convinzioni su come guarire, quanto convinzioni su come NON guarire.
Le mine sono le pressioni degli oncologici, e dei familiari, e degli amici: 
"Perchè rinunci alla chemio? Perché ti vuoi togliere una  possibilità? Ma ci 
pensi ai tuoi figli? Se non la fai sei spacciata! Hai perso anche troppo tempo! 
Hai un rischio del 90%! Le convinzioni sono che la chemio, e anche la 
radioterapia, è meglio non farle pur non sapendo cosa altro fare. Tisane 
canadesi?  Bicarbonato di potassio? Digiuno controllato? Filosofia Hamer?

AUTOPALPAZIONE, DIAGNOSI, ASPORTAZIONE E CHEMIO

Convinzioni che purtroppo non riguardano me ma mia moglie. Tutto e' cominciato 
dall'autopalpazione, seguita dalla rilevazione di tumori ai seni con linfonodi 
ascellari strani, scoperti con mammografia-ecografia. I medici che dicono 
essere maligni al vederne la forma, biopsia che ne conferma la malignità e la 
catalogazione G2, asportazione di entrambe le mammelle, con ricostruzione senza 
protesi (i seni erano grandi naturalmente). Linfonodo sentinella non trovato e 
quindi eliminazione di un gruppo in fase di intervento ai seni. Vedono che sono 
strani e li tolgono tutti (25). Poi dall'analisi li definiscono "completamente 
compromessi e irriconoscibili". Segue proposta di chemioterapia in 6 sedute da 
21 giorni di distanza e poi radioterapia "perché qui c'è qualcosa in 
circolo!".

TUTTI ADDOSSO, ANCHE NELLA FASE POST-OPERATORIA

Mia moglie ha paura di avvelenarsi il corpo, ed e' decisa a rifiutare la 
terapia post-operatoria, e io la sostengo. Ma tutti o quasi le vengono 
addosso!! E le instillano nuovi dubbi e nuove paure! Anch'io ho paura. Ho paura 
che ci sbagliamo perché non ho sicurezze, dati, prove a cui aggrapparmi. Solo 
il pensare agli interessi economici, alle statistiche falsate, ai danni post-
chemio a lungo termine, mi rendono sfavorevole alle terapie proposte, e mi 
convincono che l'eventuale beneficio di quelle cure mediche sia momentaneo e 
illusorio, le rare volte che c'e'.

CREDO AL CIBO NATURALE, MA QUANDO UNA VIENE MASSACRATA NON SI SA BENE COSA SIA 
MEGLIO DARLE

Ma non posso stare fermo, vorrei fare qualcosa per aiutare il suo organismo a 
curarsi, darle un ausilio. Penso che il corpo debba e possa guarirsi, sostenuto 
da ciò con cui lo nutriamo, con ciò che ingeriamo, che sia una tisana o un 
frutto o  del miele o dell'acqua. Ma non so cosa sia meglio per lei, ora, da 
assumere.

GROSSI DUBBI SULL'ASPORTAZIONE DEI LINFONODI

Ed ho anche una paura piu' grande. Quella che l'asportazione dei linfonodi sia 
stato un errore. Non so, dicono che in sostanza erano  in metastasi, da quanto 
erano compromessi, ma mi chiedo: le ghiandole  
non svolgono quel ruolo? Non assorbono le sostanze malate per degradarle e poi 
espellerle? Ma forse sì, forse ne avevano assimilato così tanto che non 
potevano più ripulirsi, forse l'asportazione era  necessaria. Ma ora, cosa 
svolgerà la loro funzione? Quando un fegato è compromesso si può tentare di 
sostituirlo con un altro, ma le ghiandole linfatiche ascellari?

MERITA DAVVERO AVER FIDUCIA NELLA FARMACOLOGIA?

Mia moglie non è neppure, al contrario di me, una che non si fida della 
farmacologia. Anzi, e' piuttosto avvezza a queste cose. Si è intossicata 
parecchio di  antibiotici per otiti ripetute, pastiglie varie per la 
labirintite, strane cure dimagranti a base di pastiglie personalizzate, 
medicinali  per combattere il mal di testa che da sempre la colpisce, farmaci 
per  problemi di depressione e di ansia, farmaci per problemi alla tiroide. Qui 
è solo entrata in gioco la paura per effetti collaterali a breve, come il 
vomito che lei teme in maniera assoluta, e a lungo termine, che la chemio 
determina. Grazie di avermi ascoltato. Cordiali saluti.
Daniele

*****

RISPOSTA

QUESTO E' UN ACCADIMENTO REALE DESCRITTO IN PRIMA PERSONA

Ciao Daniele, non solo ti ho ascoltato, ma mi sono commosso nel profondo. Ogni 
volta che ci si trova di fronte a drammi come questo e' inevitabile che ti 
venga un groppo alla gola. Tu hai fatto uno spaccato chiaro e dettagliato di 
come una donna venga rovinata, e soprattutto di come venga convinta, con le 
buone o le cattive, a farsi rovinare. Non e' il racconto fantasioso di un 
romanziere, ma la testimonianza diretta di un marito attento e sofferente 
quanto e piu' della sua stessa compagna di viaggio. La scena che tu hai 
magnificamente descritto avviene migliaia di volte tutti i giorni in Italia e 
nel mondo intero.

L'INFALLIBILITA' NON ESISTE SU QUESTO PIANETA

Tirando via l'aspetto sentimentale, la tua critica tecnica si e' soffermata 
principalmente sui linfonodi, quasi che tutto il resto sia dopotutto 
accettabile. Hai ovviamente accettato supinamente, o sotto-pressione della 
gente coalizzata e medicofila, che biopsie, catalogazioni G2, sentenze di 
stranezza e di malignita' dei linfonodi ascellari, appartengano alla scienza 
sopraffina ed infallibile dei divini. Nella mia posizione di libero ricercator 
non-medico su tumori e cancri, ho avuto modo di convincermi che non esiste 
affatto una scienza sopraffina ed infallibile in campo medico, e tanto meno in 
campo oncologico. Esiste piuttosto un'orda di chirurghi spinti dall'ordine e 
dagli ospedali ad intensificare gli interventi per motivazioni organizzative, 
burocratiche, finanziarie e pecuniarie.

IL BISTURI E' IL SIMBOLO DEL FALLIMENTO NELLA PROFESSIONE MEDICA

Ecco allora che quel massacro a cui vengono sottoposte le persone, e le donne 
in particolare, viene ad assumere aspetti ancora piu' raggelanti e 
raccapriccianti. E mi vengono in testa le considerazioni di Oliver Wendell 
Holmes, chirurgo e docente di fisiologia ad Harvard, diventato poi giudice e 
fondatore della Corte Suprema Americana, per il suo carattere obiettivo, sereno 
ed equilibrato. Il bisturi che seziona e asporta non e' come si crede strumento 
di guarigione, ma piuttosto simbolo del fallimento della professione medica. Al 
pari del fucile e del cannone ha ragione di esistere ma non di essere impiegato 
di routine come invece avviene. Il buon generale non e' colui che riempie 
rabbiosamente di piombo le trincee del nemico, ma quello che cerca di trovare 
un buon accordo di pace salvando la vita dei suoi soldati e di quelli del 
fronte opposto. Il buon medico non e' colui che sventra e asporta, ma quello 
che cerca invece di capire le ragioni di ogni cosa e di ripristinare l'ordine e 
la funzionalita' del corpo facendo il minor numero possibile di danni, non 
fosse altro che n ottemperanza al principi ippocratico del "Primo non 
nuocere!"

Valdo Vaccaro

OBESITA' GRAVE RISOLVIBILE CON LA FRUTTA


LETTERA

L'ULTIMA SPIAGGIA

Buongiorno Professor Vaccaro, il vostro nominativo mi è stato suggerito da un mio carissomo amico che la segue oramai da diverso tempo, avendo lui avuto notevoli miglioramenti con il metodo nutrizionale da lei proposto. A seguito di ciò mi ha invogliata a prendere contatto e chiederle dove posso acquistare un vostro libro. Mi servono indicazioni per risolvere il mio grande problema, che ormai mi ha rovinato la vita. Trattasi della mia grave obesità. Ho provato di tutto, persino l'intervento a "bendaggio gastrico" andato male fin dall'inizio. Lei per me rappresenta l'ultima spiaggia. Ho 50 anni. Mi aiuti per favore. Grazie di cuore.
Maria

*****

RISPOSTA

TI POSSO DARE SOLO UN ORIENTAMENTO GENERALE

Ciao Maria, Non mi hai detto molte cose di te, sul perche' e sul come e sul quando sei arrivata ad accumulare del grasso oltremisura. Non so se soffri di patologie tipo il diabete o altro. Ti posso solo dire che dimmagrire non consiste nel liberarsi del grasso ma piuttosto delle ragioni che portano alla formazione del medesimo. Occorre impostare un regime alimentare di tipo rigorosamente vegano e altamente crudista, con pochissime concessioni al cotto. Vanno eliminati in modo sistematico farmaci, integratori, sale, zuccheri evidenti e nascosti, aspartame, cole, caffe', the, alcol, bevande gassate, succhi confezionati, fumo, carne, latticini, pesce, uova.

LA TUA SALVEZZA STA NEL CIBO VIVO E NELLA FRUTTA

L'ideale sara' per il five per day di frutta, con succo di agrumi al risveglio, pesche e uva verso le 10, una mela o una pera alle 16 e anguria o melone alle 18. Per il pranzo delle 13 andra' bene una centrifuga di carote-sedano-ananas-crescione-semini di sesamo-zucca-girasole, mentre per la cena delle 19 potrai mangiarti una terrina di verdure crude con del pane integrale e una manciata di mandorle e pinoli. Tutte le erbe di campo, come il tarassaco, la valeriana, l'acetosa e simili, si possono aggioungere crude al piatto di verdure serali o anchee al centrifugato delle 13.

