Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 30 settembre 2012

DISPERANTE ED ASSURDA SPINTA ALLA DIALISI



LETTERA

AUMENTO IATROGENO O MEDICO-CAUSATO DELLA CREATININA

Buongiorno professor Vaccaro, mi presento mi chiamo Mario ed ho 23 anni. Vivo a Palermo e studio scienze motorie. Da un mese a venire qui mi hanno diagnosticato una insufficienza renale con creatinina prima valore 6 e poi, per conseguente cura di Deltacortene, Bactrim, e medicine per la pressione, il valore della creatinina è aumentato a 8.

MANGIARE DI TUTTO, SPECIE PROTEINE ANIMALI, E DIALISI DIETRO L’ANGOLO

I medici stessi mi hanno detto di poter mangiare di tutto, ma per me questa è un assurdità. E comunque ho purtroppo seguito il loro consiglio, mangiando anche della carne e qualche pizza. Adesso hanno intenzione di dializzarmi ma prima che succeda ciò vorrei consultare un esperto come lei per evitare tutto questo.

SONO DISPERATO DI FRONTE A UNA PROSPETTIVA DEL GENERE

Vorrei cortesemente mettermi in contatto con lei, anche venendo dove vuole lei, per un consulto, per farmi capire se è veramente l'unica strada o ci sono altre alternative. La prego vivamente di contattarmi perché sono disperato, ed ho bisogno di sperare in qualcosa che non sia la dialisi.

NON MI LASCI FINIRE TRA I DIALIZZATI E MI DIA UNA MANO

Le do il mio numero telefonico. Credo fermamente che la mia condizione, essendo giovane, lo stimoli ad aiutarmi. Non so più a quale santo rivolgermi. La prego mi aiuti! Convinto del suo interessamento lo saluto.
Mario

*****

RISPOSTA

NON PROFESSORE O DOTTORE CHE INGENERI CONFUSIONE, MENTRE NULLA A CHE FARE HO CON LA MEDICINA, GRAZIE A DIO

Ciao Mario, non chiamarmi Professore, e nemmeno Dottore, salvo che non ci metti vicino Dottore in Economia, Dottore in Filosofia, Dottore in Naturopatia. O chiamami semplicemente Valdo. Se qualcuno mi scambia per medico potrei anche offendermi. Fa come l’anonimo Antoine che mi definisce spregevolmente Santone, o come Luigi, più amico, ma hamerizzato al punto di invitarmi a fare un corso sulla Nuova Medicina Germanica. Oppure fa come le Forze dell’Ordine che mi invitano a non curare nessuno, ignare che sono un teorico della Non-Cura del sintomo e quindi un anti-terapeuta.

2000 KM PER INCONTRARMI? NON NE VALE LA PENA!

Verresti su dalla Sicilia per un consulto? Cerchiamo di non essere ridicoli. Grande dispendio di energie. Grande spesa. Peggioramento della tua condizione renale. E magari mi ritroverei con la volante dei CC a spiare la mia stradina per eventuale inosservanza della legge. Interessarsi di salute significa scalfire la materia medica e la esclusività assoluta ed implacabile che l’Ordine dei Medici, col supporto dell’Ordine degli Avvocati, è riuscito ad imporre al mondo intero. Giù le mani da Cuba.

VIVIAMO IRREGIMENTATI E SCHIAVI

Giù le mani dalla salute. Alla salute ci pensiamo noi e soltanto noi! Nei modi e nei metodi a noi cari. Ogni cura, ogni prescrizione e persino ogni schema dietologico legato alle cure è materia di nostra esclusiva ed insindacabile competenza. Ogni trasgressione diventa passibile di denuncia. Guai varcare quel limite. Roba da codice civile ed anche penale, visto che viviamo in un regime non democratico o liberale o socialista, ma in un regime sanitario supportato dalle banche, dalla politica, dai governi, dalle regioni e dalle multinazionali.

SIAMO TUTTI NELLE GRINFIE DELLA MAFIA SANITARIA MONDIALE, ED ANCHE DEI SUOI SERVI E DEI SUOI MEDIOCRI LACCHE'

Ma veniamo al tuo problema, che è ben più serio di queste vergognose leggi degne di una mafia, della Mafia della Sanità, esattamente come il titolo del famoso testo della Guylaine Lanctot.
Ti garantisco che, se studierai attentamente le tesine allegate, e se seguirai con coerenza le indicazioni ivi contenute, eviterai la dialisi e riprenderai in mano le redini della tua salute.

TESINE DA CONSULTARE

- Aberranti pasti, rene policistico e dialisi, del 19/9/10
- Creatinina alta e forti dolori al fianco destro, del 26/2/12
- Creatinina scesa, alla faccia dei medici, del 9/1/11
- Dialisi renale e creatinina alta, del 17/11/10
- Diuresi, ritenzione idrica e diabete insipido, del 12/11/11
- Fibre, acque, costipazioni e multinazionali, dell’1/11/10
- Giornata del rene e nefrologi controcorrente, del 12/3/11
- Gli antociani e la dialisi renale, del 18/3/11
- Il rene policistico, il sudore e l’acqua biologica, del 25/3/10
- Insufficienza renale e dialisi, del 12/8/10
- La ritenzione, l’urologo e la coda di paglia, del 24/3/10
- Lo scorrimento delle acque, le insufficienze e le cure, del 29/10/10
- Salvataggio dalla dialisi e scorno ospedaliero, del 2/4/12
- Schivare la macrobiotica, la dialisi e il trapianto renale, dell’8/7/10
- Stop all’insufficienza renale, del 21/12/10
- Una dieta contro i reni policistici e l’insufficienza renale, dell’11/3/12
- Problemi renali e dieta ipoproteica, del 27/8/09
- Rifiuto dialisi e 81 anni portati magnificamente, del 16/4/12
- Salvezza dai reni policistici e dalla drammatica dialisi, del 9/3/12
- Sindrome di Alport, dialisi e trapianti renali, dell’11/1/11
- Le tue tesine sono una bomba e le mie analisi sono da record, dell’8/2/12
- L’inevitabile conflitto tra medicina moderna e igiene naturale, del 3/2/12
- La grande svolta igienistica, del 19/5/12
- Vivere secondo natura, del 19/9/12
- L’arte del mangiare semplice e sano, del 19/9/12

SERVE UN RISPETTO METICOLOSO E COERENTE DEL SISTEMA RENALE

Per evitare di crearti confusione, ti ricordo solo che i reni sono il maggiore organo eliminativo del corpo, basilare e vitale per l’eliminazione della creatinina, dell’azotemia e degli scarti organici, ma soprattutto dei sali inorganici che ci intasano ogniqualvolta prendiamo carni, proteine animali, integratori mineralvitaminici, sale da cucina, zucchero da cucina, cibi cotti incluso verdure cotte, succhi di frutta devitalizzati o comunque pastorizzati.

CRUDO SENZA TRASGRESSIONI

Ti ricordo pure che devi stare rigorosamente al 100% nella dieta vitale e quindi nel crudo. Persa la stagione dell’anguria, valgono per te i meloni gialli. Dovresti riempirti casa e cantina di un quintale almeno, e consumarli da soli a digiuno e lontano dai pasti. Centrifugati di 4 carote, 1 costa di sedano, 1 mela, 1 ciuffo di malva e di piantaggine, o 1 ciuffo di tarassaco e acetosa, mezzo spicchio d’aglio o foglie di aglio, e un pizzico di alche secche, un pizzico di peperoncino rosso, e vedrai come recuperi.

SOLE CONCESSIONI NELLE DITA DI UNA MANO

Sola concessione straordinaria (quando proprio non ce la fai) il panino imbottito di radicchio o valeriana, con peperone e pomodoro secco, crema di olive e carciofino, o la pizza sottile con le patate o le cipolle e niente mozzarella. Ammesso un tozzo di pane integrale con le verdure. Ammesso il pop-corn. Ammessa la crema d’avena coi semini e il germe di grano.

TANTA MALVA, TANTO MELONE, TANTO SOLE E TANTA GINNASTICA

Un litro abbondante di the di malva al giorno, da bersi al posto della normale acqua 15 minuti prima dei pasti, con fiori e foglie che troverai abbondanti in Sicilia, centrifugati come sopra due volte al giorno, melone giallo almeno 1 frutto completo al giorno, sole da prendersi in ogni occasione,  e movimento aerobico all’aperto tutti i giorni, con respirazione lunga e non più corta al ritmo 1-4-2 e multipli (1 è inspirazione, 4 trattenimento e 2 espirazione).

QUESTA E’ UNA SFIDA UFFICIALE

Facciamo la scommessa che fra 2 mesi sarai un’altra persona. Sia ben chiara una cosa. Non ti ho curato e non ti ho santificato. Ti ho dato speranza concreta, speranza igienistica e speranza hameriana (per accontentare Luigi). Ti ho soltanto insegnato ad auto-guarirti. A Natale inviami la tua testimonianza di guarigione! Questa è una sfida ufficiale e pubblica ai medici che ti stanno oggi spingendo alla dialisi.

Valdo Vaccaro









MEMORABILE SOGGIORNO A MONOPOLI E IDROCOLONTERAPIA


VALDO VACCARO HK LTD
30 Settembre 2012


MEMORABILE SOGGIORNO A MONOPOLI E IDROCOLONTERAPIA


LETTERA

NOSTALGIA PER UNA VACANZA COSTRUTTIVA NELLA NATURA

Ciao caro Valdo come stai? Quest'anno nessun soggiorno fatto di natura e pace con te e gli altri ragazzi, chi vegetariani, chi vegani, chi crudisti e fruttariani, che da tutta Italia scesero a Monopoli per un soggiorno con te nell’Estate 2011. Esperienza che un giorno vorrei tanto rivivere.

VOGLIA DI CHIAREZZA SULLE CONDIZIONI DEL COLON

Avrei un consiglio da chiederti. Ho una amica che ha urgenza di fare una colonscopia. Vuole fare una serie di controlli tra i quali questo. Ha sentito parlare di una idrocolonterapia per prima ripulirlo e poter quindi avere analisi più veritiere. Cosa ne pensi? Ci sono controindicazioni? Sarebbe meglio evitare?

MANTENIMENTO DI PESCE, LATTE E DERIVATI

Lei ha 34 anni. Da 6-7 mesi più o meno non consuma più carne e derivati, ma mangia pesce. Ha diminuito ma non eliminato l'uso del latte e derivati, nonostante abbia problemi di digeribilità. So che sei molto impegnato. Spero riuscirai a leggere questa mail. Un caro abbraccio e a presto.
Doriana

*****

RISPOSTA

UNA ESPERIENZA DA RICORDARE

Ciao Doriana, penso che la tua nostalgia sia condivisa in modo univoco da tutti i partecipanti a quella memorabile vacanza pugliese. Alla fine, nonostante qualche piccola contrarietà di contorno, stemperatasi nel tempo, si è trattato di una esperienza carica di significato, e questo va giustamente a credito di chi, in modo mirabile, ha organizzato e realizzato tale evento e mi sia concesso dirlo, alla ragguardevole qualità dei partecipanti.

DOVE C’E’ CURA DEL SINTOMO NON C’E’ APPROVAZIONE IGIENISTA

Sono contrario alla colonscopia, alla idrolocolonterapia, e persino ai clistere, se non in casi di reale emergenza. Inquadro questi interventi nel campo della curomania, dove si vuole a tutti i costi intervenire sul sintomi, lasciando scioccamente da parte le cause, perché non si conoscono o non si ha interesse a conoscerle. La conoscenza del proprio corpo è innanzitutto di tipo culturale, senza bisogno di spingersi dentro a curiosare in dettaglio, per scoprire irregolarità che difficilmente si è in grado di risolvere coi metodi invasivi e frettolosi della medicina. Molto meglio farle leggere alcune tesine specifiche.

