Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

mercoledì 6 marzo 2013

METEORISMO E QUALITÀ DELLA VITA


LETTERA

PERCORSO VEGANO AFFLITTO DA METEORISMO

Gentilissimo Valdo, sono mesi che ti seguo e, abbandonati i cibi di origine animale, mi attengo secondo le mie possibilità e necessità al tuo schema alimentare. Ti scrivo perché ho un problema che non riesco a risolvere. Ho continuo gonfiore all’addome, in particolare nella parte bassa. Credo lo si possa definire meteorismo. Si aggrava dopo i pasti e determina digestione più lenta, senso di pienezza, ed eruttazioni frequenti. Le feci sono normalmente ben formate e di aspetto normale però le evacuazioni non sono proprio regolari, senza tuttavia una stipsi importante.

ECCESSO DI FIBRE CON LA DIETA

Sono attento alle combinazioni alimentari, però forse la troppa frutta o la verdura cruda potrebbero essere responsabili o comunque aggravare questo fastidio, che è aumentato in modo importante proprio dopo essermi spinto maggiormente verso il crudo. Inoltre non riesco a mangiare come vorrei legumi, cereali integrali o frutta secca perché determinano un peggioramento del gonfiore. Tutto questo mi sta anche portando a dimagrire. È possibile che stia introducendo troppe fibre? Secondo te si deve porre un limite al consumo di fibre e come posso fare a mangiare cibi che ne contengono in abbondanza?

DISBIOSI INTESTINALE

Pensi che questa situazione sia dovuta ad una condizione di disbiosi intestinale? Sono a conoscenza delle teorie igienistiche sui microbi, ma non ritieni che ci possano esserci degli abitanti dell’intestino come batteri anaerobi, parassiti, funghi, che se in eccesso e in equilibrio alterato possano determinare dei disturbi fermentativi e putrefattivi, anche alimentandosi con il cibo corretto? È possibile pensare alla presenza di intolleranze alimentari? Nelle tue tesine non ho trovato notizie complete sul ruolo della flora batterica intestinale e sulle intolleranze alimentari. Credo sarebbe molto interessante un tuo scritto dettagliato a riguardo, come solo tu sai fare!

FERMENTI LATTICI E PIANO D’AZIONE CONTRO LA DISBIOSI

Condivido l’opposizione igienistica a integratori e farmaci, ma volevo sapere cosa ne pensi dell’utilizzo di sostanze antimicrobiche naturali come l’aglio o l’estratto di semi di pompelmo, magari in associazione a un ciclo di fermenti lattici una tantum per ripristinare la flora intestinale. Se non pensi che esistano alternative valide, potresti descrivere un piano generale d’azione contro la disbiosi e il meteorismo?

SPERO IN UNA SOLUZIONE NON A SOLI CENTRIFUGATI
Spero ci sia una soluzione che non veda il ricorso a digiuno o settimane a soli centrifugati perché risulterebbero molte difficile da attuare, almeno nel mio caso, vista la magrezza e lo stile di vita molto attivo! Spero che riuscirai a rispondere e spero che la tua risposta possa essere d’aiuto per molti. Grazie mille per il tuo lavoro e il sostegno che dai a tutti noi. Con profonda stima e affetto.
Luca

*****

RISPOSTA

ADATTARE LO SCHEMA ALLA PROPRIA SITUAZIONE PERSONALE

Ciao Luca. Per lo schema nutrizionale delineato nella tesina del 16/4/11, e ricorrente nelle varie conferenze dedicate spesso al cibo, tipo Vivere secondo natura, Cibo per la vita, e simili, ti ricordo che esso è valido nella misura in cui ognuno lo sa trasformare e adattare ai propri gusti e alle proprie esigenze, senza stravolgerne i principi fondamentali. Principi fondamentali che sono il rispetto degli animali, la leggerezza della dieta, la freschezza e la digeribilità dei cibi, il saper ridare funzionalità al proprio intestino, prima di pretendere che le digestioni vadano a buon fine.