COME TROVARE I MIEI SCRITTI

Dopo un paio di settimane di questa dieta, potrai anche intraprendere un digiuno totale di una settimana, zero cibo e acqua leggera a volonta' e a piccoli sorsi, atto a dare una accelerata alla espulsione del tuo stock tossico e alla riduzione del tuo peso. Serve un minimo di preparazione culturale e tecnica. Oltre ai miei tre libri che trovi in genere nelle librerie Feltrinelli, o che puoi ordinare via email (redazione@animaedizioni.it) puoi scaricare gratuitamente tutte le tesine che ti interessano, andando sul blog www.valdovaccaro.blogspot.com

Valdo Vaccaro

DISASTROSA SITUAZIONE INTESTINALE


LETTERA

INTESTINO BLOCCATO E DIARROICONEL CONTEMPO

Buongiorno dottor Vaccaro, innanzitutto vorrei ringraziarla per le indicazioni 
che mi ha dato sull'estrattore di succhi e sulla alimentazione. Non ho ancora 
ordinato l'estrattore ma non credo che tarderò a farlo. Ho messo del tempo a 
risponderle perchè volevo che si stabilizzasse prima la mia situazione 
intestinale che definirei disastrosa. Le descrivo in poche parole cosa mi 
succede. Soffro spesso di diarrea e quando non ho diarrea il mio intestino 
sembra bloccato e pieno d'aria. 

QUANDO IL SEMPLICE ATTO DI MANGIARE DIVENTA UN REBUS

Non mangio carne e, per quanto è possibile, sto su frutta e verdura crude, 
anche se spesso alterno con pasta o riso per variare la dieta. Ieri il 
minestrone mi ha causato diarrea. Le giuro che molte volte ho paura di 
mangiare. Mi potrebbe dare qualche altro consiglio su come comportarmi? La 
ringrazio e aspetto sue notizie. Cordiali saluti. 
Ica

*****

RISPOSTA

LE CRISI ELIMINATIVE A VOLTE SONO DAVVERO RILEVANTI

Ciao Ica, Un colon disastrato e messo a soqquadro dalla disbiosi intestinale 
(squilibrio tra batteri putrefattivi di derivazione animale e batteri saprofiti 
di origine vegetale) porta a fenomeni fastidiosi e non risolvibili su due 
piedi. Se poi esistono depositi di materiale escrementizio nelle tasche e nei 
diverticoli intestinali, nell'intestino va a succedere un po' di tutto. Chiaro 
che ogni miglioramento intenso dell'alimentazione ed ogni eventuale digiuno, 
diventano altrettanti momenti scatenanti del sistema immunitario che ne 
approfitta per mandar fuori tossine, per ripulire tasche, sacche e diverticoli. 
La formazione di gas interni che risalgono verso la testa comporta congestioni 
sanguigne e pressioni intensificate sugli organi sensori (vista, udito e 
olfatto) e sul cervello. Metter dentro del cibo in simili condizioni significa 
cercare altri problemi ancora.

RIMETTERE IN ORDINE L'INTESTINO PRIMA DI AFFRONTARE DEI CIBI

Subire questi processi ripulitivi in relax e disinvoltura non e' cosa facile. 
Persino l'igienista si spaventa a volte. Quando uno e'  forte e sano non ci 
sono problemi. Ma se uno si trova in mezzo alla burrasca intestinale diventa 
immancabilmente pecorella spaventata, disposta a prendere qualcosa per stoppare 
il fenomeno. Occorre invece stringere i denti e superare al meglio la crisi 
eliminativa inatto, prolungando il digiuno, oppure ricorrendo a una dieta 
semplice a base di succo di carota e succo di sedano e mele, con aggiunte di 
verdure e germogli vari. 

SPECIALE IMPORTANZA DELLE CAROTE, DEI CAVOLI E DELLE PATATE

Certe disbiosi richiedono settimane di cure a base di succo di carota, con 
qualche patata, qualche cavolino di Bruxelles, qualche cavolfiore di contorno. 
Mettere in riequilibrio stomaco e intestino non e' affatto cosa difficile, se 
ci armiamo di pazienza e di perseveranza, oltre che di fiducia nelle capacita' 
autoguaritive del nostro corpo. Vale di sicuro il principio che in assenza di 
fame e di accettabilita' intestinale, dare cibo al nostro organismo e' tempo 
sprecato oltre che un vero e proprio azzardo. Assai meglio ricorrere ad altre 
fonti energetiche come quella del sole e quella del respiro, alla cura 
dell'acqua e poi alla frutta di stagione.

Valdo Vaccaro

LINFEDEMA SECONDARIO A POSTMASTECTOMIA


LETTERA

Buonasera, cosa è possibile fare per guarire il linfedema secondario postmastectomia? Grazie.
Giovanna

*****

RISPOSTA

I FAMOSI EFFETTI COLLATERALI 

Piu' che una vera patologia, il linfedema al braccio e' un effetto collaterale o se vogliamo una sindrome iatrogena (medico-causata), innescata da trattamenti relativi a tumori al seno. Parliamo di un gonfiore (o edema) che puo' essere accompagnato da torpore, fastidi e febbre, colpendo preferibilmente i tessuti molli del braccio o della mano. La sua caratteristica e' quella di protrarsi a lungo nel tempo. In altri termini il linfedema e' un accumulo di fluido linfatico nel braccio vicino al seno operato. Tener presente che, in quel liquido linfatico, vanno a finire tutti i vari scarti metabolici di un organismo indebolito e metabolicamente impigrito dagli interventi subiti. Pertanto esiste una concentrazione di veleni non facile da smaltire nel breve periodo.

VELOCIZZARE LA CIRCOLAZIONE EMATICA E LINFATICA 

La strada farmacologica e' sempre carica di insidie, soprattutto quando si vanno a sovrapporre farmaci a farmaci. I farmaci fanno gia' malissimo da soli, figurarsi se li trasformiamo in ingredienti di micidiali cocktail mixati. Molto piu' saggio adottare un programma di camminate giornaliere e di ginnastica coinvolgente mani e braccia, con inclusa respirazione ritmata, aerobica e traspirazione, nonche' esercizi a corpo libero dove si portino spesso le braccia in alto. Queste attivita' daranno vigore e toglieranno pigrizia al sistema linfatico, soprattutto se abbineremo all'aerobica una dieta leggera e vitale di tipo vegancrudista, in grado di rendere il sangue piu' fluido e il sistema linfatico piu' rettivo

Valdo Vaccaro

ERISIPELA E SCETTICISMO SULLE CURE MEDICHE


LETTERA

ERISIPELA, ANTIBIOTICI E MALATTIA IN ESPANSIONE

Solo questa mattina l'ho scoperta e, per una come me che da sempre adora la carne, essere rimasta colpita e attratta dai suoi scritti è davvero una conquista non da poco. Ho provato a fare una ricerca per capire qualcosa sull'erisipela. Mio padre, 70 anni, ne è stato colpito a gennaio. Gli hanno curato un piede usando antibiotici. Ma oggi sembrerebbe che la patologia vada estendendosi pure ad un gomito. Dico sembrerebbe perchè sono diventata molto scettica sulle scelte dei medici. Devo aggiungere che mio padre è stato operato per un adenocarcinoma al polmone nel 2006. Attualmente è curato con Iressa gefitinib da febbraio 2011, quindi la situazione non è facile.

PIÙ ORTO E MENO FARMACIA

Ma, a maggior ragione, ci vorrebbe più accortezza e rispetto. Aggiungere medicinali a medicinali va a gravare sempre di più sulla precarietà. Per questo la volevo ringraziare per i consigli naturali che ho trovato in rete relativamente alla erisipela e in generale sulla importanza della alimentazione naturale. Tanto più che mio padre cura il suo meraviglioso orto con pomodori, carote, insalata, e altri preziosi prodotti di madre terra. Un salute e un grazie.
Maria Cristina

*****

RISPOSTA

LAVORARE L'ORTO È SEGNALE DI SALUTE

Ciao Maria Cristina, Apprezzo molto il tuo breve e significativo messaggio. Un padre che cura l'orto è una persona attiva e sana, capace sicuramente di risollevarsi e di mantenersi in forma per molti anni ancora. Lavorare nell'orto significa stare a contatto con la terra, l'erba e le piante. Significa assorbire energia elettromagnetica dal terreno (camminarci sopra anche a piedi nudi), dall'aria (da respirare ritmicamente a pieni polmoni) e dal sole (da prendersi su tutto il corpo vestendosi con soli calzoni corti).

DIETA LEGGERA E VITALE, E RIDUZIONE GRADUALE DEI FARMACI

Una dieta vitale e leggera, con frutta agrodolce al risveglio e anguria-meloni a tardo pomeriggio, con centrifugato di carote e sedani a metà mattina, e con pranzo e cena verduriani più secondo di patate, cavoli, lupini, e a volte la pizza vegana, il passato di verdure, i cereali e la pasta, potrebbe rallentare e
risolvergli pure la patologia al polmone, a condizione di ridurre le presenti cure farmacologiche, in modo prudente e graduale.

Valdo Vaccaro

RETTOCOLITE ULCEROSA , EPATITE-C ED ANEMIA MEDITERRANEA


LETTERA

PARLIAMO LA STESSA LINGUA

Buongiorno Dr  Valdo, mi chiamo Mariagrazia, ho 36 anni e sono siciliana di 
origine, ma vivo da sei anni a Pesaro. E' da un po' di tempo che la leggo sul 
blog ed ho iniziato a leggere anche il suo testo Alimentazione Naturale. Mi 
trovo daccordo con lei su tutto. Probabilmente avrei dovuto seguire il mio 
istinto di bambina che odiava la carne e i formaggi gia' da allora.

CURE ASSURDE CHE NON POTEVANO SORTIRE ALCUN EFFETTO

Mi è stato impossibile farlo da ragazza. Ero molto esile e non crescevo, e la 
carne appariva come il nutrimento per eccellenza, l'unico in grado difarmi 
riprendere insieme a una serie di ricostituenti, tipo vitamine, ferro, 
eccetera. In realta' era tutto sbagliato, visto che io ero e sono affetta da 
anemia mediterranea.