TESINE DA LEGGERE

- Lavaggio epatico, calcoli cistifellea, cura Clark e cura Moritz, del 14/11/11
- La salute umana parte dal colon, del 24/6/10
- Strategie di regolarizzazione intestinale, dell’8/3/11
- Dissenteria, disbiosi e curomania, del 9/8/12

ILLUMINARE GLI STILI DI VITA E LASCIARE IN PACE IL COLON

Pensi più, la tua amica, ad eliminare il pesce, che è carne a tutti i livelli e che continua ad acidificarle il corpo. Pensi più ad eliminare i latticini, pure acidificanti e viscosizzanti. Pensi a fare un salto di qualità adottando uno stile di vita tendenzial-crudista, per almeno 3 mesi, come semplice esperimento e test personale, se non si fida.

IL COLON SI RIPULISCE CON DIGIUNO O CON SEMIDIGIUNO O DIETA RIGOROSA CRUDISTA

Se proprio vuole ripulirsi il colon, senza effetti devastanti, si faccia tre giorni di digiuno totale con tanto di riserva d’acqua a portata di mano. In alternativa, si faccia una cura dell’uva, puntando anche ai melograni, ai fichi d'India, alle clementine, ai meloni gialli e ai kaki giornalieri, ad una abbondanza di radicchio, cavoli, patate, zucche, miglio, lupini, pinoli e mandorle.

Valdo Vaccaro


KAKI CALABRESI E TONNO SOTT'OLIO


  
LETTERA

ARANCE BRUTTISSIME NELLA SCORZA MA CARICHE DI SUCCO PREZIOSO

Ciao carissimo Valdo, come stai? Io ti seguo sempre e per me sei sempre il Number One!!! Qui al sud è ancora piena estate. Fino a ieri ho bevuto spremuta fresca di arance, arance tardive calabresi, bruttissime fuori che alcuni non comprerebbero mai perché, non lucidate ma gustosissime e succosissime, e soprattutto non trattate perché non destinate alla vendita al nord!

IN ATTESA DEI NUOVI MANDARINI

Ora aspettiamo le nuove insieme ai mandarini, con la speranza che le temperature abbassino un po’, altrimenti gli agrumi ne pagheranno le conseguenze e aumenteranno i trattamenti.

KAKI IN REGALO DA CHI NON LI CONOSCE E NON LI APPREZZA

Quest'anno una signora mi ha promesso di regalarmi i kaki che la sua pianta, naturale. Sarà perché nella sua famiglia tale frutto non viene apprezzato, e nemmeno a lei piacciono. Il marito poi ha il diabete e i kaki gli fanno paura.

C’E’ CHI PREFERISCE IL TONNO

In tutta onestà non mi sono messa lì a spiegarle che sono tutte stronzate. Tanto a loro poco importa. Preferiscono mangiare tonno sott'olio preparato in casa e quindi "genuino". Come no: cadavere marino doc! E allora i kaki me li pappo tutti io.

UN SALUTO TERRUN ALL’ACQUA ZUCCHERINA

Scusa se la mi mail ti farà perdere un pizzico del tuo tempo prezioso, ma volevo giusto salutarti con un po’ di acqua biologica zuccherina! Ti Stravoglio BBBBene, con la B accentuata da vera terrun calabrese. Un bacione Elena!

*****

RISPOSTA

UN FRUTTO SUPERLATIVO CHE COPRE AUTUNNO E INVERNO

Ciao Elena. Non far leggere nemmeno questa mia risposta ai tuoi amici, altrimenti non ti regalano più i kaki. Il cachi, o diosporys kaki, è pianta originaria della Cina e del Giappone. E’ un frutto carico di vitamina-C naturale, di ferro e potassio organicati e di preziosa acqua biologica. Deve essere consumato ben maturo, quando la polpa è ricca di zuccheri e quindi molto energetica. E’ indicato ai sofferenti di stitichezza, essendo buon stimolatore della fase peristaltica intestinale, grazie alle sue mucillagini, sostanze gommose che trattengono e rilasciano acqua quando serve.

CHI RIESCE A SECCARLO AL SOLE, PER INTERO O A META’ LO FACCIA

Mantiene le sue ottime qualità anche da secco, tant’è che viene commercializzato in molte versioni in tutti i paesi asiatici, con in testa Korea, Giappone, Cina e Vietnam, e talvolta, ma non abbastanza, anche in Italia, dove i kaki rimangono spesso incredibilmente sugli alberi, in balia delle intemperie e degli uccelli, decisamente più coscienti e svegli dei bipedi. Nella versione secca risulta nutriente, delizioso al gusto, e assai digeribile, una vera arma in più per superare la critica stagione tardo-invernale.

UN PENSIERO DI AFFETTO AI POVERI TONNI E DI COMMISERAZIONE A CHI LI PERSEGUITA

Nessun commento speciale invece sul tonno sott’olio, paragonabile a una sorta di ipergrasso maiale marino, sottoposto a paura, brigantaggio e massacro, prima di diventare salma marina carica di karma negativo e di valore cimiteriale, con Omega-3 ittici ed eicosanoidi negativi di tipo zonista, micidiali per il fegato e per la salute in linea generale.

Valdo Vaccaro

L'AFFETTO POPOLARE E' UNA GRANDE ARMA



LETTERA

E’ BENE CHE CI SIA PIU’ NOTORIETA’ SU QUANTO STAI FACENDO

Ciao Valdo. Ti scrivo in merito alle tue ultime disavventure. Il fatto che ultimamente te ne accadano di ogni tipo, e che incalzino i tuoi diffamatori, è segno della tua notorietà che aumenta. Finché si stava sugli insulti tragicomici non avrei speso una riga del mio blog per rispondere personalmente, e comprendo che tu abbia sentito il bisogno di farlo, ma quando attraverso il tuo nome si intentano truffe la cosa si fa seria e fastidiosa.

L’APPOGGIO MORALE DELLE FORZE DELL’ORDINE NON E’ COSA DA POCO

A me la fatidica mail è arrivata ma non credo che rispondendo semplicemente o aprendola possano estorcere denaro, anzi, ne sono certo. Potrebbero danneggiare qualcuno all'apertura della mail o alla risposta solo se si trattasse di un virus, ma non credo lo sia. Ti consiglio magari di contattare gli Anonymous che sono haker formidabili e senz'altro appoggiano ciò che porti avanti. Comunque hai già l'appoggio delle forze dell'ordine e questo è una cosa non da poco.

NON SONO QUI AD ESALTARTI

Ho letto di persone che nei commenti ti esaltano all'inverosimile, non ritengo di comportarmi come quel tipo di persona, non mi sono mai ritenuto un fan come tanti altri. Mi piace guardare una persona come un qualunque essere vivente nel bene e nel male. Non amo idolatrare qualcuno.
Certo, ci sono le eccezioni di Ghandi o Gesù, per esempio, ma anch'essi erano uomini in un folle equilibrio che gli permetteva evoluzioni infinite quanto vogliamo ma comunque coi loro difetti e i loro limiti.

NON SONO UNO FISSATO OD ORTORESSICO, MA TUTTO SOMMATO TI STO SEGUENDO

Le tue teorie mi stanno dando molto, anche se ogni tanto sgarro perché non sono mai voluto diventare un fissato di qualcosa, un ortoressico per intenderci (malattia mentale abusata ed eccessivamente pubblicizzata per screditare e far vedere come pazzo chi mangia sano e naturale e non chi beve Coca-Cola, mangia hamburger e patatine fritte).

HAI UN BUON LIVELLO DI CREDIBILITA’

La cosa più bella del tuo operato è il tuo regalare la tua esperienza di sperimentatore e di studioso di naturopatia e igenismo alimentare. Di questo tuo modo di fare ti ringrazio moltissimo. Dai una risposta a tutti quelli che puoi e non ne fai mai sentire il peso né mai tenti di lucrarci. Questo ti rende più credibile e ti fa tornare l'affetto delle persone in momenti come questo.

LIBRI, BLOG, PASSAPAROLA E TANTA SERENITA’

Spero che ti stia ormai rasserenando, ma comunque ci tengo a farti sentire, oltre la mia vicinanza e solidarietà, anche la mia tranquillità in merito all'accaduto. Non è solo perché è toccata a te e non a me, è il fatto che, da ciò che hai scritto non credo tu ti debba preoccupare. Ti sei messo in vista con libro e blog e il passaparola è corso in Rete e qualcuno scredita o cerca di utilizzare la tua inesperienza informatica per guadagnare soldi, ma non stiamo parlando di un'organizzazione criminale seria o di qualcuno che vuole levarti di mezzo, stiamo parlando di cialtroni che fanno cose blande e insultano, più o meno fra le righe, come gente da bar dello sport. Sembra più la banda de "I soliti ignoti" o, se preferisci, de "Scuola di ladri".

LA RETE PUO’ ESSERE MOLTO POTENTE

Mi auguro quindi che queste cose non ti stressino più di tanto ma che, anzi, rafforzino la fiducia nel tuo operato sin qui svolto, puoi solo migliorare il tuo blog qualora avrai tempo e voglia di farlo.
In più la Rete può essere molto potente e questo affetto che hai sollevato nei tuoi confronti potrà essere un'arma molto forte che auguriamoci non dovrai mai usare. Un abbraccio grande pieno d'affetto sincero da uno che, come te, ha denunciato situazioni poco chiare ed è attualmente sotto denuncia, ma con tanto bene donato alle persone. Un bene che ripaga.  
Andrea Cusati

*****

RISPOSTA

MENO SI PARLA DI SE STESSI E MEGLIO E’, SALVO CHE NON SI TRATTI DI COSE DAVVERO INTERESSANTI E NON BANALI

Ciao Andrea. Ti ringrazio per il messaggio carico di saggezza. In effetti sono in perfetta linea con quanto dici. Sono dispiaciuto poi che si perdano energie a metterla sul piano degli accadimenti personali, sprecando spazio e tempo quando ci sono messaggi che meriterebbero risposte immediate ed istantanee.

SOLIDARIETA’ ANCHE DALL’ESTERO

Ho ricevuto diverse telefonate importanti, anche dall’estero. Anche da un grande amico che preserva la medaglia d’oro di suo antenato carabiniere, ottenuta salvando la vita a Re Umberto I, in uno degli attentati che precedettero la sua morte nel 1900. Non mancano dunque anche le curiosità storiche. Più di qualcuno mi ha augurato altre visite di carabinieri, utilissime a darmi più notorietà ancora. Peccato che la cosa non mi interessi particolarmente, anche se per la diffusione dei libri torna di sicuro preziosa.

Valdo Vaccaro

SUPPORTO CON ARDORE



LETTERA

APPUNTAMENTO GALANTE A S. OMOBONO

E' l'ardore della passione di cio' in cui si crede. Non me ne voglia tua moglie, ma dille pure che molte donne ti seguono. Siamo con te e non lasceremo che ti infastidiscano. Vadano a perseguitare i famosi chirurghi. Quei chirurghi che insistono per tagliuzzarti un quarto di seno alla modica cifra di 25.000 euro, malgrado il SSN contempli nella stessa famosissima "Europea" struttura lo stesso intervento a costo ZERO. A presto, Valdo. Ci vedremo il prossimo weak-end a Villa delle Ortensie.
Mariella

*****

RISPOSTA

NON PER 25000 EURO E NON PER ZERO EURO

Ciao Mariella. Grazie per il simpatico supporto. Una sola obiezione, ed è che il seno è simbolo di salute oltre che di femminilità, per cui non ha prezzo e non va semplicemente massacrato, tagliuzzato, sfigurato.

Valdo Vaccaro

sabato 29 settembre 2012

BIDONE OMEGA-3 ITTICO E BIDONE ZONISTICO


LETTERA

I TANTO OSANNATI OMEGA-3 DA PESCE E DA CROSTACEI

Ciao Valdo, mi permetto solo di segnalarti questo articolo http://www.disinformazione.it/omega3_pesce.htm apparso sul sito di Marcello Pamio dove da recenti studi medici si afferma che i tanto osannati Omega 3 di origine ittica oltre che inutili sarebbero pure dannosi. Per tua informazione ho 38 anni e da circa 3 anni seguo, in parallelo alla mia evoluzione spirituale, e ad un’alimentazione adeguata, ossia fruttariana-vegan-crudista-ehertista, con buoni risultati.