CHI SEMINA GIUSTO DEVE ANCHE POTER RACCOGLIERE

In realtà uno schema ideale non esiste. Esistono piuttosto tante soluzioni diverse che ognuno di noi deve sapersi confezionare addosso. È un vero peccato che uno come te, preparato e aperto mentalmente, sia costretto a vivere male con gonfiore e con scarsa percentuale di assimilazione. Ovvio che tutti hanno diritto a stare bene, senza eccezioni e precedenze. Ma chi possiede la tecnologia e la corretta informazione per fare la giusta semina, chi è supportato da illuminazione e da competenza, dovrebbe anche poter raccogliere copiosi frutti, dando possibilmente il buon esempio.

TROPPO COMPLESSO L'ARGOMENTO PER POTERSI RISOLVERE CON UN ARTICOLO

Parlare di disbiosi e di simbiosi significa automaticamente parlare di flora batterica, suddivisa in putrefattiva e saprofita, in disbiotica e simbiotica. Indovinare il giusto mix intestinale non è facile. Trattasi di un lavoro continuo che dobbiamo portare avanti giorno dopo giorno. È la famosa ricerca dell'equilibrio, o se vuoi della mitica quadratura del cerchio. I ragionamenti che fai sono tutti condivisibili. Fare una tesina approfondita, dettagliata e ritmata sulla simbiosi e la disbiosi sarebbe come farne una su bontà e cattiveria, o una sull'anima. Un andare avanti infinito arrampicandoti su degli specchi.

FIBRE O NON-FIBRE?

Del resto ho scritto molto sul questo argomento. Le tesine qui citate sono solo un esempio. Bella la tua domanda "Sto forse introducendo troppe fibre?" Le fibre naturali vanno sempre e comunque introdotte, ma con limitazioni e con progressività, compatibilmente con le reazioni concrete del tuo intestino. Nessuno vuole per questo costringerti ai centrifugati che risultano incompatibili con lo stile di vita attivo e con la tua magrezza. Occorre come vedi trovare la giusta via di compromesso.

CENTRIFUGATI E AFFINI, PURCHÉ SI RICREI FUNZIONALITÀ GASTROENTERICA

E allora torniamo al discorso iniziale del personalizzare gli schemi. Per qualcuno il discorso pranzo e cena è relativo, per altri è fondamentale. Salvando la spremuta di agrumi al risveglio che a mio avviso è basilare, si può inserire almeno un centrifugato classico al giorno, inclusivo di semi di zucca e di di semi di finocchio pestellati o macinati. Nel caso tuo serve avocado e servono germogli. Servono anche cibi solidi. Non esiterei a dirti di inserire piatti di patate, di pasta e di pizza, al fine di farti riprendere del peso. Ma rimane sempre il rebus della assimilabilità. È per te d'obbligo risolvere la questione del colon e della simbiosi, ovvero della digeribilità dei cibi nell'intero percorso. In usto momento anche il miglior cito finisce per trarti problemi.

È UNA QUESTIONE DI QUALITÀ DELLA VITA

Se uno è afflitto da infiammazione alla mucosa intestinale deve per forza rimettersi in stato di equilibrio e di funzionalità, andandone altrimenti di mezzo la qualità della vita. Pensa allo zar Nicola II di Russia (1894-1917), che scendeva con l'intera famiglia in ferrovia, dalla Russia fino a Zurigo, per farsi curare il colon dal dr Max Bircher-Benner (1867-1939), straordinario interprete salutistico di quegli anni, e tuttora punto di riferimento per ogni valida strategia di ripristino funzionalità intestinale. L'imperatore di tutte le Russie aveva capito l'importanza dello stare bene e in forma.