ALL'ANEMIA MEDITERRANEA SI SONO AGGIUNTE L'EPATITE-C E LA RETTOCOLITE 
ULCEROSA

Non vorrei annoiarla con la storia della mia vita che, come quella di tutti, 
ha avuto alti e bassi, ma le scrivo perchè ad oggi, dal punto di vista 
alimentare, non so davvero come alimentarmi senza fare danni. Oltre all'anemia 
mediterranea, da qualche anno a questa parte, si sono aggiunte pure la 
rettocolite ulcerosa, la menopausa precoce e l' epatite-C.

MESALAZINE PER LA RETTOCOLITE 

Per la RCU sono in cura con mesalazina in compresse 4 al giorno per sempre e, 
a periodi, devo fare anche una cura di mesalazine Pentacol e Topster.  So che 
adesso sta saltando dalla sedia. Ho fatto un tentativo di sospendere tutto ma 
sono sono stata davvero molto male e ho dovuto riprendere, obbligata dal mio 
compagno. Adesso vivo da sola e posso ricominciare a smaltire progressivamente 
i farmaci.

OVARIAN GLAND E FERRUM PLAST PER LA MENOPAUSA E 'ANEMIA

Per la menopausa il ginecologo mi ha dato una cura omeopatica che devo seguire 
per 4 mesi, e sono alla prima assunzione, di Ovarian Gland. Mi ha consigliato 
anche di assumere il ferro perchè ho i valori troppo bassi e il Ferrum Plasm 
(entrambi sono della Homeo Pharm). Io so che per quanto ferro io possa assumere 
questo non aiuterà i miei globuli rossi. Dall'anemia mediterranea non si 
guarisce. Per l'epatite-C faccio esami di controllo e al momento rimane li. So 
che lei non approva ma tollera a malapena l'omeopatia. Mi dica comunque se 
vanno bene tali farmaci.

MI SERVE UNA NUOVA IMPOSTAZIONE DIETOLOGICA

Gradirei che mi desse una mano ad  impostare una dieta che tenga conto di 
tutto e che mi dia il giusto apporto di quanto serve. Peso 46 kg e nell'ultimo 
anno ne ho persi 3. Nonostante sia magra, ho accumuli di grasso localizzati 
nella pancia e nelle gambe. E' vero però che faccio poca attività fisica, ad 
eccezione della bici per andare al lavoro. Poi sto sempre in piedi o faccio su 
e giu' delle scale. Sono una commessa ed il negozio è su due piani. 

NON SONO UNA BUONA AUTODIDATTA

Le chiedo un aiuto in questo perchè, facendo da sola, temo di causarmi dei 
danni, come gia' successo in passato. So di non nutrirmi correttamente, non 
vorrei provocare altri scompensi al mio organismo. La ringrazio per 
l'attenzione che mi sta dando. Spero tanto in una risposta.
Mariagrazia 

*****

RISPOSTA

SUL BLOG TROVI DIVERSE RISPOSTE

Ciao Mariagrazia, intanto vorrei che tu leggessi le tesine sull'anemia 
mediterranea che puoi trovare sul blog. Stessa cosa per la RCU e l'epatite-C. 
Per lo Schema Nutrizionale Vegano Tendenzialmente Crudista va alla data del 
16/4/11 e ti scarichi la tesina di 2 pagine. Leggiti anche la tesina appena 
pubblicata in data odierna col titolo "Isterectomia, appendicite e rettocolite 
ulcerosa").

IL FERRO NON VA INTEGRATO MA ASSIMILATO

Non credo affatto nelle integrazioni di ferro. Il tuo problema rimane 
essenzialmente di tipo assimilativo. Giudico inutili e dannosi anche i farmaci 
omeopatici che stai prendendo. Il mio consiglio e' di puntare a una 
purificazione generale progressiva, secondo le tue possibilita'.
Niente eroismi, ma recupero graduale della normalita'. Saziarsi essenzialmente 
con cibi vivi e carichi della propria acqua biologica.

PIU' MOVIMENTO, PIU' RELAX, PIU' SOLE

Tieni presente che l'alimentazione e' solo parte della questione. 
Importantissimo per te un programma giornaliero di aerobica, di traspirazione, 
di esposizione al sole, di nuoto, di respirazione e di relax, compatibile coi 
tuoi presenti impegni di lavoro.

FRUTTA LONTANO DAI PASTI E CREMA DI AVENA COL GERME DI GRANO E I SEMINI VARI

Lo schema alimentare rimane  basilarmente quello solito, dove al risveglio 
inseriamo la spremuta di agrumi, e tutti i pasti sazianti di frutta vengono 
distribuiti tra mattina  e tardo pomeriggio. Nel caso tuo si puo' prevedere 
verso le 10 la crema di avena coi semini vari e il germe di grano, che potresti 
portare anche in negozio  trovando 5 minuti per consumarla.
Questo per farti acquisire qualche chilo in piu'.

PRANZO E CENA PER PER VERDURE CRUDE

Per pranzo e cena rimane valido il primo piatto di verdura cruda e il secondo 
a tuo gradimento (patate, lupini, piselli, zucca, cavolini, o anche passato di 
verdura, o anche pizza vegana e pasta integrale alle verdure), piu' la manciata 
di mandorle, noci o pinoli. Ovvio che nella fase iniziale dovrai studiare al 
meglio le reazioni del tuo intestino ai vari tipi di alimenti che assumerai.

DARE LO SFRATTO AI FERRODISTRUTTORI

La RCU potrebbe richiedere un periodo di centrifugati soltanto, a base di 
carote e sedani. Il ferro lo prenderai soprattutto dai semi di sesamo, dai semi 
di zucca, dai semi di girasole, dalle ortiche, dalle verdure verdi, dal 
crescione e dai cavoli. Basilare stare alla larga da tutti i latticini, da 
cole, the e caffe', da integratori e farmaci., dallo zucchero in tutte le sue 
forme evidenti e nascoste.
Stare insomma alla larga dai distruttori di ferro.

Valdo Vaccaro

giovedì 28 giugno 2012

ISTERECTOMIA, APPENDICITE E RETTOCOLITE ULCEROSA


LETTERA

ISTERECTOMIA TOTALE DA ENDOMETRIOSI E ADERENZE DA PARTI CESAREI

Buongiorno Valdo, Mi rivolgo a lei per un aiuto, non trovando più le vie 
giuste d'uscita. Ho 40 anni e, 2 mesi fa, ho avuto un' isterectomia totale. La 
causa secondo i medici era l'endometriosi uterina e tante aderenze causate da 3 
parti cesarei. 

CALCOLO ALLA VESCICA, E RETTOCOLITE DA QUANDO CI FU UN INTERVENTO DI 
APPENDICITE

Dopo l'intervento stavo un po' meglio ma mi hanno diagnosticato il calcolo 
alla vescica. Il medico curante mi ha prescritto Klimatoplank, Dicitel, Lexil 
15, Bioval plus e Nervaxon. Da quando sono stata operata di appendicite soffro 
di retto-colite ulcerosa. 

SCARICHE DOLOROSE E DEBILITANTI CHE TRASFORMANO IL VIVERE QUOTIDIANO IN UNA 
VIA CRUCIS

Le scariche giornaliere sono 3-4 volte la mattina, con dei dolori e presenza 
di sangue e muco. Il tutto ovviamente è accompagnato dai dolori di pancia, 
tantissima stanchezza, voglia di fare zero, irascibilità, malumore, nervosismo, 
gonfiori costanti, pazienza minima per tutto e tutti. Aggiungo che, con mio 
marito, non ho una vita sessuale attiva, anche perché non mi sento a mio agio e 
schivo ogni sua proposta.

EVITO CIBI E BEVANDE SPAZZATURA, MA IL CAFFE' MATTINIERO E LA CARNE SONO LA 
REGOLA

La mia alimentazione è molto disordinata , ma è vero che non mangio la 
cioccolata, gli insaccati, le merendine, e non bevo le bibite gassate e i 
superalcolici. Ogni mattina bevo caffè, e fino il pranzo non metto niente in 
bocca.Il pranzo è sempre in velocità , la solita pasta , il sugo. La cena 
simile al pranzo, e devo dire che in famiglia mangiamo tanta
carne.

SONO DISPOSTA AD AFFRONTARE DIRETTIVE ANCHE RIGIDE A PATTO DI USCIRE DA QUESTO 
TUNNEL DI SOFFERENZA

Vorrei tanto che lei mi desse un aiuto e una mano, per poter formarmi una 
dieta sana ed equilibrata . Ne sarei ancora più felice se mi indicasse delle 
direttive anche rigide su cosa posso e cosa non posso mangiare. Come formare i 
pranzi e le cene. Gioveranno anche ai miei tre bambini e a mio marito. Sono 
stanca di andare avanti cosi. Vorrei tanto svegliarmi riposata, con leggerezza, 
col sorriso e la voglia di vivere serena la giornata, anche  se ci sono dei 
problemi, ma tutti risolvibili.

C'E' ANCHE IL FUMO DI MEZZO

Come lavoro gestisco 4 aziende in Italia e al estero, con mio marito , e sono 
pertanto sotto continuo stress burocratico ed economico. In ultimo volevo dire 
che fumo e che vorrei tanto poter smettere, ma fino ad ora non ci sono 
riuscita.
La ringrazio in anticipo e spero tanto di ricevere una sua risposta in merito. 
Ho intanto acquistato il suo libro Alimentazione Naturale, e non vedo l'ora che 
mi arrivi a casa. Con i miei più sinceri saluti.
Tamara da Trieste

*****

RISPOSTA

IL BISTURI NON STA NELLE TASCHE QUIETO, COME STRUMENTO DI EMERGENZA, MA 
SCALPITA E PRUDE PER APRIRE E SVENTRARE 

Ciao Tamara, Anche tu, pur avendo soltanto 40 anni, porti addosso i segni 
dell'invasivita' medica. Mettere il proprio corpo a disposizione di chi ha dei 
bisturi in saccoccia, equivale a dire "Fai di me quello che vuoi". La tendenza 
ad operare chirurgicamente, anche quando non serve e anche quando altre strade 
terapeutiche sarebbero esperibili, e' un fatto ben noto. Serva di lezione per 
tutti.