MI AGGREGO AI TUOI TANTI SOSTENITORI E TI CHIEDO DI NON MOLLARE MAI

Mi aggrego a tutti i tuoi sostenitori esortandoti a non mollare mai e se vorrai in futuro passare più spesso nel vicentino, patria del famoso eicosanoide “baccalà alla vicentina”, per le tue conferenze, sarò felice di venirti a sentire. Un abbraccio di LUCE.
Alessio

*****

RISPOSTA

SERVONO POCHI ACIDI GRASSI E SI TROVANO PRINCIPALMENTE NELLA FRUTTA DA GUSCIO, OLTRE CHE NEI SEMINI

Ciao Alessio. Ti ringrazio per l'articolo. Sono non mesi ma anni che lo sto dicendo in tutte le salse, che mandorle e pinoli contengono ottimi Omega-3 vegetali con prostaglandine positive ed
assimilabili, mentre gli Omega-3 ittici sono velenosi ed insidiosi. Sono non mesi ma anni che sto sbugiardando il simbolo degli eicosanoidi, quel chimico di nome Barry Sears che, sulle orme
di Robert Atkins, si è costruito una fortuna e yacht miliardari tra Miami e le Bahamas, alle spalle della salute della gente.

VE L'AVEVO DETTO E SCRITTO IN TUTTE LE SALSE

Queste mie posizioni stanno, nero su bianco, in diverse mie tesine, come ad esempio:

- Ubriachi di zona, di eicosanoidi e di sangue marino, del 7/10/09
- Omega-3, B12, scarti di pesce e bucce di patata, dell'11/9/10
- Profumo di pesce e crisi di identità, del 29/5/09
- Il pianeta pesce e gli Omega-3, del 13/2/09
- David Servan-Schreiber, il guru degli Omega-3, dell'11/8/11

UN CHIMICO FURBASTRO ED OPPORTUNISTA

Il discorso sugli EFA (essential fatty acids o acidi grassi essenziali) o vitamina F, precursori degli ormoni eicosanoidi, Omega-3-6-9 e quindi delle prostaglandine PGE1-2-3, non è certo farina
scientifica del suo sacco, ma è frutto di studi di Bergstrom-Samuelson-Vane premiati col Nobel nel 1982. Barry Sears ha semplicemente utilizzato quello schema, assai complesso ed
elaborato e quindi poco comprensibile e controllabile dalla gente, incluso medici e nutrizionisti, adattandolo a suo piacimento, mescolando il vero al falso, contrabbandando alla fine il pesce, la
balena e i crostacei per eicosanoidi positivi e salutari, stravolgendo la realtà dei fatti. Dichiarando poi che la sua Zona 30-40-30 (proteine-carboidrati-grassi) era una evoluzione della Dieta
Mediterranea (25-55-20), Sears si guadagnò la stima dell'Italia che gli aperse le porte negli anni '90 e gli stese tappeti rossi, con conferenze in tutte le maggiori città del paese. Quasi un profeta
calato dalla grande America per liberare il popolo italico dall'ignoranza.

LA DIETA A ZONA E IL DECALOGO SEARS

1) E' possibile ottenere una ottimizzazione del metabolismo umano equilibrando gli eicosanoidi raggiungendo e mantenendo l'equilibrio agendo sull'asse ormonale insulina-glucacone, sfruttando
il fatto che con l'assunzione di cibi proteici si stimola la produzione di glucagone, mentre con l'assunzione di carboidrati si stimola la risposta insulinica.
2) E' fondamentale mantenere ad ogni pasto, colazione o anche spuntino, lo stesso rapporto calorico proteine-carboidrati-grassi 30-40-30. Ad ogni pasto la stessa impostazione a blocchetti
precisi e contati. Ad ogni pasto un pugno di carne (metà pollo),un pugno di verdura, 2 pugni di frutta, e tanti integratori.
3) Più che proibire quasi del tutto i carboidrati, come nelle diete Atkins-Montignac-Dukan li regola. Per Atkins ogni fuoriuscita dalla sua zona comporta formazione di processi infiammatori, di
radicali liberi e di degenerazioni cellulari.
4) Dimagrire a pancia piena, senza alcuna rinuncia alimentare, è lo slogan promettente di Sears.
5) Una rivoluzione nel concetto di nutrizione, per cui si ragiona ormonalmente e non più caloricamente.
6) Si caldeggia e l'utilizzo di utilizzo innovativo di integratori e di antinfiammatori, quali olio di pesce in capsule, pratica fallimentare e vecchia come il cucco, con il famigerato olio di fegato di
merluzzo che veniva imposto alle malcapitate scolaresche del dopoguerra.
7) "Noi abbiamo esportato obesità, Coca-cola e McDonald's, e ora tocca all'Italia non rifare gli errori degli americani! Disse Sears nel meeting di Madrid del 2007, con a fianco il suo mentore
italiano Aronne Romano e Giorgio Calabrese.
8) "Raccomando un'alimentazione ricca di frutta e verdura, ma con pasti piccoli e con proteine ad ogni pasto, miste alla frutta, e con immancabile presenza di olio di pesce, conformemente a
quanto fanno i centenari giapponesi di Okinawa" (ennesimo imbroglio, visto che i giapponesi mangiatori di pesce vivono male e non sono affatto longevi, e lo affermo con cognizione di causa,
essendo stato in Giappone centinaia di volte). In pratica, mai mangiare un frutto da solo, un grappolo d'uva da solo, ma accompagnarlo sempre a un hamburger, a della pancetta, a dei cracker
di granchio in polvere. Mai un succo d'arancia da solo, ma mescolato a un benefico frullato di gamberi, ragni e scorpioni.
9) "L'Università di Harvard ha dimostrato che la mia Zona è 9 molte più efficace nel ridurre le infiammazioni rispetto alla dieta nazionale americana standard (quella di Atkins)", blaterava Sears.
10) "Prendendo 300-400 mg/giorno di EPA (acido eicosapentaenoico) si regola al meglio la carburazione ormonale".

LE MIE PERSONALI OBIEZIONI

A) L'idea di fermare le infiammazioni a proprio piacimento mediante integrazioni o farmaci è una utopia oltre che una follia.
B) Siamo già dotati di un sistema immunitario ed auto-regolatorio che, per nostra fortuna, non consentono di essere pilotati a piacere.
C) Se fosse possibile l'ipotesi "A", una dieta carente di un acido essenziale porterebbe a effetti devastanti (collasso-dissanguamento-aneurisma, in caso di prevalenza dilatatorie, e trombi-
ictus-malattie cardiache, in caso di prevalenza vasocostrittrice).
D) Il nostro organismo ha notevoli capacità di adattamento ed è impensabile di poter variare gli equilibri interni con semplici ritocchi sui sintomi, e col mantenimento simultaneo delle abitudini
patologiche.

I PARERI DI FONTANA E DI DEL TOMA

Il dr Luigi Fontana, del Dipartimento di Sanità Alimentare, osservò saggiamente che, come tutte le diete dimagranti, la zona vale solo nel breve periodo, dove ti fa perdere facilmente 7 kg a
settimana, destanti inevitabilmente ad essere ripresi. L'unico modo per mantenere il dimagrimento è adottare uno stile di vita sano. Abituare corpo e mente a percepire ciò che è sano e ciò
che non lo è. Questo è l'unico modo per evitare la malattia e gli accumuli di grasso, facendo soffrire le articolazioni. "La dieta Mediterranea, ritoccata di un 5--10% aumento proteico, è
perfetta". Questa la frase di Eugenio Del Toma, al dibattito Fitness-Rave di Rimini. Ma contestare la Zona con la Mediterranea, e poi con una Mediterranea zonizzata, è davvero il massimo
dell'ipocrisia. E' come voler contestare la sigaretta proponendo il sigaro e la pipa.

BOCCIATURA IN TRONCO DELLA ZONA DA PARTE DELLA COMUNITA' SCIENTIFICA AMERICANA

Sears si è guadagnato la stima degli studiosi e dei dietologi del mondo? Non facciamoci ridere. Quale stima? Cinque milioni di libri in 22 lingue? I creduloni e gli allocchi non mancano, e i
baciapile nemmeno. Il giudizio della comunità scientifica è drasticamente negativo. Nessuno prende in seria considerazione Sears in America. I pochi che lo menzionano lo fanno dando giudizi
che sono troncature inequivocabili.

NEAL BARNARD OFFRE UNA ENNESIMA STRONCATURA DEI CADAVERI ACQUATICI E MARINI

L'articolo inviatomi, ora in circolazione mediante Disinformazione.it e ScienzaVegetariana.it, è ricavato dal blog del dr Neal Barnard (www.pcrm.org), ed è corredato da formidabili dati statistici.
Neal Barnard non è un personaggio qualsiasi, ma è presidente dei "Medici per una Medicina Responsabile". Dice essenzialmente che:

1)   Gli Omega-3 ittici sono correlati nella insorgenza del diabete-1 e del diabete-2.
2)   Gli Omega-3 ittici sono correlati nella insorgenza di diversi tipi di insorgenza tumorale.
3)   Gli Omega-3 ittici sono correlati nella insorgenza di aritmie cardiache.
4)   Gli Omega-3 ittici non prevengono il cancro come strombazzato per anni.
5)   Gli Omega-3 ittici non riducono eventi cardiovascolari come strombazzato per anni.
6)   Gli Omega-3 non risultano protettivi nei riguardi dell'insufficienza cardiaca, come strombazzato per anni.
7)   Gli Omega-3 non rallentano il declino mentale, come strombazzato per anni.
8)   Gli Omega-3 ittici non rallentano l'atrofia cerebrale dell'Alzheimer, come strombazzato per anni.
9)   Gli Omega-3 ittici non apportano benefici alle mamme in gravidanza, come strombazzato per anni.
10) Gli Omega-3 ittici non rende i bambini più intelligenti, come strombazzato per anni.
11) Gli Omega-3 vegetali, delle mandorle, dei pinoli, degli avocadi hanno eventualmente tutte le doti salubri che si possano attendere dagli acidi grassi essenziali.

CIONONOSTANTE SI CONTINUANO A PERSEGUITARE LE CREATURE INNOCENTI ED IMPROTETTE

Non servono altri commenti. Ricordo che il simbolo mondiale degli Omega-3 ittici, come propagatore, consumatore e produttore, è stato per anni il dr David Servan-Schreiber, scomparso recentemente di cancro prima di toccare il cinquantesimo compleanno. Intanto i pesci continuano ad essere sabotati, e le balene continuano ad essere orrendamente arpionate, da un bipede che sulla terra ferma viviseziona, accoltella ed impallina, e sull'acqua aggancia, irretisce e cannoneggia gli altri esseri viventi, continuando a coniugare il verbo ammazzare, in dispregio a tutti i principi del buon senso, del rispetto, della salute, dell'etica e del comandamento divino. Non ci sono altri commenti.

Valdo Vaccaro


DERMA, DISCROMIE E IPOMELANOSI GUTTATA


LETTERA

UN PROBLEMA ESTETICO DI PELLE PER EX-ATLETA DI FITNESS

Buongiorno dottor Vaccaro, le scrivo perché avrei bisogno di un consiglio per un problema di pelle che ho da tempo. Ex-atleta di fitness e pesistica, lavoro come personal trainer nei centri sportivi. Tre anni fa mi sono avvicinata alla naturopatia ma, dopo uno studio di tre anni, si è rivelata essere non all'altezza delle mie attese. Mi sono allora avvicinata all'igienismo e ho conosciuto lei. Ho comprato in questi giorni i suoi tre libri. Non consumo più carne da maggio, mentre uova e latte sono state estromesse da un anno (i latticini tipo ricotta e caciotte fresche le mangio ancora). Adopero solo il latte vegetale, alternando soia, avena e riso. Vorrei però la sua opinione su questi latti vegetali che si trovano in commercio.