OCCORRE AFFRONTARE IL PROBLEMA E RISOLVERLO

Per rimettere in ordine il colon serve una dieta rivitalizzante e nel contempo detossificante. Una strategia che può richiedere anche 6-8 settimane, lavorando con la centrifuga al posto dei fornelli, mettendoci dentro tutte le radici e le foglie possibili (4-6 tipi per volta e non di più), con prevalenza di carote, radici, patate dolci, topinambur, bietole, sedano e mela o ananas, cucchiaio di germe di grano, pizzico di peperoncino, di aglio, di zenzero. Proseguire in questo modo finché le condizioni non migliorano in modo sensibile e definitivo. A quel punto si cominciano ad aggiungere gradualmente verdure, germogli e cibi completi vegani e tendenzialmente crudisti, da masticare. Non credo troppo nei fermenti lattici.

DEFINIZIONE E CAUSE DI METEORISMO

Si definisce meteorismo un anomalo eccesso di gas, capace di causare spasmi e gonfiori addominali, con stitichezza alternata a diarrea, tipica delle varie coliti e delle varie insufficienze intestinali.
Quali le cause di meteorismo? A) Aerofagia causata a sua volta da pasti frettolosi e stressanti, da scarsa ed inaccurata masticazione, dal parlare durante il pasto, dall'assumere poi gomme da masticare, mentine e caramelle, dolcetti fuori dai pasti, bevande gassate, bevande con la cannuccia. B) Eccesso di cellulosa e di fibre per un intestino che non la sopporta (ridurla convenientemente, usando la centrifuga e scartando le fibre, durante il periodo di cura). C) Alterazione nell'assorbimento dei gas intestinali, compromesso da malattie epatiche ed intestinali che bloccano il convogliamento dei gas nel torrente circolatorio, con conseguente accumulo gas nell'intestino. D) Sindrome Crohn dell'intestino irritato. E) Diverticoliti. F) Scorrette combinazioni alimentari. G) Intolleranze alla caseina e al lattosio, o anche al glutine ed all'alcol (tutte logiche ed accettabili). H) Intolleranze ed allergie assurde e comunque temporanee a cibi naturali, dovute a impregnazione generale del corpo e quindi a diminuzione dei margini di tolleranza alla sopportazione digestiva delle sostanze.

TESINE DA LEGGERE

- L'addome gonfio e pronunciato, del 4/7/10
- Crohn, sindrome del colon irritabile, del 15/1/12
- Dissenteria, disbiosi e curomania, del 9/8/12
- Diarrea ostinata, dolori ventrali ed emorroidali, dell'11/3/12
- Divorzio salla disbiosi e dalle proteine animali, dell'8/9/10
- L'aria che tira, l'intestino e i traumi relazionali, del 10/5/12
- La salute umana parte dal colon, del 24/6/10
- Dispepsia, diarrea e dissenteria, del 16/11/10
- Fermentazione alcolica e ciclo assimilativo serale, del 31/12/11
- La pancia non c'è più, del 21/2/10
- Verdure che gonfiano e frutta che fermenta, del 25/3/09
- Sindrome di Roemheld, meteorismo e cardionevrosi, del 14/1/13
- Dispepsia, meteorismo e gonfiore intestinale, del 10/1/13
- Ostaggio della disbiosi intestinale, del 14/12/12
- Strategie di punta contro colite intermedia e dissenteria, dell'1/8/12
- Gastroenterite Crohn e crampi addominali, del 9/7/12
- Il paradosso digestivo della frutta viva, del 19/9/10
- La disbiosi e la palla di cristallo, del 31/3/10
- Vittoria su nefrite e dispepsia funzionale nel mirino, del 14/8/12
- Candide, parassiti, malattie allergiche ed autoimmuni, del 31/12/10
- Proteinomania e disbiosi intestinale, del 31/10/10
- Ascaridi, virus, implosione putrefattiva e guarigione, del 6/3/12

Valdo Vaccaro

Nessun commento:

Posta un commento