PIU' CHE MALATTIE IATROGENE, O MEDICO-CAUSATE , PARLIAMO DI AUTENTICHE 
BATOSTE

Chirurgia non e' mai soltanto tagliare, recidere, asportare e suturare, ma 
implica farmaci prima, durante e dopo, per cui un operato si trasforma in 
vittima sacrificale e in oggetto stabile di sperimentazione medica. I farmaci 
si accumulano poi nel corpo creando acidosi aggiuntiva e gonfiori di assai 
difficile risoluzione. Ogni insulto chirurgico ed ogni insulto farmaceutico 
sono autentici attentati al sistema immunitario che ne salta fuori menomato e 
decapitato.

DISINVOLTE ASPORTAZIONI PRIVE DI SENSO LOGICO

Quando poi si subiscono operazioni  come l'appendicite, che vanno ad intaccare 
direttamente la forza immunitaria, e che avrebbero potuto risolversi al 100% 
con un semplice digiuno di una settimana, non si puo' stare zitti ed astenersi 
dal fare dei commenti al vetriolo. Anche sull'isterectomia totale c'i sarebbe 
molto da ridire.

LA STRADA DELLA RIVENDICAZIONE E DELLA RABBIA NON PORTA A NULLA DI POSITIVO

Pensarci e ripensarci, maledire se stessi e chi ci ha messi fuori 
combattimento, non porta comunque a nulla di concreto. Meglio dimenticare, 
raccogliere i nostri cocci, e riprendere il cammino con maggiore prudenza e 
buon senso, visto che la salute nessuno te la vende dietro l'angolo ma sei solo 
tu che la puoi ricreare e ripristinare passo dopo passo. La prima mossa e' 
quella di darsi una cultura naturalistica e non medica.

FARE USO DEL BLOG

Se vai sul mio blog www.valdovaccaro.blogspot.com, digiti il termine 
rettocolite e trovi una ventina di tesine relative il piu' delle volte a 
persone guarite perfettamente da rettocolite, dopo anni di tormenti. Il segreto 
sta nei cibi crudi e nei centrifugati di carote, e di altri ingredienti tipo il 
topinambur, la patata, la bietola, i cavoli, i finocchi, i cetrioli.

SCARICARE LO SCHEMA NUTRIZIONALE

Per l'impostazione di una dieta vegana rigida ma realizzabile e niente affatto 
draconiana, puoi scaricare dal blog la tesina "Schema vegano tendenzialmente 
crudista", del 16/4/11, che applicherai in modo non rigido ma personalizzato 
sulla base delle tue esigenze e dei tuoi gusti. 

NON SIAMO AFFETTI DA FANATISMO CRUDISTA

Non spaventarti dalla parola crudismo. Approviamo l'uso di patate, patate 
dolci, castagne caldarroste, pop-corn, pannocchie di mais allo spiego, zucche, 
cavoli, cavolfiori, cime di rapa, porri, ed anche i cereali integrali messi per 
alcune ore nell'acqua e poi cuocibili in minor tempo e a basse temperature. 
Ancfhe la pizza vegana e la pasta integraleposso no essere mantenute. Ma chi 
vuole ra[idi risultati deve stare piu' rigidamente alle regole puntando a una 
percentuale di crudo non inferiore all'80%.

FRUTTA SEMPRE LONTANO DAI PASTI E A STOMACO VUOTO

Diventa in ogni caso indispensabile l'abbandono del caffe' di mattina (e in 
qualsiiasi altra parte del giorno), la rinuncia al fumo e la presenza di 
cadaverini nel frigo e sui piatti in cui si mangia. Detta in parole semplici la 
dieta vegancrudista consiste nel succo di agrumi freschi al risveglio, nella 
colazione di sola frutta alle 8 circa, nella crema di avena con semini alle 10 
per chi ha grosse necessita' caloriche, e per chi vuole mantenere e crescere di 
peso. Altri due pasti sazianti di frutta possono essere presi alle 16 e alle 18 
del pomeriggio. 

PRANZO E CENA  RIDOTTI AL PIATTONE DI INSALATA E A UN SECONDO PIATTO VEGANO 

Per pranzo e cena, necessariamente alleggeriti  per l'abbondanza di pasti 
fruttariani periferici, ci sara' un primo piatto d'esodio carico di verdura 
cruda, condito con olio extra-vergine e aceto di mele, accompagnabile da un 
buon pane integrale, seguito da un secondo di patate e legumi, oppure da un 
piatto di cereali, o da un piatto di gnocchi, o da una pizza o da una pasta 
vegane. La manciata di mandorle, noci e pinoli, puo' essere presa alla fine del 
pasto di pranzo e cena.

NELLE FASI INIZIALI SERVIRA' PRUDENZA E PROGRESSIONE

Ovvio che con la rettocolite ulcerosa dovrai all'inizio andarci piano e con 
prudenza, testando i cibi che si confanno di piu' al tuo organismo. Non 
dovrebbero esserci problemi con i centrifugati di carote e e di mele, con le 
patate,coi cavolini di Bruxelles, coi cavolfiori e coi porri e con le zucche. 
Nemmeno coi cavoli tagliati sottili o coi passati di verdure cotte al minimo. 
Chi teme il cibo crudo fara' bene a ricordarsi che uno dei medici di 
straordinario e maggior successo nella storia fu il zurighese Max Bircher-
Benner, che curo' per anni le coliti della famiglia degli Zar di Ruissia 
mediante diete verduriane e crudiste.

Valdo Vaccaro

ORTICARIA CON ANGIOEDEMA ED ALLERGIE VARIE


LETTERA

SONO ASSILLATA DA ANNI DA QUESTO PROBLEMA

Buongiorno Valdo, sono una lettrice delle tue tesine da alcuni mesi. In realtà credo di sapere già cosa devo fare, ma nella pratica mi è molto difficile attuarlo. Spero quindi che tu possa suggerirmi un modo pratico di farlo. Il mio problema è l'orticaria con angioedema che mi assilla da anni.

EPISODI NOTTURNI CON RICORSO AL GHIACCIO E ALL'ANTISTAMINICO

Prima le crisi duravano pochi giorni, ed erano associate a periodi di stress. Ma negli ultimi due anni gli episodi sono diventati quotidianità. Prevalentemente la mia orticaria si attiva in periodo notturno. Allora vado a prendere del ghiaccio dal frizer e lo applico sul corpo. A volte funziona. Ma quando proprio non ne posso più prendo l'antistaminico.

NON SONO VEGETARIANA E A VOLTE SONO ATTRATTA DALLA CARNE CRUDA

Premetto che non sono vegetariana, anche se mangio davvero poca carne, latticini, uova. Sono carente di ferro da una vita e ogni tanto ho proprio il desiderio di mangiare carne cruda! Sono intollerante al lattosio, ma vengo presa da crisi di astinenza da formaggio! E poi sono allergica ad acari, graminacee, melone, gamberi.

ALLERGIE A VARI TIPI DI FRUTTA

L'orticaria potrebbe essere dovuta ad allergie crociate? Come faccio ad intraprendere una dieta crudista se non riesco a mangiare albicocche, melone, spinaci, melanzane, pomodori.
Tu dici che l'orticaria in sè è un fatto positivo, perchè significa che il mio organismo sta eliminando. Ma questa eliminazione dura da troppo tempo ed è insopportabile.

DOLORI ARTICOLARI E TIROIDITE DI HASHIMOTO

A questo supplizio, negli ultimi mesi si sono aggiunti dolori articolari migranti molto forti che sono riuscita a risolvere assumendo Boswellia Serrata. Per chiudere il quadro ho una tiroidite di Hashimoto (con tiroide normofunzionante). Credo che ci voglia un digiuno di almeno 3 giorni, ma lavoro, famiglia e genitori da seguire non mi consentono un riposo di tale tipo.

LA VEDO DURA

Dovrei provare almeno con un semi-digiuno. Ma poi mi manca la forza di volontà. Insomma la vedo dura! Scusa il disordine con il quale ti ho scritto e spero in tua tua risposta. Ti ringrazio in anticipo.
Anna

*****

RISPOSTA

IL SISTEMA IMMUNITARIO NON SMENTISCE LE PROPRIE CARATTERISTICHE

Ciao Anna, il fatto che le crisi arrivino prevalentemente di notte dimostra quanto vera sia la teoria secondo cui il sistema immunitario smaltisce veleni a raffica, secondo le sue ineccepibili ed inscrutabili necessita' eliminative, proprio nei momenti in cui il corpo va in riposo e in relax. Un po' la stessa cosa che succede a chi va in vacanza e, in piena spiaggia, il giorno dopo, gli arriva una mezza batosta rovinandogli la festa.

ANZICHÉ ACCELERARE TU VAI AVANTI COL FRENO A MANO TIRATO

Confermo nel dire che tutti i sintomi rappresentano eliminazione positiva. Nel tuo caso però hai pure ragione di lamentarti. Una eliminazione che duri tutta la vita non è più un fenomeno accettabile ma va assolutamente contrastata e risolta. Ma la colpa è sempre tua. Sei tu che non permetti al tuo sistema immunitario di smaltire lo stock tossico interno.

SEI IMPREGNATA DI VELENI ALL'INVEROSIMILE

Errori ne continui a commettere a raffica. Il tuo non è smaltimento da "diet improvement" ma smaltimento abortito in continuazione, per uso di ghiaccio, di antistaminici, e di altre soluzioni a contrasto. In più ti ritrovi con un corpo seriamente impregnato di veleni, e con un margine di tolleranza ai medesimi estremamente ridotto, per non dire inesistente. Talmente ridotto che ogni piccola ed insignificante novita' alimentare, tipo una bacca o una albicocca, o una prugna o una ciliegia, mandano il tuo organismo in tilt, diventando tutte gocce che fanno traboccare un vaso gia' colmo e per niente ricettivo.

NON TI OSSIGENI E NON TI NITROGENIZZI

Tensione da lavoro e stress familiare ti fanno andare avanti come un automa che non riesce ad ossigenare il suo corpo, ed ancor meno riesce a catturare azoto dall'aria ed a mescolarlo con i raggi solari e la melatonina tra la pineale e l'ipofisi, perdendo anche ogni occasione compensativa in termini di somatotropina. Occasioni per fare aerobica, esercizi, camminate, esposizioni al sole e nuotate in mare ne avrai pure pochissime, ma sarebbero la tua salvezza.