SCARSITA' DI MELANINA, IPOMELANOSI GUTTATA, VOGLIA DI SOLE E DI MANTENIMENTO IMMAGINE

Sono molto determinata. A 50 anni ho iniziato questo percorso, ed ora ne ho 53 .Torniamo al problema! Premetto che l'immagine per me è stata di vitale importanza per 30 anni. Madre natura mi ha aiutato molto e lo fa ancora, ma a un certo punto della mia vita ho patito un periodo buio, di grande sofferenza personale. E questo mi ha un po' condannata proprio nell'estetica. Ipomelanosi guttata, e senza soluzione, dice la medicina allopatica. Pelle macchiata irrimediabilmente e per sempre. Non c'è più melanina, ma migliaia di piccole macchie bianche su gambe e braccia. Soluzione? Niente sole, niente mare, niente vita. Coprirsi, chiudere al buio la pelle anche d'inverno con protezione totale dalla luce. Un disastro per me, che sono tra l'altro fototipo 2.

CERCO ENERGIA NEL SOLE, NEL VEGANCRUDISMO E NEL BODYBUILDING

Ero così bianca che avevo la pelle come i giapponesi. Poi ho detto basta, e ho ripreso ad espormi normalmente. Non ho mai smesso di sperare in una soluzione del problema. Sono alta 1,70 e peso 62 kg. Ho bisogno di energia per allenarmi e mi sto orientando sull' alimentazione vegana e sul bodybuilding. Vorrei chiederle cosa mi consiglia in proposito?Non so se mi risponderà, dato l'elevato numero di email che riceve, ma io ogni mattina la penserò, anche perché sono sicura che lei possiede la soluzione. La ringrazio e la saluto. Spero un giorno di farlo personalmente. Sono molto paziente! Daniela

*****

RISPOSTA

SOLLECITATO A RIDARTI UNA IMPECCABILE ABBRONZATURA

Ciao Daniela, spero davvero di possedere la soluzione. La tua grintosa determinazione diventa quasi una sfida e una sollecitazione a dare il meglio di me stesso per ridarti l'abbronzatura impeccabile dei tempi andati.

LA PELLE E' MOLTO DI PIU' CHE SEMPLICE PELLICOLA ESTERNA

La pelle non è soltanto un importante organo emuntorio di emergenza, chiamato secondo rene e secondo polmone. E' anche un epitelio pavimentoso pluristratificato, formato cioè da 5 strati di cellule chiamate cheratinociti (strato basale germinativo, quello più profondo), strato spinoso del Malpighi, più strato granuloso, strato lucido e strato corneo che compongono l'epidermide. Le cellule più abbondanti del derma o dei cheratinociti, sono i fibroblasti, che racchiudono eparina (agente anti-coagulante), istamina (agente anti-infiammatorio) e macrofagi (granulociti e leucociti come agenti immunitari).

FUNZIONI DEL DERMA

Il derma contiene ghiandole sudoripare, ghiandole sebacee, radici e bulbi piliferi, una fitta rete di capillari e persino muscoli erettori dei peli. Il derma svolge funzioni metaboliche, immunologhe, sensitive, termoregolatorie, nonché funzioni di supporto meccanico e metabolico a vantaggio dell'epidermide, trasferendo alla medesima nutrienti e sebo, una sostanza oleaginosa che protegge lo strato superficiale della pelle da batteri e da disidratazione.

IL MIRACOLOSO CONTENUTO DI 7 CENTIMETRI QUADRI

Dove si possono trovare 19 milioni di cellule, 625 ghiandole di melanina, 90 ghiandole grasse, 65 peli, 6 metri di vasi sanguigni e 19000 cellule sensoriali? In appena 7 cm quadri di pelle umana.

PELLE ESTERNA E MUCOSA INTERNA

Il corpo umano è dotato di due grandi superfici, una esterna costituita dalla pelle e una interna costituita dalle mucose. Entrambe le superfici possiedono una doppia rete di vasi sanguigni e di nervi. Perché la circolazione sia normale e funzionante in tutto il corpo, incluso le parti periferiche tipo braccia e gambe, è necessario l'equilibrio termico, tanto sulla pelle che sulle mucose delle viscere.

ALIMENTI INDIGESTI E VELENI ECCITANO ED ACCELERANO IL SISTEMA

Sia i nervi della pelle, sia quelli delle mucose e dell'apparato gastrointestinale, hanno identica attività e identici stimoli, per cuoi lavorano in perfetto collegamento. Gli alimenti indigesti mantengono a lungo i nervi in stato di eccitazione, richiamando sangue e aumentando la temperatura interna, a scapito della pelle esterna che rimane fredda e anemica, soprattutto nelle parti lontane dal tronco.

L'ANOMALIA NON STA NELLA PELLE MA ALTROVE

Per risolvere alla radice tutte le anomalie della pelle non si deve intervenire sulla pelle stessa, con creme, lozioni ed altre sostanze, o con farmaci diretti al sangue. Occorre sopprimere piuttosto la causa delle anomalie che sta nelle cattive digestioni e nel sangue viscoso, nei reni insufficienti, nel fegato e nell'intestino malandati.

NON SCHERZIAMO CON LE GAMBE

Nel caso in questione si parla di ipomelanosi guttata (cioè ipomelanosi a goccia), una patologia che colpisce prevalentemente le donne, o meglio le gambe delle donne e a volte pure le braccia. "Saran belli gli occhi neri, saran belli gli occhi blu, ma le gambe, ma le gambe, a me piacciono di più", recita un celebre motivetto del passato. Intaccare un dettaglio basilare delle grazie femminili, come le gambe, è dunque cosa estremamente biasimevole.

COS'E' L'IPOMELANOSI GUTTATA

L'ipomelanosi si presenta con macchioline rotonde color bianco-porcellana, dimensionate come piccole gocce, per cui siamo di fronte a una specie di abbronzatura in bianco e nero, con presenza di tantissime lesioni ipotrofiche. Trattasi di lesioni non solo ipopigmentate ma anche leggermente atrofiche (con perdita di forma, di tonicità e di funzione). L'ipomelanosi guttata idiomatica è caratterizzata da minuscole macchie ipopigmentate multiple a coriandoli. Trattasi di affezione molto comune tra le donne e spesso confusa con altre patologie come la micosi e la vitiligine.

TANTI NOMI DIVERSI PER GLI STESSI SQUILIBRI

Vitiligine, ipomelanosi guttata idiomatica o post-infiammatoria, pitiriasi alba (chiazze chiare sfumate), pitiriasi versacolor (viso e tronco), leucodermia actinica, nei, efelidi, lentigo e cloasmi, melasmi (ipermelanosi coinvolgente a volte solo l'epidermide e a volte anche il derma), sono tutti nomi familiari per i dermatologi, un po' meno per chi non abbia ancora approfondito lo studio delle dermatopatie.

 L'IPOMELANOSI E' UNA IPOCROMIA

Ci sono persone sane e in forma che mostrano però segni di ipo-pigmentazione e ipo-cromia. Le ipomelanosi sono inquadrabili tra le macchie cutanee, cioè tra le discromie cutanee congenite o acquisite, modificazioni del colore della pelle riconoscibili ad occhio nudo, perché danno luogo a evidenti irregolarità rispetto al resto dell'incarnato. Le discromie si distinguono in ipercromie (macchie scure come il melassa) e ipocromie (come l'ipomelanosi).

TUTTO STA NELLA MANCANZA DI MELANINA

Ovvio che la melanina gioca comunque un ruolo centrale. Essa è un pigmento speciale che dona a pelle e capelli il colore naturale, e rende la pelle abbronzata. Essa è responsabile dell'imbrunimento della pelle. Ma produce anche lentiggini, voglie ed altri segni indesiderati sul corpo. I melanociti interni iniettano grani di melanina nelle cellule dello strato superiore della pelle. Da rilevare che il colore della pelle è dovuto anche all'emoglobina, che conferisce al sangue e quindi alla pelle un colore rosso e vivace. Senza emoglobina avremmo una pelle cianotica e grigiastra.

SEQUENZA DEL PROCESSO PRODUTTIVO

I melanosomi sono organuli interni ai melanociti. I melanociti, a loro volta, sono cellule deputate alla produzione di melanina. Il processo produttivo di melanina si chiama melanogenesi e avviene con questa sequenza:

1) Produzione dei melanosomi all'interno dei melanociti.
2) Sintesi della melanina all'interno dei melanosomi.
3) Trasferimento dei melanosomi dai melanociti ai cheratinociti (soltanto col trasferimento dei melanosomi la pelle diventa pigmentata).
4) Degradazione dei melanosomi, ossia ricambio cellulare e moria.
5) Coinvolgimento della tirosinasi, enzima che riveste ruolo chiave nella sintesi della melanina.

SONO I MELANOSOMI A PIGMENTARE LA PELLE

Importante notare che soltanto col trasferimento dei melanosomi la pelle diventa pigmentata.
Inizialmente i melanosomi si muovono lungo i dendriti. All'interno dei melanociti esistono infatti dei filamenti proteici con capacità contrattile, in grado di far migrare i melanosomi verso l'apice dendritico. Ed è a quel punto che i cheratinociti riescono a fagocitare l'estremità dei dendriti, liberando i melanosomi.

IMPORTANZA FONDAMENTALE DI MELANOCITI FUNZIONALI

Da rilevare che anche l'incanutimento dei capelli è un fenomeno legato alla perdita di attività dei melanociti presenti nei follicoli piliferi. La perdita di neuroni pigmentati da specifici nuclei è stata verificata in malattie tipo il morbo di Parkinson e l'Alzheimer. La carenza di melanociti attivi è al centro poi della grande battaglia contro l'invecchiamento cutaneo, che coinvolge almeno la metà delle donne in menopausa. I melanociti, per finire, sono determinanti per lo strato corticale dei capelli e per l'iride degli occhi, determinando il colore degli stessi.

CHE FARE DUNQUE A LIVELLO CONCRETO?

Fatti tutti questi bei discorsi, presi qua e là dalla dermatologia, dobbiamo arrivare alla conclusione e al che fare, dato che tu ti aspetti da me una soluzione concreta più che tante chiacchiere. Una soluzione non invasiva, che nulla abbia a che fare con crioterapie, dermoabrasioni e laser.

DIETA VITALE E TENDENZIAL-CRUDISTA

Non pensare che la tua ipomelanosi richieda cure troppo lontane da quelle della psoriasi e degli eczemi in generale. Anche qui servirà una dieta crudista e vitale, ad alto contenuto vegetale, tanto da prevalere sulla frutta. Il gioco di squadra avviene tra vitaminaD, calcio e gruppo B, soprattutto la B3 o PP o nicotinamide, quella vitamina la cui carenza causava e causa tuttora la pellagra, malattia che si manifesta con disturbi nervosi, disturbi gastrointestinali e con bolle e lesioni cutanee simili a delle scottature, tipiche della pellagra.

SPECIALE ATTENZIONE ALLA VITAMINA B3

Dove trovare la vitamina B3 al naturale? Nella fibra di grano, germe di grano, peperoncino secco, semini di sesamo-girasole-lino-zucca, pinolo, mandorle, zucca, miglio, quinoa, saraceno, datteri e lupini. I pigmenti caroteinoidi e coloranti stanno comunque anche nelle carote, albicocche, manghi, pomodori, prugne, fichi neri, mirtilli e uva nera.

IL CACAO SCURO E AMARO PUO' SERVIRE DA INTEGRATORE MELANINICO, SENZA ESAGERARE

Da rilevare che, pur essendo negativi per la salute, the, caffè e cacao contengono della melanina. Nessuno si sogni di cercarla nel the e nel caffè, che innescano ferrocarenze. Al massimo si troverà in qualche tazzina di cioccolata concentrata amara e senza zucchero, e in qualche quadrello di cioccolato scuro senza zucchero.

Valdo Vaccaro


























BRONCHITI, SCUOLE SENZA MURI E CLINICHE SENZA LETTI


LETTERA

CI SIAMO INCONTRATI A ROMA E HO MIO PADRE IN OSPEDALE PER BRONCOPOLMONITE

Buon giorno dottor Vaccaro, ci siamo stretti la mano a Roma, sono quel ragazzo che veniva da Firenze, Francesco, e faccio l'attore. Purtroppo mio padre è ricoverato in ospedale per un focolaio di broncopolmonite e un mal di gola tremendo che non gli permette di ingoiare niente, nemmeno l'acqua. 72 anni e un ictus nel 1990 che ha fisicamente superato, restando in buona forma, anche se poi lo hanno riempito di farmaci tra cui lo xanax e il tegretol per le crisi epilettiche.

PROBLEMI A DEGLUTIRE MAL DI GOLA E MUCO IN ABBONDANZA

Non potendo più inghiottire eravamo tutti molto preoccupati. Ha pure un'abbondantissima produzione di catarro che è costretto ad espellere con tutte le conseguenze. Dopo nemmeno un giorno di ospedale, alimentato a flebo, i medici ci hanno detto che volevano subito mettergli il cannello fisso allo stomaco, per tutto il resto della sua vita, perchè erano quasi convinti che il fatto di non ingoiare non fosse dovuto alle placche in gola, ma da un suo rifiuto di farlo, dovuto alla senilità, come ci hanno detto capita smesso alle persone anziane. A me è parso veramente strano questo fatto e mi sono rifiutato categoricamente.

PESSIMO MENU MA CHI E' ONNIVORO NON PUO' LAMENTARSI TROPPO

Per fortuna stamattina mio padre, passato il dolore fortissimo in gola, ha ripreso ad ingoiare e ad alimentarsi autonomamente. Purtroppo il menù in ospedale è pessimo. Pollo arrosto abbrustolito, purea, qualche verdurina lessa, poco altro. Molta carne bianca. Provare a fargli dare altro purtroppo è inutile, anche perché mio padre è sempre stato onnivoro, come del resto tutta la mia famiglia. Io sono vegetariano solamente da 7 mesi grazie al suo blog, e per adesso mi trovo benissimo. Sto limitando anche il consumo di latticini.

SITUAZIONI OSPEDALIERE DA BRIVIDO

Comunque la situazione degli ospedali italiani è da paura, le diagnosi le fanno in 5 minuti, ti fanno aspettare al prontosoccorso 8 ore, non ci sono medici e tra di loro non comunicano. E' veramente un miracolo uscirne vivi. Ma perchè non mette su una clinica disintossicante? Io dico che farebbe veramente successo.

UN CONSIGLIO PER LA MIA FASTIDIOSA BRONCHITE STAGIONALE

Ah, un piccolo consiglio per me. Ho una bronchite fastidiosissima che ogni anno, col primo fresco, mi colpisce. Ho letto le sue tesine e mi sto facendo il decotto di malva più menta, ma non se ne vuole andare. Ho provato a digiunare un weekend, ma durante la settimana devo girare per Roma, per cui non posso stare a digiuno e svenire per strada. Un suggerimento? Grazie e buona giornata.
Francesco

*****

RISPOSTA

MAI FARSI APPLICARE STRUMENTI INANIMATI E FISSI SU UN CORPO VIVO E MOBILE

Ciao Francesco. Hai fatto bene a mio avviso a rifiutare il cannello fisso. La veemenza della crisi catarrale evidenzia il pesante stato di acidosi in cui si trova il tuo genitore. Se pensi che oltre i 24 grammi al giorno di proteine bastano per mandare il corpo in acidificazione, puoi solo immaginare quanto muco da smaltire ci sia in quel corpo, abituato alla leucocitosi digestiva almeno 2 volte al giorno per 70 anni. L'espulsione di muco tutto sommato rimane un fatto benefico, per cui il succo di agrumi al mattino e una dieta di sola frutta e verdura cruda, o di soli centrifugati, sono ottime per prolungare tale crisi espulsiva, fino a farlo sentire meglio alla fine.

IL MALATO CHE VUOLE RIMANERE MALATO FA BENE A SEGUIRE LA DIETA OSPEDALIERA, COERENTEMENTE DEVITALIZZANTE

Ma per sentirsi meglio occorre anche capire quanto ci sta succedendo e non farsi spaventare dal muco, dal catarro, dal raffreddore prolungato, dalla tosse che entro certi limiti ha pure aspetti razional-
espulsivi di tipo benefico. Chiaro che, se si vuole limitare o interrompere il muco, occorre evitare i frutti alcalinizzanti, e magari accondiscendere temporaneamente alle diete ospedaliere a base di brodaglie
e carni bianche, acidificanti e coerenti con quel tipo di corpo, acidificanti ed agenti da freno e da nascondiglio ai sintomi.

RADICI DI ZENZERO E CATAPLASMI DI PATATE ROSSE O DI CIPOLLE ED AGLIO IN POLTIGLIA

Non potendo fare granché di aggiuntivo per tuo padre in fatto di dieta, ti consiglio di tenergli a disposizione una radice di zenzero tagliuzzata a minuscoli pezzettini, che lui dovrà tenere in bocca, con le dovute attenzioni, e masticare lentamente, e che lo aiuterà a ridurre l'infiammazione alla gola. Una volta a casa dall'ospedale, si potrà imporgli una dieta vitalistica e priva di proteine animali, insegnandogli prima alcuni concetti fondamentali sull'igiene naturale. L'applicazione esterna sull'area bronchiale di cataplasmi con patate grattugiate (specie patate rosse), alternata a cataplasmi di cipolle ed aglio in poltiglia cruda, sarà utilissima per una pronta ripresa.

I GIUSTI E BASILARI RIMEDI PER LA TUA INFIAMMAZIONE RICORRENTE

Per la tua bronchite stagionale non c'è altro da fare che normalizzare la digestione, insistendo sulla dieta vitale e crudista, con succo di agrumi o di melograni al risveglio, con frutta copiosa a metà mattina e
e metà pomeriggio (frutta stagionale, mirtilli, uva, cachi), con insalata cruda a pranzo e cena, seguita da zucche, patate e melanzane, e respirando a fondo aria pura a tutte le ore. Il discorso dello zenzero
vale anche per te. Pure anche quello dei cataplasmi. Continua con la malva, con la menta, col timo, e magari coi germogli di pino. Non pensare però, come fanno in molti, che sia la malva ad essere dotata
di sostanze intelligenti e capaci di esorcizzare la tua bronchite.

IMPARIAMO A CAPIRE, CONOSCERE E RISPETTARE IL NOSTRO CORPO, E A SFRUTTARE LE SUE ENORMI DOTI AUTO-GUARITIVE

L'affezione ai bronchi richiede disinfiammazione progressiva degli stessi mediante buone digestioni in serie, mediante sangue fluido ed incrementata potenza funzionale linfatico-immunitaria. Nessuna
sostanza, o pianta al mondo possiede tali qualità. E' solo il nostro corpo che è in grado di avviare un processo ripristinante di tale portata, e lo realizza soltanto se e quando lo metti nelle giuste condizioni
per poterlo fare.

SCUOLA SENZA MURI E SENZA DIPLOMI, E CLINICA SENZA MURI E SENZA LETTI

Quanto alla clinica che mi inviti a organizzare e creare, essa esiste già al pari della mia scuola libera e indipendente di scienze salutistiche alimentari e comportamentali. Scuola senza muri e senza diplomi,
e dunque clinica senza muri e senza letti. Clinica virtuale e per corrispondenza che sta coinvolgendo i lettori del mio blog. Tu ed io non stiamo forse facendo clinica in questo momento? Ribelli, carbonari e
malandrini, secondo il Codex Alimentarius, che ci vuole tutti malati, tutti stesi in un lettino, tutti curati senza aria, senza sole, senza erbe, ma sempre e solo con farmaci della Pfizer, della Bayer e della
GlaxoSmithKline.

NON ESISTONO CURE RISOLVENTI A QUESTO MONDO

Non dimenticarti che non sono un guaritore ma un insegnante di auto-guargione, per cui la migliore clinica per la gente rimane in realtà, salvo i casi di reale emergenza, il proprio letto, il proprio giardino
anti-stressante, le proprie mura domestiche e amichevoli. La migliore medicina è la comprensione intelligente di un fatto fondamentale, la comprensione che non esistono cure alle varie malattie
sintomatologie del repertorio medico.

L'UNICA CURA STA NELLA SUBSTANTIA NIGRA OSSIA NEL CERVELLO, COME SCRIVO NEL MIO NUOVO WEB-SITE

L'unica cura valida sta nella testa e nel cambiamento dello stile di vita. Se vai sul mio nuovo website internazionale www.drvaccaro.com/ , scoprirai che è appena uscito il mio nuovo testo in inglese "22000 diseases, one prevention, one cure", che sta ricevendo già le attenzioni di importanti medici in diversi punti strategici del pianeta.

CREDO PIU' A IPPOCRATE CHE A TUTTA LA MEDICINA MONDIALE MESSA ASSIEME

"Se qualcuno desidera recuperare e riprendersi la sua salute, chiedigli prima se è disposto a sopprimere le cause della sua malattia. Solo allora è possibile aiutarlo". Me l'ha appena comunicato l'amico
Ippocrate, uno che di queste cose se ne intende.

Valdo Vaccaro

TRASMISSIONI CULINARIE ABERRANTI E PERICOLOSE



LETTERA

PIATTI VELENOSI PROPOSTI DISINVOLTAMENTE AL PUBBLICO
               
Gentile Valdo, sono capitato per caso su L7 ed ho visto una trasmissione di cucina condotta dalla Parodi dove presentava un piatto chiamato "Parmigiana di patate fritte" con ingredienti velenosi per l'organismo, tipo pancarrè qb, patate qb, olio per friggere, ketchup e maionese qb, pancetta qb, formaggio a fette qb.

RICETTA RACCOMANDATA PER RAGAZZI E BAMBINI

Questa conduttrice andrebbe indagata per avvelemento e strage, peggio della Monsanto. Ma la cosa più sconvolgente è che tale ricetta è stata indicata come ideale per ragazzi e bambini.

DOBBIAMO RADDOPPIARE I NOSTRI SFORZI

Sono rimasto scioccato per un po', mi sono scosso e ripreso. Ho detto a me stesso che "devo raddoppiare gli sforzi per diffondere l'alimentazione vegan-crudista". Bisogna diffondere ancora di più la verità sull'alimentazione, sui danni della carne, dei latticini e sulla benefica azione di cibi vivi, energetici.

PEGGIO DI UN FILM HORROR

Se vado sull'etica dello smettere di smettere di cannibalizzare i nostri fratelli e le nostre sorelle, o se dico alla gente che sta mangiando cadaveri putrefatti, mi prendono per pazzo. Non gli passa nemmeno per la testa che i veri schizofrenici e fuori-di-testa sono proprio loro. Le aggiungo il link del video della ricetta, che è peggio di un film horror: http://www.la7.it/imenudibenedetta/pvideo-stream?id=i596767. Saluti.
Massimo

*****

RISPOSTA

UN CINISMO TELEVISIVO SENZA FRENI

Ciao Massimo. C'è davvero qualcosa di profondamente rotto e di stonato nella struttura e nella mentalità della televisione. Sappiamo benissimo che parliamo di uno strumento colonizzato al 100% dai fabbricanti di schifezze e di cibi-spazzatura. Ma la cosa rivoltante è che non si usa nemmeno un minimo di rispetto e di buona creanza.