L'INTERO TUO SISTEMA VA RIPRISTINATO E RIVITALIZZATO

Pigrizia linfatica e sangue addensato caratterizzano chiaramente il tuo sistema, e la situazione ghiandolare ne risente a tutti i livelli. Il grave errore ideologico di associare il ferro al sangue, ti ha portata persino alla orribile tendenza verso la carne cruda, che mai ti risolverà nulla in termini di anemia e di riequilibrio, essendo la carne, cruda o cotta, materiale totalmente estraneo alla logica assimilativa del nostro intestino. Probabilmente anche l'efficienza epatico-renale andrebbe implermentata.

SEMIDIGIUNO CON LA FRUTTA MENO PROBLEMATICA

L'idea del semidigiuno rimane sicuramente valida, a patto di eliminare prima tutti i farmaci e di adottare una dieta crudista con tanti succhi di carote, sedani, ortiche, ananas e zenzero, oltre che tanta frutta di stagione confinata alle ore del mattino e del tardo pomeriggio. Per semidigiuno si intende solo frutta, e farai bene a scegliere per intanto quella che ti crea meno problemi.

ASSOCIARE CRUDISMO, VEGANISMO ED ETICA ANIMALISTICA

Non appena ti sarai liberata rigorosamente da ogni forma di proteina animale, prediligendo semmai lupini, semini, pinoli e cereali di vario tipo, diventerai via via più leggera e dinamica in termini di circolazione, e scompariranno come per incanto tutte le allergie assurde e inspiegabili che ora ti tormentano, inclusa l'assillante orticaria e l'inguardabile angioedema.

Valdo Vaccaro

CICLO DOLOROSO, EMOGLOBINA BASSA E FIBROMI


LETTERA

MEETING DI BERGAMO E DIFFUSIONE DELL'IDEA SALUTISTICA-NATURALE

Carissimo Valdo, alla fine ce l'abbiamo fatta a venire alla conferenza di 
Bergamo del 19 maggio! Ho avuto il piacere di salutarti e di ringraziarti 
appena sei arrivato. Desideravo tanto incontrarti. Ultimamente parlo ad un 
sacco di gente di te e consiglio libro e tesine a moltissime persone. Durante 
la conferenza ho parlato dei miei 4 fibromi e delle analisi del sangue con 
l'emoglobina a detta del laboratorio analisi a ''rischio trasfusione''. 

MISURE SANGUE E UN UN FIBROMA IN FASE ESPANSIVA

Devo dire che ultimamente da 8 che era mi e' scesa ancora a 7.6, con  HCT 
26,9  MCV 67,4  MCH 19  MCHC 28,3 RDW-CV 17,8 SIDEREMIA 9 TRANSFERRINA 401  
FERRITINEMIA 1,6. Uno dei 4 fibromi, sottomucoso, si e' ingrandito da 25 mm di 
diametro a 41.6x31.4x34.1. Il mio cruccio resta il fatto che il mio ciclo e' 
dolorosissimo per almeno 2 giorni.  Mi sembra di morire e non riesco a non 
prendere almeno una pastiglia per poter vivere e sopportare. 

ATTENDO IL GIORNO FATIDICO CON CRESCENTE ANSIA

So perfettamente che facendo cosi' rovino tutto quello che sto facendo con 
l'alimentazione, ma mi sento stretta in un vicolo cieco. Ogni mese attendo 
l'inizio del ciclo con molta apprensione. Quel giorno e'  per me da cancellare 
dal calendario. Non so come uscirne. Rifaro' un digiuno non appena potro' 
staccare 3 giorni dal lavoro, ma se hai qualche
consiglio in piu' ti ringrazio gia' da ora. 

SIAMO ANCORA ALLE PRIME ARMI MA CREDIAMO MOLTO AL VEGAN-CRUDISMO

Mio marito invece risulta avere la ferritinemia a 363,5 con valori di rif. 
21,81 - 274,66 . Al di la' di questi valori , dei 2-3 giorni terribili del 
ciclo ed il perenne battito del cuore nelle orecchie, io sto bene ed anche mio 
marito si sente sempre piu' in forma. Se ritieni utile pubblica la lettera. 
Ancora grazie di tutto !
Sara e Franco di Torino

*****

RISPOSTA

CON LA FORZA MENTALE SI ARRIVA DAPPERTUTTO

Ciao Sara e ciao Franco, e' proprio sul vostro entusiasmo che dovete far leva 
per  dare una svolta ed una forte accelerata verso l'equilibrio e verso il 
benessere. Il fattore ansia-stress-tensione puo' soltanto aggravare i 
problemi.
Se cerchi sul blog alla voce fibromialgia, emicrania e mestruo, troverai molte 
eclatanti autoguarigioni. Chiaro che non si possono ottenere risultati senza 
concedere al corpo una tregua dalla paura, dal respiro corto e dalle varie 
forme di pressione che esercitiamo sul nostro organismo.

VIVERE IN CITTA' NON E' IL MASSIMO PER IL CORPO E LO SPIRITO

Le grandi citta', incluso la magnifica Torino, comportano continue concessioni 
alle esigenze della vita metropolitana, in termini di impegni lavorativi, di 
orari, di traffico, di inquinamento acustico, di polveri sottili, di piombo e 
di altri minerali vicini all'asbesto.  Il ritmo serrato, i caffe' e i the di 
sostegno, le cole e gli alcolici, lo zucchero e i deliziosi gianduiotti usati 
come stampelle energetiche, sono tutte cose che si pagano poi in termini di 
acidificazione del sangue, in viscosita' ematica e in patine nerastre su 
bronchi e polmoni.

OCCORRE PREPARAZIONE E FORZA MORALE

Non possiamo illuderci che due mesi di crudismo e di frutta diventino una 
magica scopa capace di ripulire in quattro e quattr'otto tutta la spazzatura 
accumulata per anni. Serve un progetto di recupero, e una sistematica ricerca 
del meglio, oltre che una fiducia motivata e scientifica in quello che stiamo 
facendo. e, non dimentichiamolo, serve una forza morale ed una preparazione 
alle crisi eliminative che insorgono paradossalmente proprio quando si 
cominciano ad attuare politiche favorevoli al corpo.

C'E' ANCHE CHI SI INDISPETTISCE E PERDE LA PAZIENZA

Ma come! Ho migliorato la dieta, ho eliminato lo zucchero, il caffe', i cibi 
spazzatura, la carne e il pesce, e mi ritrovo con la febbre, con l'herpes, con 
un naso che cola in continuazione e  con alcuni valori del sangue fuori posto?  
Allora qualcosa non quadra davvero! Allora fa davvero male l'igienismo! Frasi 
di questo tipo arrivano troppo spesso per non essere tenute in 
considerazione. 

L'IGIENE PORTA A GALLA E RISOLVE LE PATOLOGIE, MENTRE LA MEDICINA LE NASCONDE 
E LE RIMANDA ALLE CALENDE GRECHE, AGENDO SUI SINTOMI E DEATTIVANDO IL SISTEMA 
IMMUNITARIO

Ribadiamo che la fase ripulitiva, tipica del primo periodo post-digiuno e post 
dieta-crudista, comporta notevoli espulsioni di tossine, e che l'igiene tende a 
portare a galla le patologie, non a nasconderle e ad accumumularle 
pericolosamente, come fanno tutte le diete mediche alto-proteiche, e tutti i 
ricorsi alle supplementazioni e alle integrazioni.

Valdo Vaccaro

DIABETE, DIETA A ZONA E SCELTA VEGANA


LETTERA

TENDENZA AD INGRASSARE

Salve Valdo, mi chiamo Carlo ho 36 anni e sono calabrese. Da qualche anno mi sono interessato ai poteri occulti, e di conseguenza sono arrivato anche alla conoscenza della spiritualità umana ormai addormentata. Da tre anni ho sofferto di qualche disturbo alimentare. Mangiavo in maniera “normale” ma ingrassavo a dismisura! Di conseguenza andai da un medico nutrizionista, uno dei migliori qui dalle mie parti, il quale mi diagnosticò un rischio di diabete e mi spiegò in dettaglio la famosa dieta A Zona di  Barry Sears.

QUALCHE TEMPORANEO RISULTATO MA TROPPO CERVELLOTICA ED IMPRATICABILE

Inizialmente avevo qualche dubbio, ma dopo qualche mese si iniziarono a vedere alcuni risultati. Ma era una enorme schiavitù seguire quello stile di vita, e difatti torno ad ingrassare in vari periodi dell’anno e difficilmente tolgo chili al mio organismo. Approfondendo il mio interesse sulla spiritualità umana mi sono imbattuto anche sull’alimentazione naturale leggendo vari articoli sul crudismo.

DA CIRCA UN MESE APPARTENGO ALLA CATEGORIA DEI VEGANI, A DIFESA DELLA SALUTE UMANA E DEI DIRITTI ANIMALI

Ho deciso insomma da circa un mese di diventare vegano! Alcuni amici mi hanno segnalato il tuo blog e ne sono rimasto estremamente attratto. Sto tuttora leggendo il tuo libro Alimentazione Naturale. Sono rimasto colpito soprattutto dalla descrizione di alcune barbarie contro gli esseri piu' indifesi. Devo dire che certe cose si sanno, ma si è tentati ad ignorarle, quasi che nemmeno esistessero! Sei riuscito a toccarmi nel cuore. Volevo  Ringraziarti per il lavoro che stai svolgendo, e approfitto per chiederti anche qualche suggerimento.

DIGIUNO INIZIALE E FRUTTA DI MATTINA

Ho iniziato con 3 giorni di totale digiuno, bevendo solo molta acqua. Ho eliminato ovviamente caffè, the, alcool, succhi, bibite, sale e cibi-spazzatura. Al mattino un paio di bicchieri d’acqua, una banana, qualche fetta di melone, una mela o una pera, un pugno di mandorle o qualche noce (dipende dalla fame).