SIAMO DI FRONTE AL TRIONFO DEL CATTIVO GUSTO

C'è davvero da stupirsi e di preoccuparsi del basso livello culturale di questa gente. L'ho spesso chiamato analfabetismo nutrizionale, ma è qualcosa di peggio. Siamo di fronte al trionfo del cattivo gusto e della maleducazione ecologica. Chiaro che poi non c'è da meravigliarsi se la gente assorbe il tutto come una spugna.

Valdo Vaccaro

TESTIMONIAL ROMANO SU DIABETE-1, INSULINA E IPOGLICEMIE


LETTERA

CI HAI SALVATO LA VITA

Stimatissimo Valdo, Ti scrivo questa lettera sia per mantenere la promessa del 19/9 dopo la tua conferenza al Palazzo delle Finanze in Roma, sia per ringraziarti e rendere partecipi altre persone della meravigliosa possibilità che hai donato a me e alla mia famiglia di cambiare radicalmente in meglio la nostra esistenza. Beh, nel mio caso mi hai letteralmente salvato la vita, ma anche nel caso di mia moglie, come ti spiegherò più avanti, più che un semplice cambiamento si è trattato di un vero e proprio salvataggio da una pericolosa deriva che oramai stava letteralmente rovinando le nostre esistenze. Sono oramai due mesi che cerco di scriverti la nostra esperienza, una sorta di rinascimento fisico ma soprattutto spirituale, e abbi pazienza se mi dilungherò un po’ ma ho urgenza di farti sapere alla gente fatti autentici e fondamentali.

NEL 2006 DIAGNOSI DI DIABETE-1, PRIMA PENNA DI INSULINA E IPOGLICEMIA A DUE PASSI DAL COMA

A fine 2006 mi è stato diagnosticato un diabete mellito TD1M insulinodipendente a seguito di una serie di tre analisi consecutive i cui si evidenziavano valori di glicemia a digiuno superiori 126 mg/ml e in un caso l’emoglobina glicata pari a 12, ovvero uno sproposito. Dopo neanche due ore dalla visita ambulatoriale mi ritrovavo la mia prima penna di insulina in mano e dopo neanche sei ore ero in severa ipoglicemia ad un passo dal coma. “Si abituerà stia tranquillo, tutti sbagliano i dosaggi all’inizio”. Dopo quindici giorni tra day hospital, analisi e sommarie introduzioni specialistiche all’uso della droga da dna ricombinante ero un perfetto malato inquadrato nelle logiche sataniche BigPh4rm@

INSULINA E SCHIFEZZE ALIMENTARI CHIAMATE "CIBI PER DIABETICI"

Purtroppo quando ti comminano simili condanne si è pronti al macello e si è profondamene ignoranti. E dici bene tu, che la vera piaga oggi è l’ignoranza e la povertà d’animo. Il minimo che ti può accadere è di sprofondare in una nera crisi, dove l’unico barlume ti arriva da quel fetido farmaco. Insulina che ti permette di continuare a strafogarti di quelle schifezze che ti obbligano ad assumere rendendole scientificamente indispensabili, perché schematizzate in “diete per diabetici” dai professionisti della nutrizione. E guai a togliere latte, latticini, formaggi, carne, pesce. Guai! E guai a lagnarsi se un giorno sì e l’altro pure ti arriva tra capo e collo un’ipoglicemia. Dopo qualche mese di altalene ipo-iper la glicata si abbassa. Per forza che lo fa! A furia di ipoglicemie! I Baroni intanto mica rivedono le loro sentenze! No! Le aggravano mollandoti pure un infusore ultratecnologico e ultra-costoso, tanto paga “la comunità”, e così puoi avvelenarti meglio, tecnologicamente!

STANCHEZZA, DIFFICOLTA', DEPRESSIONE, DOSAGGI E DUE AUTO DISTRUTTE

Innumerevoli ipoglicemie severe, un continuo inefficace aggiustamento dei dosaggi, innumerevoli incidenti di cui due in automobile (due auto distrutte: sono vivo per miracolo). A distanza di due anni dall’esordio del diabete, diagnosi di ipertensione con relative pasticche a vita (!!!), innumerevoli episodi di scompensi cardiaci dovuti all’insulina, ansia e psicosi del controllo glicemico e scompensi alimentari dovuti alla ricerca costante dell’alimento con il minor indice glicemico (leggi dieta iperproteica). Aumento di peso costante (dalla taglia 46 alla taglia 50 ovvero da 58 a 72Kg per 1,78) con evidenti accumuli di adipe sulla pancia e cellulite sulle gambe (!!!). Costante stanchezza e difficoltà negli esercizi di ginnastica anche semplici. Scompensi psicologici e depressione latente. Insomma: un’esistenza infernale che ovviamente ha trascinato dentro anche mia moglie e le mie due figlie, nonché i miei familiari e chi mi voleva bene.

STATINE PER MIA MOGLIE E AVVELENAMENTO ONNIVORO CON CEFALEE PER LE MIE DUE GIOIE

Mia moglie nel 2009 ha iniziato a prendere le statine per iperdislipidemia, con colesterolo oltre i 300mg/ml a base genetica, visto che la medicina è bravissima nel dare le colpe ai padri. Ha ricominciato così a soffrire d’asma con obbligatorio uso dei relativi farmaci salvavita (???), corticosteroidi e simili. Le mie due gioie rivelavano già da piccine i sintomi da avvelenamento onnivoro, e me ne accorgo a posteriori. Sin dal primo pasto, la colazione, Eleonora manifestava cefalee a volte seguite dal rigetto delle belle tazze di latte fumante arricchite con il famoso Nesquick, e rigettava pure il latte in polvere della Mellin, povera stella mia, sigh! E queste cefalee si ripetevano immancabilmente dopo pranzo e dopo merenda all’uscita da scuola. E Beatrice, la più piccola, si svegliava con un alito disgustoso e con delle occhiaie inguardabili. E poi i raffreddori, i malanni, i nasi colanti e chi più ne ha più ne metta.

NEL NOVEMBRE 2011 LA GRANDE SVOLTA

L’11-11-11, data facile a ricordarsi, ebbi due ipoglicemie gravissime provocate nel voler abbassare forzatamente due iper-postprandiali oltre i 230 mg/ml, con 0,8 U.I. di insulina (nota bene, una dose infinitesimale!). Dopo una serie di esperimenti che mi hanno definitivamente chiarito che il mio pancreas, anche se a scartamento ridotto, funziona eccome, ho deciso di non utilizzare mai più l’insulina e di abbandonare qualsiasi tipo di farmaco sintetico.

SCOPERTA DELL'ABBASSAMENTO DEI PARAMETRI DI RIFERIMENTO, GRAZIE AL "COMICO" GENOVESE BEPPE GRILLO

La molla, innescata mesi prima e frenata solo dall’ignoranza e dalla paura instillata ad arte dai maledetti servi di bigph4rm@, è scattata nel leggere un libro di estratti dagli spettacoli di Beppe Grillo in cui il comico genovese faceva notare che i parametri di riferimento di tre delle più comuni malattie (diabete, ipertensione, ipercolesterolemia) fossero stati abbassati sistematicamente al punto che, nel giro di un summit medico OMS, tre milioni di persone, che il giorno prima stavano da Dio, improvvisamente erano divenute diabetiche, ipertese e col colesterolo “oltre la norma”!!! E fu la luce.

HO COMINCIATO A DOCUMENTARMI E SONO ARRIVATO AL TUO BLOG

Cominciai allora a studiare e a capire. E dopo Cocca, Tilden, Gerson, Ehret, Shelton e molti altri, dopo tanti documentari-shock sull’alimentazione onnivora che mi hanno devastato e assieme elevato l’anima, e sulle orrende trame delle gigantesche fabbriche di morte (BigPharma e Co), sono approdato al tuo blog e ho capito definitivamente quale era la strada giusta. Si è sbloccato qualcosa in me già profondamente radicato e che aspettava solo il momento opportuno per uscire fuori. Basta violenza, basta crudeltà, basta essere ignoranti ed ignavi. Basta. C’è da dire che queste conquiste te le devi sudare sino in fondo perché nella vita di tutti i giorni ho trovato un ostracismo imperante, sia in famiglia che tra gli amici, e tutt’ora soffro per le mie figlie quando alle festicciole tento di frenare l’assalto alle immancabili sozzerie. Comunque stiamo lavorando per avvicinarci al giusto equilibrio.

IL QUOTIDIANO AVVELENAMENTO IN MENSA

Sono convinto della strada intrapresa al punto di soffrire quando vedo i colleghi in mensa avvelenarsi quotidianamente. Tant’è vero che non vado più in mensa e preferisco mangiarmi la mia insalata e il mio chilo e mezzo di frutta in ufficio. Gli effetti dello stile vegan-crudista-fruttariano si sono magicamente manifestati nel giro di tre-quattro mesi in modo altalenante, ma sull’onda di un miglioramento generale profondo e progressivo.

GROSSI MIGLIORAMENTI FISICI E MENTALI, E PESO DA RIBILANCIARE

Una cosa che vorrei ribilanciare è il mio peso. Sono alto circa 1,78cm, e sono passato da 74kg (taglia 50) a 53-55kg, e da li non schiodo! Anzi, quando ho fatto il mio primo digiuno di due giorni sono arrivato a 51,6Kg! Seguo piuttosto scrupolosamente le tue indicazioni sulle associazioni alimentari, pratico una/due volte a settimana i clisteri depurativi all’argilla ventilata o al bicarbonato (ne ho fatti 4 al mese per due mesi al caffè seguendo le indicazioni di Gerson. Il primo e il secondo sono stati devastanti! Sono stato malissimo due giorni. Dal terzo in poi, dopo l’evacuazione, mi sono sentito progressivamente sempre più leggero e pieno di stupende energie positive. Faccio regolarmente ginnastica, ovvero 20-30min di isometrici tosti, inimmaginabili un anno fa. Sarei morto sfiancato e col fiatone corto. Corro che è una bellezza. Riesco a tagliare 15q.li di legna (motoseghe e accetta) da solo e in un paio d’ore. Sono sempre vigile anche dopo pranzo, mentre i colleghi d’ufficio spesso collassano e vanno in coma per mezz’ora minimo, e poi restano inebetiti per una due ore post pranzo.

SOLERZIA EVACUATIVA

Sono regolarissimo e forse anche troppo solerte nell’andar di corpo. Venti minuti spaccati da quando mi alzo e si sveglia pure il mio carissimo colon, reclamando le dovute attenzioni. Forse anche per quello non riesco a riprendere peso come vorrei. Da circa un mese le mie feci non sono propriamente compatte e tendono al molliccio, coi semini intatti della sera prima! Probabilmente debbo masticare meglio. Attendo la tua opinione in merito.

OGNI ANALISI RISENTE DEL NOSTRO STATO D'ANIMO

Ti terrò aggiornato a riguardo, anche su mia moglie che ti saluta e ti ringrazia. Vorrei infine darti, ad ulteriore conferma della validità delle tue argomentazioni, alcune precisazioni sulle mie analisi cliniche. Come potrai immaginare la mia glicemia e anche la glicata sono spesso sballate. Ti posso dimostrare che a casa, quando mi alzo, sto sempre intorno ai 90-100 mg/ml (misurati con due glucometri diversi!) e che il semplice farmi infilare l’ago nel braccio dai carnefici in camice mi provoca dei picchi sui 150-160 a digiuno che non appena esco dall’ospedale scendono a 90-100! Ergo, i valori delle analisi oltre ad essere parziale istantanea di un andamento generale troppo variabile ed estremamente complesso, sono per di più falsati dalla mia psiche che ordina all’organismo di scappare! Scappa viaaaa!!! E giù botte d’adrenalina. Già ma l’adrenalina non è un’insulino-soppressore? E quindi anche un medico pivello potrebbe capirlo o no? Anche la pressione è scesa a 50-60 di minima e 90-100 di massima, e però quando vedo un camice bianco schizza a 90-130.