PRANZO  E CENA VERDURIANI, PIU' QUALCHE FRUTTO

A pranzo insalata mista di pomodori con sedano, carote, peperoni, cetrioli, lattuga, zucchini, piu' una mela, qualche fico oppure una pesca. Insomma frutta possibilmente di stagione.
A merenda altra banana (vado pazzo per questo frutto tropicale).  A cena insalata mista come pranzo, o peperoni e patate cotte in padella, o qualche verdura cotta tipo zucchine o melanzane grigliate, piu' frutta come sopra e al massimo qualche nocciolina. Mi sento soddisfatto e sazio. Secondo te procedo bene?

SEMINI E GERMOGLI

Non so dove reperire i semi di lino, di sesamo e quant’altro o anche i vari germogli di cui sento parlare. Non ero neanche a conoscenza della loro esistenza! Forse li trovo in qualche erboristeria? È inoltre possibile avere qualche indizio su come preparare qualche altra verdura cruda?

DOVE SI TROVANO LE TUE MITICHE TESINE?

Inoltre sento sempre parlare delle tue tesine, ma non so dove reperirle. Spero tanto di non averti seccato con tutte queste domande. Sapendo la mole di mail che ricevi so che potrei non ricevere mai risposta. Ma non farterne un problema. Con tanta stima.
Carlo

*****

RISPOSTA

IL PEGGIO DEL PEGGIO

Ciao Carlo, Non capisco come un medico-nutrizionista, considerato come dici tra i migliori della Calabria, abbia mai potuto associare il suo buon nome e la sua buona reputazione a una delle peggiori diete mai concepite dalla mente umana, o meglio dalla mente di un chimico mosso non da scienza o da motivazioni umanitarie, ma da insaziabile fame di fama e di soldi.
Dieta non solo cervellotica ed impraticabile, ma anche, lasciatelo dire, demenziale.

IL BUONO DELLA ZONA CONSISTE PROPRIO NELLA SUA  IMPRATICABILITA'

Per fortuna poi che nessuno al mondo sia mai riuscito a metterla in pratica. Non penso che un chimico debba essere necessariamente analfabeta in fatto di nutrizione. Ma nel caso di Sears a pensar male si azzecca davvero. Come si faccia a mescolare frutta e carne in continuazione, i due cibi a minor indice di compatibilita' in assoluto, non sono mai riuscito a capirlo.
Se Atkins si intendeva di diete non piu' di quanto un maiale dell'Arkansas capisse di astronomia, cosa direbbe mai quel medico burlone a proposito di Barry Sears e' facile immaginarlo.

COME ATKINS PORTAVA CON SE' 60 PILLOLE DIVERSE, COSI' SEARS HA LE TASCHE INTASATE DA SCHIFEZZE DELLA MCDONALD'S

Per praticarla, uno dovrebbe portarsi appresso costantemente una scorta di salamini o di hamburger dimodoche', se gli capitasse di trovare una vigna carica di bella uva, o degli alberi di pesche e di albicocche, dovrebbe sempre accompagnare l'uva e tutto il resto con il wurstel, per attenuarne gli effetti glicemizzanti dell'orribile cibo chiamato frutta. Nei manicomi di antica memoria, avrebbe sicuramente trovato buona accoglienza.

ESSERE CERVELLOTICI SIGNIFICA ANDARE FUORI DI TESTA

In America Barry Sears ha ricevuto lo sfratto da ogni ambiente scientifico e persino dai medici. Continua a trovare allocchi e seguaci nei paesi sottosviluppati, nelle colonie e nelle repubbliche delle banane. La Calabria e' regione troppo intelligente per essere annoverata tra le zone di sottosviluppo, non fosse altro che per aver ospitato il genio di Pitagora. A maggior ragione trovo inspiegabili queste scelte mediche in terra calabra, verso le cose complicate, innaturali ed enigmatiche.Ovvio che tu Carlo non c'entri in queste mie stroncature, avendo solo subito, fortunatamente per poco, un pessimo consiglio medico.

ASPETTO POCO RASSICURANTE

Non si augura nemmeno al peggior nemico di fare l'orribile fine di altri come lui, tipo Atkins, Montignac, David Servan-Schreiber e Carlo Cannella, ma obiettivamente ho trovato il suo volto, negli ultimitempi, sfasciato ed irriconoscibile, piu' da reparto ospedaliero ad alto rischio che da spiaggia delle Bahamas.

NIENTE MALE LA TUA IMPOSTAZIONE DIETETICA

Passiamo pero' a considerazioni meno lugubri e parliamo della tua dieta. Trovo tutto molto positivo. A patto che tu tiri via la frutta a pranzo e a cena, essendo essa confinata alle zone lontane dai pasti. Qualche piccola eccezione si puo' fare per mele, ananas e papaia, che non fermentano facilmente. Particolari attentioni poi con anguria e meloni, da assumere sempre lontano dai pasti e a stomaco vuoto, e mai durante o a fine pasto.

SEMINI, GERMOGLI E TESINE

Semini e germogli li trovi anche nei grossi supermarket, oltre che nei negozi di macrobiotica. Per le mie tesine va semplicemente sul www.blogspot.com e su www.drvaldovaccaro.com.hk.

Valdo Vaccaro

MESOTELIOMA PLEURICO E VIE D'USCITA NATURALI


LETTERA

MALARIA E MESOTELIOMA PLEURICO

Ciao Valdo, prima di  scriverti ho provato a vedere sul blog se c'era qualcosa su questa malattia, ma non ho trovato nulla. Dopo un viaggio in India mi sono beccata la malaria e, in seguito, mi hanno scoperto un mesotelioma pleurico. Mi hanno diagnosticato questa brutta cosa a dicembre.

DAI MEDICI, ALL'OMEOPATA, ALL'IRIDOLOGO

Il primo consiglio dei medici è stato di decorticarmi la pleura. Al mio "No" mi hanno proposto la chemioterapia. Dopo essermi ribellata al terrorismo psicologico dei medici ho deciso di seguire una via alternativa. Ero già seguita da una omeopata ma mi sono rivolta poi anche a una iridologa che mi ha consigliato la dieta senza nessuna proteina nemmeno vegetale.

MENU A CEREALI INTEGRALI, SEMI, VERDURA E POCA FRUTTA

Mangio soltanto cereali integrali, semi, verdura e poca frutta. Ho perso un po' di chili e mi sento bene sopratutto felice di questa scelta. Non voglio piu' cibarmi di niente di vivo. Che consiglio mi puoi dare? Conosci qualche caso come il mio? Grazie mille !!!
Lidia

*****

RISPOSTA

DEFINIZIONE DI MESOTELIOMA

Ciao Lidia, ti rispondo da Seoul-Korea. Qualcosa su pleura e su bronchiti ostruttive ho scritto sul blog e faresti bene a cercarlo o a richiedermelo verso fine luglio. Per quanto concerne il mesotelioma pleurico, si tratta di una neoplasia che si crea nel mesotelio, lo strato di cellule che riveste le cavità sierose del corpo tipo pleura. peritoneo, pericardio, cavità vaginale, testicoli.

ISPESSIMENTO PLEURA E VERSAMENTI

Più che alla formazione di noduli, si ha un ispessimento della pleura, con tosse, dolori al torace, astenia, malessere generale, dispnea o fame d'aria, ovvero sintomi di respirazione difficoltosa. Il segno più frequente e rilevabile è il versamento di liquido nel cavo pleurico, oltre la quantità fisiologica presente che si aggira sui 10-20 ml. La quasi totalità dei casi è correlata a prolungata esposizione alle fibre aerodisperse dell'amianto.

QUALCHE CONFUSIONE TERMINOLOGICA

Non ho poi capito la frase "Non voglio più cibarmi di niente di vivo". Se intendevi dire che non vuoi mangiare carne di animali ex-vivi, mi trovi d'accordo in pieno. Se invece intendi dire che non vuoi più mangiare cibo vivo tipo cererali, verdure, semini, radici e frutta, è un altro paio di maniche, per cui non c'è condivisione da parte mia. Sulle modalità specifiche del come e del perché tu abbia sviluppato tale patologia, non è facile dirlo.

I MENU NON COINCIDONO

Osservo invece alcune evidenti discrepanze tra il menu prescritto dall'iridologa e quello da te adottato. Lei ti ha suggerito una dieta ipoproteica, con poche o zero proteine sia animali che vegetali. E tu mangi solo cereali integrali, semini e verdure, con poca frutta.

NIENTE DI MEGLIO DELLA FRUTTA, COME DIETA BASSO-PROTEICA

Anche senza entrare nel merito delle idee della tua iridologa, ti ricordo che stai trasgredendo abbondantemente tali raccomandazioni. Cereali integrali, semini e verdure sono carichi di proteine vegetali, mentre la frutta, da te trascurata, vanta il più basso contenuto proteico. Cerca dunque di essere più coerente.

NULLA DI MEGLIO CHE UNA DIETA NATURALE A PREVALENZA FRUTTARIANA

Personalmente credo che una dieta crudista  e rivitalizzante, ad alto contenuto di frutta e di relativa acqua biologica, sia la migliore via per un recupero della salute, e ci dovrà pure essere una contemporanea serie di strategie come i bagni di sole e di mare, la rieducazione respiratoria progressiva e senza forzare troppo, le belle e rilassanti camminate nelle zone boschive, con ritmo respiratorio associato. Consiglio in ogni caso di consultare le mie tesine sul tumore e sul cancro.

Valdo Vaccaro


mercoledì 27 giugno 2012

SCIENZA E PARASCIENZA SULLA VITAMINA-SPAURACCHIO

LETTERA

DIVULGATORE SCIENTIFICO DI NUTRIZIONE VEGETARIANA  

Gentile Valdo Vaccaro, Mi chiamo Carlo Martini e, nel tempo libero, mi occupo di divulgazione scientifica nell'ambito della nutrizione vegetariana, collaborando al sito web e al forum InformazioneAlimentare.it  

INFORMAZIONI SCORRETTE E PERICOLOSE

Il motivo per cui le scrivo è la speranza di farle cambiare opinione sul tema della vitamina B-12, in quanto credo che le informazioni da lei divulgate siano scientificamente scorrette e potenzialmente di grande pericolo, considerata l'enorme diffusione che hanno i suoi scritti.

I LIVELLI B12 PER LEI OTTIMALI SONO IN REALTA' FATTORI DI RISCHIO, COME SUGGERISCE LA RICERCA  

So già, avendo letto molti suoi articoli, nonche' il suo libro "Alimentazione Naturale", che l'igienismo non si basa sugli studi di popolazione a base statistica (epidemiologia), per cui rinuncio a convicerla che i livelli di B-12, che lei reputa "ottimali", siano in realtà, come suggerisce la ricerca, degli importanti fattori di rischio per alcune malattie degenerative (problemi cardiaci, demenza, osteoporosi e forse il tumore del colon-retto).

 CASI DOCUMENTATI DI PERSONE VEGAN  

Ragionerò quindi su un altro aspetto, ossia i singoli casi documentati su riviste scientifiche di persone vegan che hanno sviluppato danni neurologici evidenti a causa della mancata integrazione di questa vitamina e sono riusciti (spesso solo in parte) a farli regredire grazie alle supplementazioni.

 STUDIO DEL BIOMED CENTRAL PEDIATRICS  

Uno di questi è stato pubblicato pochissimi giorni fa su "BioMed Central Pediatrics". Un bimbo di 5 mesi, allattato al seno, che aveva smesso di crescere e presentava pancitopenia, ipotonia muscolare, allargamento di fegato/milza e difficoltà ad alimentarsi, si è salvato grazie alle iniezioni di B-12, in quanto era proprio la condizione di carenza nella madre ad aver prodotto questa situazione.

DUE CASI IN ITALIA  

Stando qui in Italia, pochi mesi fa, l'Università Federico II di Napoli aveva documentato su "Clinical Neurology and Neurosurgery" una degenerazione subacuta combinata del midollo spinale in una donna vegan in carenza di B-12 che, per ironia della sorte, era persino un'insegnante di danza! Un caso analogo, riguardante un'altra donna vegan, era stato pubblicato nel 2007 dall'Azienda Ospedaliera di Padova sulla prestigiosa "Nutrition".  

MIRIADE DI DATI E IMMAGINI CLINICHE  

Quelli che le ho appena citato sono solamente tre piccoli esempi: ci sono decenni di documentazione clinica su persone vegan (neonati, bambini, adolescenti, adulti) dall'Europa fino all'Asia che hanno sviluppato gravi danni neurologici di questo tipo. Le invio quindi il link di un archivio da me curato (formato zip) con 20 diversi articoli scientifici in PDF che descrivono decine di singoli casi (compresi quelli citati), corredati da una miriade di dati ed immagini cliniche.  

LE OFFRO PURE IL LINK

Eccole il link: http://www.mediafire.com/?dxdj829cc4nb3f8 (Se per caso avesse problemi nel download, la prego di comunicarmelo e potrò spedirle l'archivio direttamente via mail)

 LA PUNTA DI UN TERRIFICANTE ICEBERG CAUSATO DALLA MANCATA INTEGRAZIONE  

Dando un'occhiata alle bibliografie degli articoli in questione (che rimandano ad ulteriori casi), e tenendo conto che solo una piccola parte di questi vengono documentati nelle riviste scientifiche internazionali, risulterà evidente che questa è solo punta di un terrificante iceberg, causato dalla mancanza di integrazione della vitamina B-12 tra i vegan, e che a farne le spese - spesso - sono neonati e bambini.  

SPERO DI FARLE CAMBIARE IDEA  

Spero che lei potrà cambiare idea e che, attraverso una corretta informazione scientifica da parte di chi si occupa del vegetarismo, non dovremo più leggere di tristi episodi come questi.
Cordiali saluti. Carlo Martini  

                                                                        *****  

RISPOSTA  

PRESUNZIONE, ARROGANZA E SPOCCHIA  

Carissimo Martini, al di la' della apparente gentilezza, e dei modi eleganti, trovo nel suo messaggio una dose insopportabile di presunzione, di arroganza e di spocchia. Lei ha ribaltato l'intera situazione e si permette di dipingere pericolose le mie affermazioni sulla B12, senza rendersi conto che il vero pericolo viene proprio da gente come lei che, nascondendosi dietro la conveniente foglia di fico del vegetarianismo, pretende di impartire lezioni di scienza senza possedere i requisiti di imparzialita' e di chiarezza mentale.  

DATI STATISTICI DEL CACCHIO  

Lei e' convinto di stare nel giusto e nella corretezza scientifica al 100%, supportato da dati statistici e da ricerche inappuntabili. Dati statistici che valgono in realta' meno di zero, visto che nessuno possiede vere statistiche sulle persone reali, per come sono e come si comportano.  

ANDATE AVANTI A FORZA DI IPOTESI E DI SUPPOSIZIONI  

Parlate di vegani senza nemmeno sapere chi sono, cosa pensano, dove stanno, come mangiano, bevono e respirano. Parlate di ipotetici vegani-medi che non esistono e che mai avete trovato nella realta', essendo essi frutto della vostra distorta, bacata e parziale fantasia.  

STATISTICHE PIETOSE E PRIVE DI SIGNIFICATO  

Parlate di vegani in una sorta di demenziale ubriacatura statistica, e siete pure degli incapaci nel gestire cifre e percentuali. Pretendete di ottenere delle verita' medie dai piccoli dati  raccolti uno qua e uno la', e sottoposti alla solita etichettatura, mentre la statistica richiede sempre e solo grandi numeri e offre, anche in quelle circostanze, precari risultati, tipo il caso dei due soggetti dove uno mangia 2 polli al giorno e l'altro nessuno, per cui alla fine, per la media, ne mangiano uno a testa, dato abominevole e utile solo ad inventare nuove barzellette.  

PIAZZISTI DI PILLOLE AMMANTATI DI SCIENZA


A parte queste magagne generali, ognuno e' in grado di fabbricarsi le statistiche che gli fanno piu' comodo. Non ho ben capito il suo personale ruolo di ricercatore scientifico da tempo libero. Tutti i venditori di farmaci e di intergratori in Italia si qualificano come "promotori scientifici", cosa che fa ridere anche i sassi. Non intendo offendere nessuno. Tra loro ci potranno anche essere scienziati e Pichi della Mirandola, ma il lavoro che fanno e' tutto fuorche' scienza. Sono dei meri piazzisti di droghe legali, e vengono anche profumatamente pagati per questo.   


DISEDUCAZIONE DI MASSA   


Il business degli integratori e' diventato l'asse portante della peggiore diseducazione alimentare nella storia umana. Mai l'uomo e' stato spinto con  modalita' e tecniche manipolatorie di massa, ad allontanarsi dal naturale e a trasformarsi in consumatore di spazzatura sintetica, come in questi anni. Multinazionali, universita', ministeri, reti televisive, tutti uniti e coalizzati a robotizzare l'uomo, quasi che un organismo costituito principalmente di acqua, potesse mai trasformarsi in gabbiotto metallico funzionante a polveri e a materiale sintetico.   


CIBI SPAZZATURA E BEVANDE SPAZZATURA  


Industrie che diventano bravissime a inventare sapori e aromi identici a quelli della natura. Peccato che si tratti sempre e comunque di brutte copie, incapaci di sostituire l'originale. Sinistri fabbricanti di cibi spazzatura e di bevande spazzatura, specializzati a mettere zucchero, aspartame, sale, e caffeina e mille dannosi additivi in ogni prodotto e in ogni confezione.   


E' QUI CHE STA IL PERICOLO E LA DISEDUCAZIONE DI MASSA   


Parliamo di sofisticatori e di industrie mosse solo da interessi venali. Gente pericolosa con la P maiuscola, gente specializzata a diseducare i popoli, a toglierli dagli orti, dai frutteti e dai campi, a spingerli verso le integrazioni e le supplementazioni, propagando le demenziali ideologie della medicina ortomolecolare.   


INTEGRATORI MICIDIALI PER DIETE ALLUCINANTI   


Il business degli integratori raggiunge ormai cifre vorticose. Fa da base a tutte le carenze provocate dalle diete bifolche imposte dalla medicina, e a tutte le precarieta' derivanti dalla nutrizione stile supermarket, stile McDonald's, stile Redbull e stile Coca-Cola. Solo con i velenosi supplementi propinati dall'industria farmaceutica si rende possibile il diffondersi e il mantenersi di diete allucinanti come la Atkins, la Dukan, la Lemme, la Tisanoreica, la Zona, la Gruppi Sanguigni, la South Beach, la Montignac, la Mediterranea e le altre minori che si rifanno in un modo o nell'altro ad esse.   


SQUALLIDI SPAVENTAPASSERI E CAVALLI DI TROIA   


Le fonti che lei cita con grande sussiego, e parlo proprio della BioMed Central Pediatrics, puzzano di bruciato a chilometri di distanza. Non mi meraviglierei troppo che lei fosse legato alle teorie della Baroni, di Proietti e dei troppi pseudo-vegetariani che usano il marchio della natura e del veganismo come lasciapassare utile a minare ed indebolire il movimento dal di dentro, come autentici cavalli di Troia. Un vegetariano autentico non cade nelle piu' sciocche e stupide banalita' della B12, ne' tantomeno si fa condizionare dagli squallidi spaventapasseri di regime.   


HITLER, STALIN E FEDERAL DRUG ADMINISTRATION   


Non mi meraviglierei che lei fosse collegato alle lobby del Codex Alimentarius, e di conseguenza ai piu' grandi farabutti legalizzati che stanno nei comodi uffici della FDA, superpagati e superprotetti. Quelli che hanno commesso crimini peggiori di Hitler e Stalin messi assieme, senza che nessuno sia mai andato a prenderli uno per uno e a metterli di fronte a un tribunale pubblico.   


DISTRUTTORI SERIALI DI SALUTE   


Parlo di quella FDA responsabile delle tabelle e delle piramidi alimentari che hanno maciullato e disintegrato la salute di bambini, adulti e anziani nell'ultimo mezzo secolo, con allucinanti dati sulle quote giornaliere proteiche, stabilite per decenni tra i 180-300 grammi/giorno per gli adulti e i 90-120 grammi/giorno per gli infanti. Quote imposte al mondo intero e adottate senza riserve e senza colpo ferire dalla categoria medica piu' pericolosa al mondo, che e' notoriamente quella dei pediatri (fatte le debite eccezioni a livello di singoli).   