HAI RAGIONE SU TUTTI I FRONTI

Trovo insomma che hai ragione su tutti i fronti, per cui non ti tedio oltre, sapendo che, quando sono felice, divento grafomane e logorroico. Ti ringrazio infinitamente per ciò che fai per tutti noi e per l’umanità, ovvero per chi ha orecchie per ascoltare, capire, esplorare. Ti invito ufficialmente quando vuoi qui al nostro B&B mamobel, magari quando vieni per qualche conferenza a Roma o, ancora meglio per svago e relax. Un forte, riconoscente, abbraccio da tutti noi!
Mamobel (Mariano, Monica, Beatrice, Eleonora)

*****

RISPOSTA

LA TUA TESTIMONIANZA SU DIABETE E IPOGLICEMIA E' DI ECCEZIONALE IMPORTANZA

Ciao Mariano a te e al gruppo Mamobel. Messaggio piuttosto lungo, ma la cui importanza si commenta da sé. Non so perché tu abbia inserito i clisteri al caffè stile Gerson, su cui tra l'altro non ho mai
espresso parere positivo. Pratiche sperimentali e curomani da pronto soccorso. Ma non certo adottabili da chi si vuole riprendere col peso. Ti consiglio di masticare meglio i tuoi cibi, o di usare un pestello o
un macinino per i semini. Inserisci poi a metà mattina la crema di avena, usando farina grezza d' avena rollata a freddo (va bene anche la marca Quacker), latte di cereali, e aggiunta di semini e di germe di
grano. Germe di grano aggiungibile in 2-3 cucchiai, sia sulla crema che anche in eventuali centrifugati.

RACCOMANDAZIONI PER IL PESO

Per aumentare di peso ti consiglio di inserire nell'alimentazione avocado, cavolo, cavolino di Bruxelles, zucca giornaliera, patate, saraceno, castagne, banane (accoppiate al pop-corn fatto in casa), germogli, tarassaco, menta, radicchio, olive, uva, cachi. Importantissima per te la respirazione a pieni polmoni, l'aerobica e l'esposizione solare. Esiste anche la farina di pistacchi dalla Sicilia, raggiungibile
su qualsiasi cibo. Non negarti qualche pizzetta alle verdure, e adotta ll castagnaccio all'uvetta e pinoli. Abbonda pure in caldarroste e patate dolci.

Valdo Vaccaro

MEGLIO DOTTORE DELLA NOBILE CAROTA CHE DOTTORE DELLA CHEMIO


LETTERA

NON SI PERMETTANO DI INFASTIDIRTI

Valdo, che non si permettano minimamente di infastidirti altrimenti qui scoppia una nuova rivoluzione francese. Le Forse dell'Ordine, con tutti i delinquenti e criminali che maramaldeggiano a loro piacimento, non trovano di meglio da fare che perseguire un benefattore dell' umanità. So che sei una persona pacifica e sicuramente disapproverai questi toni esagitati, ma quando è troppo, è troppo! Va a finire che ci mobilitiamo tutti in un corteo (pacifico), magari nel tuo comune di residenza.

TRA CAROTA E CHEMIO SCEGLIAMO LA CAROTA

Il paradosso e l'assurdo sono diventati la regola. Meglio in ogni caso dottore della nobilissima carota che dottore delle chemio, delle dialisi, delle asportazioni chirurgiche e delle abbuffate
farmacologiche.
Enzo

*****

RISPOSTA

Ciao Enzo, grazie per la solidarietà che esprimi nella tua mail. Ringraziando te, ringrazio pure i tanti che hanno scritto qualcosa di simile. Sapere di non essere solo e abbandonato in questa battaglia che è
per il progresso, toglie pesantezza al lavoro e gli dà ulteriori significati, ulteriori motivazioni.

Valdo Vaccaro

venerdì 28 settembre 2012

ENNESIMO CASO ATKINS-DUKAN CON 55 CHILI PERSI E RIPRESI


  
LETTERA

OGNI TUA TESINA E’ UNA SPINA NEL FIANCO

Carissimo Valdo, non è la prima volta che ti scrivo, ma in questa circostanza ho bisogno di avere una forte spinta da te! Ho letto il tuo libro "Alimentazione Naturale" e seguo spesso le tue tesine.  Diciamo la verità. Ogni giorno vado nel tuo blog e, regolarmente, mi incavolo con me stessa, e ne ho buoni motivi.

SOFFRO DI BLOCCO CULTURALE E DI PREGIUDIZI SUI CARBOIDRATI

Mi incavolo perché non ho ancora trovato la forza di iniziare questo cammino. Ho delle evidenti lacune culturali che devo superare. Tu dici che senza carne e senza proteine animali si può dimagrire facendo un'alimentazione basata su frutta, verdure e cereali integrali, per cui si arriva a dimagrimento naturale con tutti i benefici che questa alimentazione ti può dare.

PROVENGO DA DIETA LOW-CARB DI SOLE PROTEINE ANIMALI

Devi sapere che, 4 anni fa, feci una dieta di sole proteine animali, senza frutta e cereali. La mia dietologa, legata evidentemente ai principi low-carb, mi disse che i carboidrati e lo zucchero della frutta facevano ingrassare. Ebbi la sventura di crederle e intrapresi la dieta alto-proteica per un anno.

RIDUZIONE DI MEZZO QUINTALE E RIPRISTINO DI TUTTA LA MASSA LIPIDA

E ci fu gioia immensa nel dimagrire tantissimo! Ben 55 kg! Da obesa a modella stile sfilate di Valentino. Ma purtroppo li ho ripresi tutti, con tanto di interessi, nel giro di un paio d’anni. E mi ritrovo oggi a pesare nuovamente più di prima, cioè124 kg tondi tondi.

VOGLIO RIPRENDERE IN MANO LA MIA VITA

Vorrei riprendere in mano la mia vita. Vorrei levarmi da dosso questo sovrappeso che mi tormenta, mi condiziona e mi porta ad avere una qualità di vita scadente e piena di problemi, con mestruazioni dolorose al punto di dover stare a letto per i primi 3 giorni!

RITENZIONI IDRICHE, FLEBITI E IDEE BALORDE SUI CARBOIDRATI

Ho avuto flebiti e soffro ovviamente di forte ritenzione idrica in ogni parte del corpo. Perché non mi ribello alla situazione? Perché sono assillata da questo pensiero che i carboidrati facciano ingrassare e che senza proteine animali si dimagrisce molto lentamente. Aiutami ti prego! Lo so che questa è la strada giusta. Odio le medicine e non ho fiducia nei medici. E sono con te quando dici che l'alimentazione è la nostra medicina per stare bene.

SO CHE QUESTA E’ LA STRADA GIUSTA, EPPURE NON MI DECIDO A PERCORRERLA

Ma sono bloccata. So di essere incoerente con me stessa. Amo pure gli animali tantissimo, ma li mangio pure. So che questa è la strada giusta, ma non la inizio. Ti prego Valdo aiutami ed incazzati pure con me.  Se è per sbloccarmi va benissimo. Grazie e scusami del disturbo. Un bacione.
Cristina

*****

RISPOSTA

UN FILONE DI DIETE FARABUTTE

Ciao Cristina, hai fatto bene a scrivermi, descrivendo a puntino la tua scioccante esperienza. Questa gentaglia che ha diseducato per anni mezzo mondo, e che continua tuttora a seminare zizzania guadagnando vile danaro sulle disgrazie e sulle debolezze altrui, merita una forte denuncia.
E’ il solito discorso sulle diete farabutte americane e francesi, che non sto nemmeno a ribadire una per una. Tutte diverse nelle apparenze ma identiche nella sostanza.

NEGHI IL CARBURANTE E STRONCHI LA FAME CON LE SCHIFEZZE PROTEICHE

Diete basate sulla negazione del carburante e sul regalo di schifezze alternative. Fossero vili escrementi o fosse materiale cotto da letamaio, al posto della carne e delle proteine nobili di cui ti hanno ingozzata per un anno, si otterrebbero gli stessi risultati riduttivi, alla sola condizione di usare le stampelle integratrici mineral-vitaminiche, indispensabili a sorreggere le fatiche del cuore.

ROBERT ATKINS PROFETA DEL CIBO GRASSO-PROTEICO CHE FA DIMAGRIRE

Il capostipite Robert Atkins, stroncato di cancro a 73 anni, morì obeso in tutta segretezza nel 2003, quando pesava 116 kg per 186 cm di altezza. Non fu assolutamente un buon testimonial per le sue teorie, ma ebbe ciononostante un successo commerciale enorme, perché dava modo ai mangioni americani di banchettare a piacere e di perdere peso simultaneamente, cosa che pareva incredibile e persino divina.

SPECIALISTA IN PASTIGLIE E CAPSULE

Le tasche di Atkins erano sempre ingrossate da uno stock di cento piccole diverse, che si divertiva ad esibire ai suoi interlocutori e durante le interviste televisive, ridicolizzando gli obsoleti e banali spremitori di agrumi, quando lui con poche compresse di vitamina-C portava con sé l’equivalente di un carretto carico d’arance e di pompelmi. Non a caso si guadagnò il nomignolo del dietista che si intendeva di diete quanto il maiale dell’Arkansas si intendesse di astronomia.

DIETA DA DIMENTICARE E PERSONAGGIO DA DIMENTICARE

Una dieta da dimenticare quella di Atkins, orribile, pesante, sbilanciata, diseducativa, oltre che pericolosissima. Casi come quelli della Cristina ce ne sono a bizzeffe in America ma non solo. La maggior parte stanno sotto terra, mandativi in forte anticipo da questo lugubre nutrizionista-becchino. Ma la stupidità della gente è senza limiti. La voglia di farsi abbindolare sembra essere infinita. Altra gente continua sulla stessa lunghezza d’onda. E nuovi allocchi si trovano sempre.

PERCHE’ MAI FALLISCONO TUTTE LE DIETE ATKINS, LE ANTIGLICEMICHE MONTIGNAC, LE GRUPPI-SANGUIGNI-D’ADAMO, LE ZONISTE-SEARS?

Dove sta il motivo del fallimento? Qual’e’ la differenza cruciale tra dimagrimento rapido atkinsiano e dimagrimento rapido igienista? Non ci sono segreti. Lo spiegherei con facilità a un bambino di prima elementare. Occorre solo capire una cosa, e cioè che il sistema cellulare non accetta la carestia e la fame. Se non arriva cibo se lo procura mangiandoci dall’interno.

CON LE DIETE LOW-CARB TI AUTOINTOSSICHI PER TRE VIE SIMULTANEE

Col sistema Atkins, affami le cellule che ti auto-cannibalizzano il grasso, per cui cali rapidamente di peso. Ma nel contempo succedono tre gravi inconvenienti:

1) Incrementi la percentuale di inquinanti interni, visto che i veleni accoppiati alle cellule adipose non vengono assorbiti dalle cellule ma rimangono nel sistema.
2) Incrementi la percentuale di accumulo detriti virali-cellulari interni, visto che la carne comporta acidificazione, putrefazione, leucocitosi, rallentamento linfatico e intasamento virale. 
3) Incrementi la percentuale di veleni esterni, visto che la carne regala non solo acidi urici e prioni mucca pazza, ma anche qualcosa come 2200 sostanze proibite e catalogate.

TI RITROVI STRAVUOTO DI GRASSO E D’ACQUA MA ANCHE STRACOLMO DI VELENI E CARICO DI UNA SETE MICIDIALE

Alla fine ti ritrovi stravuoto di grasso ma anche strapieno di veleni che agiscono da micidiali ritentori idrici, per cui il corpo ti spinge a una sete incontenibile e ogni cosa che bevi rimane dentro, per cui è scontato che ognuno si riprenda i chili originari più gli interessi.

NEL DIGIUNO IGIENISTA VA VIA IL GRASSO E VANNO FUORI I VELENI

Col sistema vegan-crudista e digiuno igienista associato, il grasso viene anche in questo caso cannibalizzato dalle cellule, ma i veleni di accompagnamento non rimangono all’interno e se ne vanno fuori grazie ai tanti litri di acqua distillata previsti e raccomandati.

SI PERDE PESO E NON LO SI RIPRENDE MAI PIU’

Con questo sistema si perde peso nettamente, velocemente e non lo si riprende più, alla sola condizione di non rifare gli antichi errori, di continuare con la dieta vegana-vitalistica anche nel dopo-digiuno e nell’associare alla medesima un piano giornaliero di esercizi fisici aerobici, un piano di respirazione e di esposizione solare, con tamti bagni per stimolare ed attivare le funzioni eliminative della pelle.

NON SIAMO DIMAGRATORI O INGRASSATORI, MA RIPRISTINATORI DI SALUTE

Non ho altre cose da dire. Schemi dimagranti, detossificanti e riduttivi ce ne sono a iosa nel blog. Testimonianze di dimagrimento anche. Le proteine animali non sono cibo per gli umani, indipendentemente dalle loro condizioni di peso. Lo scopo dell’igiene non è mai quello di ingrassare o dimagrire le persone, ma quello ben più razionale di ripristinare la funzionalità e la salute.

IL GRASSO E’ UN SINTOMO E NON VA TOCCATO

Il grasso, l’adipe, il sovrappeso non possono poi diventare target ed obiettivo terapeutico. Sono aspetti esterni fastidiosi e a volte drammatici, ma si tratta sempre di sintomi, di segnali di spie rosse accese, e i sintomi non vanno curati per nessuna ragione al mondo. Occorre andare oltre e curare la malattia psicologica e culturale che porta a credere certe cose, a farsi ciullare da determinate fonti di disinformazione e a consumare materiale orrendo ed incompatibile.

Valdo Vaccaro

TUMORE POLMONARE, METASTASI OSSEE E 3 MESI DI VITA




LETTERA

IL DRAMMA SORGE A INIZIO AGOSTO

Ciao Valdo, ti scrivo perché hanno appena diagnosticato a mia cognata di 45 anni un tumore ai polmoni con metastasi ossee. E' cominciato tutto all'inizio di agosto quando, sollevando una borsa della spesa, si è frantumata un braccio.

L’ODIERNA DIAGNOSI E’ SENZA SCAMPO

Con i successivi accertamenti, sono arrivati alla terribile e disperante conclusione oggi stesso. Tre mesi di vita. Hanno consigliato di portarla in un centro per malati terminali, ma noi vorremmo che venisse con noi.

LA SEGUIREMO DA VICINO PER DARLE UNA ULTIMA CHANCE

Stiamo sull'Appennino e un po' fuori dal mondo. La potrei seguire con l'alimentazione. Ho letto di un centro di Igiene Naturale a Macerata, vicino tra l’altro a dove è nata, dove praticano alimentazione naturale. Potrebbero aiutarla?

CENTRO IGIENE A MACERATA E CLINICA GERSON IN UNGHERIA

Cosa ne pensi della clinica in Ungheria dove praticano la terapia del dottor Gerson? Abbiamo più che mai bisogno di un tuo consiglio. Ti posso allegare la sua cartella clinica appena riesco ad
averla. Come sempre grazie della tua attenzione.
Serena 

*****

RISPOSTA  

A VOLTE SERVONO NERVI D’ACCIAIO PER FAR FRONTE AGLI EVENTI

Ciao Serena, questi sono i messaggi raggelanti che non vorrei mai ricevere ma che purtroppo  fanno parte dell’esistenza. Nel pacchetto-vita è sempre incluso anche un pacchetto-fine, che diventa pesante e drammatico, soprattutto se manca la giusta dose di filosofia e di accettazione nei riguardi di quanto ci accade.

UNA PATOLOGIA DI PESSIMA REPUTAZIONE

Il cancro al polmone è una delle malattie più micidiali che possano colpire il genere umano, anche per la rapidità con cui incalza il male, localizzato nei pressi dei gangli vitali e del sistema linfatico, e portato a diffondersi in metastasi di diverso tipo, come verso le ossa del caso specifico. E’ la prima causa di morte cancerogena nel mondo occidentale e, 4 casi su 5, vengono associati al fumo attivo o passivo di sigaretta, con dimostrato ed inequivocabile rapporto di causa ed effetto.

CLASSIFICAZIONI E DISTINZIONI MEDICHE

E’ un tumore che inizia quasi sempre nella parte spugnosa e grigio-rosata dei bronchi, che rappresentano le vie aeree ramificate dei polmoni. La medicina  ha collezionato una ventina di casistiche tumorali-polmonari definite maligne, suddividendole in cancro a piccole cellule o a grani d’avena (uno dei cancri più aggressivi), e cancri a cellule non-piccole, come il cancro a cellule squamose, l’adenocarcinoma, e il cancro polmonare a grandi cellule.

L’ADENOCARCINOMA PREVALE NELLE FEMMINE

Il tumore squamoso è tipico dei fumatori maschi e origina nei bronchi centrali, nei rami più grandi dell’albero bronchiale, per cui è facile da diagnosticare. L’adenocarcinoma polmonare colpisce prevalentemente le donne ed è di difficile diagnosi precoce, in quanto origina lungo i bordi esterni del polmone, tra il polmone stesso e la parete toracica.

LE CAUSE DEL TUMORE

I sintomi rivelatori sono la tosse cronica e persistente chiamata tosse del fumatore, con espettorato mucoso striato di sangue, respiro fischiante, raucedine, respiro corto. Le cause sono il fumo, visto che chi marcia a 2 pacchetti/giorno ha un rischio triplicato rispetto a chi non fuma. Occorre però anche guardarsi dalle polveri sottili industriali, dalle polveri di asbesto o amianto, dalle polveri di silicio e di arsenico, dal piombo e dai residui di idrocarburi, e dal radon accumulante di case e uffici, misto a sostanze venefiche emesse da rivestimenti, plastiche, detersivi, toeletteria e vernici (importante arieggiare spesso e non tapparsi a protezione di aria riscaldata e aria condizionata, e a rovina di chi ci vive dentro).

BANDIERA BIANCA E REPARTO TERMINALE

Il cancro al polmone, quando è metastatizzato, diventa molto difficile da trattare per gli stessi medici. A quel punto essi alzano bandiera bianca e rinunciano ad intraprendere iniziative chirurgiche, come pare sia successo nel presente caso. Un mesto commiato e un invito per i familiari a impostare al meglio la qualità e la durata della vita residua (non oltre la soglia ottimistica dei 3 mesi), trasbordando la malcapitata al reparto malati terminali con tanto di serenità, rassegnazione, e indispensabile corredo di morfina.

RECUPERO PIU’ FACILE IN ASSENZA DI COMPLICAZIONI IATROGENE

Non ho ancora capito, data la laconicità del messaggio, se la paziente ha subito dei trattamenti di alcun tipo, o se è stato tentato qualcosa rivelatosi via non efficace. Mi pongo il problema non tanto per fare delle speculazioni inopportune o delle critiche ai medici curanti, ma per valutare le effettive residue possibilità di remissione spontanea, ammesso che esistano. Un non-trattato dai farmaci presenta chiaramente maggiori possibilità di recupero.

OGNI ISTANTE DI VITA E’ BUONO PER REAGIRE

Non dimentichiamo che la paziente ha 45 anni ed è tuttora in vita. Essere vivi può significare essere male in arnese, ma significa anche non essere ancora né in fase terminale e tantomeno in fase onoranze. Se serve rassegnarsi, per andarsene con un sorriso il più possibile sereno, è opportuno farlo, cercando magari consolazione nella vita tra la morte e la nuova nascita, per usare le parole di Rudolf Steiner. Ma se c’è la voglia di ribellione e di reazione al male, perdio va esperita non solo oggi e domani, ma fino all’ultimo istante.

IN PRESENZA DI FAMILIARI IGIENISTI, LA SOLUZIONE MIGLIORE E’ LA PROPRIA CASA

Dire se va bene Macerata, dove esiste il centro igienista del dr Giuseppe Cocca, o la clinica Gerson di Budapest, o meglio ancora la quiete e l’impagabile rilassamento dello stare accanto ai propri cari, respirando a fondo, smaltendo le ansie e gli immaginabili sconvolgimenti patiti, non è facile. Bisognerebbe consultare tali strutture e verificare la loro disponibilità, che potrebbe anche non esserci, viste le condizioni critiche.

LE ARMI DI CONTRASTO ESISTONO

Stando essa con voi, alimentandosi al 100% di frutta stagionale e centrifugati verdi inclusivi di sedani, radici di zenzero e di fitolacca (pianta invadente e comunissima negli orti, alta, con grappoli di falsa uva, e con grosse radici), di piantaggine, acetosa, salvia, bardana e ortiche, tuttora reperibili allo stato fresco nei nostri campi, e con l'aiuto di succo di limone giornaliero (allungato con acqua e addolcito con stevia o mirtillo/uva, diventa ottima bevanda anti-cancro), potrebbe scattare la leva che porta al recupero prodigioso ed inesplicabile che spesso va a sbalordire anche i medici più pessimisti.

PASTOSI ED OLIATI CATAPLASMI ESTERNI DI CIPOLLA O DI FITOLACCA

Applicando esternamente intorno al torace cataplasmi di cipolla macinata, alternati a cataplasmi di pasta densa ottenuta con radici di fitolacca centrifugate e mescolate ad acqua minerale e comune olio di oliva (ciascun cataplasma, un giorno a pasta di cipolle e uno a pasta di fitolacca, da tenersi per 12 ore fino anche a 24 ore, nonostante l’odore poco simpatico), si possono ottenere risultati notevoli. La fitolacca è specificamente efficace per smuovere il sistema linfatico, prima causa di problemi polmonari e non solo di quello.

MUOVERSI E RESPIRARE

Alla paziente serve solo serenità, aria e allungamento progressivo del respiro, sole sulla pelle nuda al riparo dal vento (nelle ore più calde), camminare e respirare anche con l’aiuto di un sostegno, e secondo le proprie possibilità. In un certo senso, il non aver subito trattamenti chemio, e quindi nessuna decapitazione immunitaria, potrebbe diventare la leva salvavita.

FATTORI DI REMISSIONE SPONTANEA

Per la remissione spontanea, oltre alla divina volontà e al solito pizzico di buona sorte, giocano ruolo fondamentale i seguenti fattori:

1) Residua capacità del fegato e degli altri organi vitali incluso i polmoni, aiutati dalla pelle che deve essere mantenuta in efficienza, in traspirazione, in uso frequente di bagni alternati tiepidi e freddi (stimolo alla circolazione).
2) Residua capacità di rigenerazione del sistema immunitario, specie se decapitato da diete alto-proteiche ospedaliere, da farmaci e da altri interventi invasivi.
3) Spirito combattivo della paziente, con adeguata motivazione e autentica voglia di riprendersi e di auto-guarire.
4) Ambiente familiare, amorevole, sereno, riposante.
5) Dieta rigorosamente vitale, crudista, vegana, fruttariana e clorofilliana.

IL RIPRISTINO DEL FLUSSO EMATICO, MEDIANTE BUONE DIGESTIONI E’ IN GRADO DI BLOCCARE E DEATTIVARE OGNI PATOLOGIA

E’ bene sapersi, da parte di tutti, che con una coerente serie di buone digestioni prolungate nei mesi e negli anni, si assiste sempre e comunque a un rinnovo ematico, a una straordinaria trasformazione del sangue e nel contempo, a un portentoso ripristino della funzione linfatica. In pratica, con una digestione perfetta e priva di acidosi, di putrefazioni miasmatiche e di leucocitosi assimilative, l’esistenza di malattie polmonari ed extra-polmonari, nonché la permanenza di condizioni patologiche croniche o cancerogene, diventano impossibili. La salute impeccabile e vibrante non è un mito ma un concreta realtà, se rispettiamo i requisiti fondamentali dell’igiene naturale.

Valdo Vaccaro