STO CON MENDELSOHN, SIA BEN CHIARO   


Non sono a caso un grande ammiratore del maggior pediatra della storia mondiale, autore di best-seller letti in tutte le lingue. Parlo di Robert Mendelsohn, quello che invitava le mamme a non portare i bambini sani dal pediatra (pena ammalamento assicurato), a non portare i bambini ammalati dal pediatra (pena aggravamento assicurato), e a fare l'esatto contrario di quanto i pediatri consigliavano, quando esse si fossero recate nei loro ambulatori.    


IL LANCIO DELLA TEORIA CALABRESE A UNO MATTINA   


Quote proteiche assurde dicevamo. Tali da indurre il nutrizionista mega-galattico della televisione italiana, dr Giorgio Calabrese, ad annunciare con inflessibile sicumera che 180 grammi/giorno per gli adulti e 90 grammi/giorno per i bambini erano le quote minime sotto le quali diventava rischioso ed azzardato spingersi. Tanto sicuro e determinato era Calabrese, che decise di denominare tali posizioni e lanciarle nel paese come Teoria Nutrizionale Calabrese. Era il febbraio del 2008, e la trasmissione TV si chiamava Uno Mattina.   


LA VERITA'  STA DOVE VUOLE LEI E NON DOVE COMODA A NOI   


Se e' vero come e' vero che la ragione non sta nel mezzo, ma sta sempre nel punto esatto che vuole lei, e che la scienza e' obbligata ad evidenziare e non a celare, insabbiare e manipolare le cose, occorre valutare le enormi differenze tra quei dati manicomiali e i dati emersi in questi ultimi mesi in modo definitivo e privo di ulteriori controversie.   


24 GRAMMI AL GIORNO DI PROTEINE   


Oggi si parla di 11 grammi per i bambini e di 24 grammi per gli adulti, quote che riflettono la scienza sopraffina dell'igiene. Quella scienza che non e' mai ricorsa a miserabili, prefabbricate e sballate statistiche, ma che bada al sodo e al concreto, essendo da sempre votata alla verita' e al benessere dell'uomo, degli animali e della natura. Quella scienza che aveva fissato 11 grammi per i bambini e 20 per gli adulti ancora 150 anni orsono. Non siamo piu' nel campo dell'immaginario e dei giochi di prestigio. La stessa OMS, la stessa FAO, le stesse AMA (American Medical Association) ed ADA (American Dietetic Association), accettano i 24 grammi come quota massima definitiva.   


LE MALEFATTE DELLA MEDICINA, DELLA PEDIATRIA E DEL NUTRIZIONISMO   


Se oltre i 24 grammi un adulto va in acidosi, fonte di tutte le peggiori patologie umane, e se oltre gli 11 grammi un bambino va in acidosi, fonte di una crescita distorta e carica delle peggiori insidie possibili ed immaginabili, quanta gente adulta e' finita in camposanto prima del dovuto? Quanti bambini sono stati rovinati irrimediabilmente dalla classe medica, pediatrica e nutrizionistica, e dalle loro infami teorie alimentari e terapeutiche?   


QUESTE SONO LE COSE CHE CONTANO DAVVERO   


Parliamo di milioni e milioni di persone. Misuriamo queste cose, anziche' perderci a fare statistiche del cavolo tese a dimostrare l'indimostrabile e a mettere nel sacco altri creduloni ancora. Misuriamo queste cose, anziche' spingere a controllare in continuazione i valori del sangue, mutevoli in continuazione e quindi di valore pratico zero, in quanto presi con flash istantanei privi di significato.   


GONFIAMENTO QUOTE PROTEICHE E GONFIAMENTO DELLA B12   


Alla filo-macellaia FDA hanno accesso solo i grandi lazzaroni. I manipolatori collusi con chi paga le migliori prebende. La WHO, Word Health Organization, aveva fissato negli anni 50-60 i minimi della B12 in modo onesto, corretto, e necessariamente approssimativo, sulla quota di 80 nanogrammi per mL di sangue. Saltava pero' all'occhio che, se l'uomo aveva bisogno di 300 grammi di proteine al giorno, ovvero di carne al risveglio, a colazione, a pranzo, a merenda e cena, avrebbe dovuto sicuramente raddoppiare la quota di B12, proteina contenuta preferibilmente nella merda e nel sangue degli animali uccisi.   


MANIPOLAZIONI SULLA B12 E SULLA VITAMINA-C   


Facile per la FDA manipolare i dati della WHO e portarli a 157 ng/mL. Dato che c'era, perche' non dare una martellata anche alla maledetta vitamina-C che non sta nelle carni e abbonda purtroppo negli odiatissimi frutti e nei vituperati ortofrutticoli? Ed e' cosi' che per decenni la popolazione mondiale ha pensato che 30-50 mg di vitamina C al giorno bastassero davvero, mentre in realta' ne servivano e ne servono almeno 10 volte tanto.    


DILETTANTE MA NON SPROVVEDUTO   


E ora lei, Mr Martini, mi offre pure dei link, con la pretesa di addomesticare le mie posizioni? Ma si rende almeno conto di quanto ridicolo ed umoristico e' il suo messaggio? Io non ho alcun timore ad autodefinirmi scienziato o ricercatore scientifico libero e indipendente. Accetto anche la parola dilettante. Sprovveduto no, quello glielo lascio a lei, se vuole. Troppe bufale, troppe sceneggiate e troppi luridi giochi di potere ho potuto rilevare in una vita di studi e di analisi fuori dalle righe, per farmi distrarre dalle sue circonlocuzioni.   


NESSUN LABORATORIO VALE QUANTO IL NOSTRO CORPO   


L'unica statistica valida e sicura per me e' quella mia personale. Conosco il mio corpo a memoria e so gestirlo al meglio. Lo faccio dall'eta' della ragione e quindi da almeno 60 anni. Sto magnificamente con la B12 intorno ai 100 ng/mL, e sono una persona vera, non un fantasma etichettato e chiamato vegan per ragioni di comodo.   


NON SONO UNA MOSCA BIANCA   


So peraltro che esistono al mondo tanti altri come me, a partire dei miei familiari, dove nessuno ha mai preso integrazioni. So pure che tutti gli animali vegani del mondo hanno salute da vendere senza sapere nemmeno che esistono B12 e integratori. So anche che l'anemia perniciosa riguarda principalmente masse di gente carnivora che ha la B12 elevata e quindi patologica, in contrasto insanabile con la vitamina-C e il ferro.   


L'ANEMIA RIGUARDA I MANGIATORI DI CADAVERI E NON CERTO I VEGANCRUDISTI   


So che i casi clinici tirati in campo dai medici riguardano persone che hanno pervertito in modo spaventoso le proprie condizioni intestinali, mettendo fuorigioco i meccanismi autoproduttivi di cobalamina. So infine, per grande scorno suo e di chi predica le stesse minestre, che l'idea di dipingere i vegani come persone anemiche e' una grossa bufala, visto che l'anemia e' sconosciuta in ambito vegancrudista, mentre dilaga letteralmente tra i carnivori.   


QUELLO DELLA B12 E' UN FALSO PROBLEMA   


Non esiste un problema B12, come non esiste un problema B20, B21, B69. Esiste sempre e solo un problema chiamato equilibrio mineral-vitaminico, condizione che si raggiunge giorno per giorno, rispettando le regole, stando sul cibo di pertinenza (vegano) e stando sul cibo tendenzialmente vivo e crudo. Senza contare sulla importanza della B come gruppo, visto che carenze di B1-B2-B3-B4-B5-B6-B8 e B9, portano inevitabilmente a squilibri anche nella B12.   


NON ACCETTO LEZIONI DAGLI ARROGANTI   


Non intendo imporre le mie idee a nessuno. Ognuno si faccia le sue convinzioni in modo libero, cosciente ed indipendente, senza farsi condizionare da niente e da nessuno, e tantomeno da teorie terroristiche che fanno acqua da tutte le parti. Quanto a lei, visto che si sente cosi' pimpante e sicuro, vada a cercarsi altri tipi di platee, visto che nulla, ripeto nulla, ho da imparare dalle immondizie culturali bidodicistiche che la contraddistinguono in questo momento.   


NON ARMONIZZO COI CREATORI DI STRESS   


Lei appartiene, senza nemmeno rendersene conto, alla setta mondiale degli avvelenatori e dei creatori di stress. Nulla di credibile, di scientifico e di trasparente puo' scaturire dalle sue elucubrazioni. Non la conosco e non so quanti anni lei abbia. In ogni caso, se lei fosse davvero motivato da verita' e non da altre ragioni di bassa lega, potra' sempre ricredersi e ricontattarmi, quando un tocco di illuminazione diradasse le pesanti nebbie mentali che al momento la avvolgono.   


C'È SEMPRE IL TEMPO PER REDIMERSI E CORREGGERSI   


Lo stesso professor Colin Campbell, oggi autore del piu' avanzato e seguito esperimento su salute e nutrizione, sintetizzato nel libro "The China Study", era qualche anno fa convintissimo della bonta' di carne, latte e B12, condizionato com'era dalle sue origini agricole e veterinarie. Ma Campbell era un elemento troppo curioso e motivato per fermarsi alle apparenze e alla mediocrita'.   


I CLAMOROSI CASI DI CAMPBELL, HYMANN E BILL CLINTON   


Divento' medico e visito' bambini e adulti in America, Europa, Africa e Cina. Scoperse realta' mai immaginate e sospettate. Si accorse di aver speso 10 anni di studi nella direzione sbagliata, ed ebbe l'umilta' ed il coraggio di ammettere i propri errori e di farne tabula rasa, diventando il grande scienziato che oggi conosciamo, caposcuola riconosciuto del veganismo mondiale, oltre che medico e consigliere salutistico personale di Bill Clinton, seguito in questo dalla clamorosa conversione di Mr Hyman, celebre allevatore del Montana, diventato pure lui vegano e spina nel fianco del carnelattismo mondiale.   


Valdo Vaccaro